Archivi categoria: il mistero zabini

Eau de finesse.

Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti funzionari del Ministero
"Ancora?!" direte voi, senz’altro già sazi del notevole carnet che di recente vi abbiamo proposto.
Ebbene sì, miei cari, ce n’è ancora. I pout-pourri di Mary Sue interpretate da attrici piacenti ma attempate che vestono Dolce&Pakkiana e che si esprimono come la versione volgare di uno scaricatore di porto paiono non essere intenzionati a finire. E per ripicca dovere di cronaca, noi li riferiamo a voi.
A "normal" year at Hogwarts, opera prima di Jenn_and_Alex è consultabile in versione integrale all’indirizzo http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=453672 ed il suo contenuto è sconsigliato ai minori di 18 anni, alle donne gravide, ai cardiopatici, ai deboli di stomaco e a chiunque abbia un minimo di buon gusto. E ora capirete perché.
L’incipit della storia, ahinoi, segue l’abitudine ignominiosa di piazzare a secco, senza nemmeno un po’ di vaselina, il nome della/e protagonista/e con accanto il link al relativo prestavolto. Il che è abbastanza avvilente, perché una descrizione ben fatta, magari in medias res, vale più di mille immagini di attricette slavate e della sconclusionata lista della spesa con la quale pregi (tanti) e difetti (pochi) delle due protagoniste ci vengono esposti: Jennifer Dawson, una ragazza americana che vive sola con la madre a Los Angeles, mora con gli occhi azzurri, alta e magra, intelligente e furba, un po’ deboluccia di carattere mah, io un furbo non lo immagino proprio debole di carattere… il concetto di furbizia implica una certa dose di carisma e di abilità nel raggiro (giocare a D&D inizia a far male), il che implica a sua volta confrontarsi e averla vinta sugli altri… cosa che una persona debole di carattere non dovrebbe, per definizione, riuscire a fare molto dolce e sensibile, ma anche coraggiosa insomma, un incrocio tra Teddy Ruxpin e Rambo con poco stile nel vestire vedremo più avanti il discutibile concetto che l’autrice attribuisce alla parola stile anche se bellissima e affascinante come ragazza solo come ragazza: come bipolare malvestita, au contraire, non è credibile e Alexis Crawford che vive a Liverpool con la sua famiglia, molto bella anche lei ci mancherebbe, ci manche! bionda con gli occhi quasi color ghiaccio azzurri, insomma alta, magra, decisa, intelligente, simpatica, coraggiosa e anche con cerchi in lega, vernice metallizzata, climatizzatore, ABS, trazione anteriore e chiavi in mano un po’ stronza ma sì, andiamone fieri! D’altra parte, le autrici stesse tengono a specificare che vogliono solo raccontare la società giovanile d’oggi (…) perchè è inutile vivere nel mondo dei sogni dove tutti sono buoni, tranquilli e casti. Secondo questo principio, allora, è anche inutile scrivere di Harry Potter, per un’ottima serie di motivi (Dolores Umbridge mode: ON):
1. La società giovanile d’oggi non è quella di quando Harry è ad Hogwarts: lo sfregiato entra a scuola nel 1991;
2. Non si chiede che tutti siano buoni, tranquilli e casti, ma è anche vero che Hogwarts è una scuola molto, molto, MOLTO rigorosa e non ci sono sale comuni o stanze delle necessità che tengano anche se qualche studente ha l’impellente bisogno di lenire i propri pruriti: ad Hogwarts andare in bagno (Neville docet) ha più dignità di una sana trombata;
3. Visto che ormai è la regola piazzare in prima pagina foto varie ed eventuali dell’attrice che interpreta la/e Mary Sue di turno, perché non si schiaffano i volti di Daniel Radcliffe o di Tom Felton accanto ai nomi dei Gary Stu di una fanfiction originale ambientata in quella che sembra una scuola di magia ma che in realtà è uno squallido e sboccato lupanare? Anche perché a un certo punto vien fuori come un fungo un certo Nicholas Linley, ragazzo alto e muscoloso, capelli castani e occhi verdi, dal carattere molto simile a quello di Draco, per questo è il suo migliore amico, anche se forse era leggermente meno acido del quale la Rowling non ha mai parlato e del quale noi avremmo fatto volentieri a meno;
4. Ron che dice che ne dite facciamo un po’ di casino stasera in sala comune? Giusto per divertirci un po’ non è credibile nemmeno in un’OOC;
5. Hermione che dice merda non è credibile nemmeno in un’OOC.

Hogwarts non è turpiloquio, non è festini a base di alcol, sesso e rock ‘n’ roll, non è indossare il cavolo che si vuole e riceverne in cambio una smorfia al succo di limone. Ricordiamo tutti il Ballo del Ceppo e i Lumaparty: ad Hogwarts ci si diverte così. Mi rendo conto che siano situazioni poco piccanti, ma d’altra parte cambiare ambientazione è un attimo… visto e considerato che, nomi e aspetto fisico a parte, i protagonisti sono già stati belli che snaturati (Dolores Umbridge mode: OFF).
…so di avere spezzato il ritmo di una descrizione incalzante, miei piccoli lettori, ma non possiamo dimenticare che tale eviscerazione di vizi, di stili e di virtù ha luogo mentre le due donzelle stanno correndo verso l’aula di Difesa, in ritardo maximo come solo una (anzi, due) Mary Sue ha diritto d’essere.

Ma la sorpresa è dietro l’angolo: il professor Piton le punisce, infischiandosene bellamente della loro fulgida suosità. V’invito tuttavia a non esaltare, perché per il crudele volere del destino, sono in punizione anche Potter, Malfoy, Zabini e il succitato Linley. E la punizione è esemplare: scrivere un tema sul quanto sia sciocco non seguire le regole.
Tronfio e soddisfatto della durezza della pena da far scontare ai castigati, Piton in versione maestro unico abbandona sulla scrivania i cappelli di carta con le orecchie d’asino per chi sbaglia gli apostrofi e lascia da soli i suoi studenti, non immaginando di certo che di lì a poco un’aula di un’antichissima e rigorosissima scuola di arti magiche si sarebbe trasformata in un ghetto suburbano, dove austeri Serpeverde si trasformano in papponi che picchiano e prendono per i capelli stupide puttane (sic!) Grifondoro la cui massima capacità d’espressione è pregevolmente sintetizzata in un secco ti spacco il culo!
Dopo una rissa al confronto della quale Lil’ Kim diventa la regina Elisabetta con tanto di cappellino, e dopo una gratuita profusione di volgarità che non fa altro che aumentare l’irritante illegibilità della fyccina, l’attenzione si sposta sul covo dei Grifondoro dove, guardate voi il caso, Ron e Dean stanno organizzando un festino e Seamus Finnigan è alla disperata ricerca di una gamba con la quale accoppiarsi.
Ora, i veterani e non solo sanno bene che in genere la narrazione di un festino (alle Vestali piace dir così, eccheccevolemofa’) è preceduta da una nauseabonda quanto inutile descrizione di quel che la/e Mary Sue indosseranno per far cadere ai propri piedi la preda designata. Ed ecco quindi Alexis in pantaloncini corti bianchi, una maglia nera scollata a maniche lunghe e i tacchi. Jennifer invece si mise i suoi Jeans stracciati, le scarpe da tennis e una felpa nera. La voce narrante tiene a far sapere che Jennifer non aveva molti abiti di classe. Ma Alexis può star tranquilla: nemmeno lei ha abiti di classe.

La sala comune era ricca di alcool tra cui Vodka e Ruhm No, ccioè, voddka e rrumm, trooooooppo avanti, troooooppo ribbelle! Varie bottiglie di Limoncello Limoncello?? LIMONCELLO?!?! e alcune Burrobirre no, ccioè, trooooppo di contrabbando la bburrobbirra… e fu così che si scoprì che i Tre Manici di Scopa era in realtà uno dei peggiori bar di Caracas. Per i “santarellini” invece erano poggiati in un tavolino a parte succo di zucca e acqua. (l’eventualità che tra un superalcolico e un altro tu abbia bisogno di sedare l’arsura non è contemplata: se bevi acqua sei sfigato e punto). Ovviamente, la scena che ci viene proposta non è diversa dai millemila festini dei quali abbiamo letto tutti questi anni: fumo, scambi di effusioni, baci, abbracci, dormitori pieni di studenti che facevano sesso e sale comuni in cui alcuni addirittura si scambiavano “piaceri” in sala comune (dopo questa, non guarderò più con gli stessi occhi chi si presenterà dicendo "piacere!"), Ron mezzo ubriaco che ci prova con Jennifer, Alexis che fa la danza dell’amore con due innominati compagni di Casa… e notizie di concerti rock a Diagon Alley.
Alla fine della fiera ci resta solo uno sgradevole amaro in bocca, accentuato da due sconcertanti rivelazioni:
1. Jennifer ha un segreto (ooooooh) e Draco ovviamente sa tutto (come, non è necessario spiegarlo); 2. Tra uno stronzo, un cazzo, un idiota e un vaffanculo, in fondo in fondo, quello tra Alexis e Nick è un rapporto di “odio&amore” (che sembra troppo, ma troppo, il titolo di un libro di Moccia… no, no, signor Moccia, faccia conto che io non abbia detto niente!).
3. Stanca dei vestiti da verginella impaurita, Jennifer prende una decisione importante: tornerà quella di prima: capelli sciolti al vento, trucco visibile ma leggero e vestiti sexy e provocanti. La McGranitt ne sarà FELICE.

E fu così che, già il giorno successivo, Jennifer era tornata la “barbie” di sempre (…) Le ragazze erano sempre state invidiose di Alexis. E lo sarebbero state anche di Jennifer. Da quel giorno le due amiche, sarebbero state le più ammirate e invidiate di tutta la scuola, e non solo per l’aspetto fisico, andando ad allungare la lista di supermiglioriamichestrafichissime che ammorba il potterverse dacché è stato contagiato dal virus delle fyccine.
Come pronosticato, la mini-gonna, davvero MINI, la maglia che lasciava intravedere il piercing all’ombelico, le scarpe tacco 8 (il tacco 8 è fondamentale!) e tutto il resto dell’ambaradan liquidato con un accessori vari (quindi io sono in diritto di immaginare qualunque tipo di accessorio… e quando dico qualunque intendo QUALUNQUE) non risultano molto graditi alla McGranitt.
”Signorina Dawson! Le sembra l’abbigliamento corretto per presentarsi ad una lezione?”
”Beh no, ma è l’abbigliamento corretto per far colpo non trova prof?”
Ma la McGranitt (lei sì!) è donna di classe, e mentre un boato di risate si dileguò (dileguossi, lol! No, a parte lo scherzo, il verbo non c’entra una fava, ma d’altra parte controllare il vocabolario è troppo impegnativo) per tutta l’aula, arbitra la contesa tra una Jennifer ampiamente troia e un Draco punto nel vivo come un Pierluigi Collina del Mondo Magico, sventolando il cartellino giallo con tanto di punizione: entrambi verrete nel mio ufficio e passerete il tempo a scrivere “IO NON SONO IL PADRONE DELLA SCUOLA”.
Con la McGranitt, Hogwarts conta già due maestri unici. Solo che lei alle orecchie d’asino preferisce mettere gli studenti in castigo dietro la lavagna.
Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti funzionari del Ministero, abbiamo ormai appurato che in questa Hogwarts parallela, le ore di punizione sono più galeotte del libro e di chi lo scrisse. Volete quindi che Jennifer non si accorga di essere innamorata di Draco? Volete che Draco non riveli a noi assetati lettori che qualcuno, in passato, ha tentato di violentare Jennifer? Che Jennifer, per tutto questo tempo, era convinta di averlo ucciso quando invece Draco spiega che lo stupratore non solo non era morto, ma era anche un Mangiamorte? Volete che Draco non provi a baciare Jennifer dopo che quest’ultima lo invita a ficcarsi nel culo (sic!) false promesse non meglio specificate, rimediando solo un avvilente calcio nei coglioni (mi adeguo al registro della fyccina) che lo spedisce dritto dritto da Madama Chips?
Lo so che non volevate. Ma purtroppo è successo.

Dicembre arriva col suo carico di neve e con uno studente, un certo Eric, che nessuno ha mai visto prima e del quale nessuno ha capito l’utilità. In compenso, siamo nel giorno dell’annuale gita natalizia ad Hogsmeade e questo forse ci interessa un po’ di più… perché in una versione riveduta e scorretta infarcita di turpiloqui fuori luogo, ci riallacciamo al passo del Principe Mezzosangue in cui Potter con il libro di Pozioni Avanzate fa pure il bagno, va in paranoia con Mangiamorte-Malfoy e chiede a Jennifer di spiarlo da parte sua (è già stato sgamato troppe volte). Ooookkeeeei, quest’ultima parte nel libro non c’era. Però introduce nella fyccina un tema di grande attualità: il conflitto di interessi. E copre Draco di ridicolo: veniamo a sapere infatti che il figlio di Dio! Lucius si trova in infermeria per cause non meglio specificate e che, in preda al delirio, lascia in bella mostra il braccio marchiato. In questo modo non solo può scoprirlo non solo Jennifer (che lo fa, eh. Per puro caso, ma lo fa), ma tuuuuuuuuuuutta Hogwarts, Gazza compreso.
Nella vana speranza di mettere una pezza dopo essere stato sgamato (e ora Voldemort chi lo sente…), Draco gioca la carta jolly della fyccina: la carta emo. Tu non capisci. Non potrai mai capire. Per te sono solo stronzate certo, tu, Potter e tutti i tuoi amici mezzosangue avete vissuto una vita di merda. WTF? Mentre io sono sempre stato fortunato e viziato finalmente un Draco che non viene seviziato dal padre! quindi questo in confronto alle vostre sfortune è niente vero? Ma credimi quando ti dico che… STO MALE.. Ok, ho parlato troppo presto.
En passant Katie Bell rischia di morire, ma l’episodio della collana è nulla in confronto a quello che sta per succedere ad Alexis, che quella stessa sera ha un appuntamento con il bello e tenebroso Eric…


…sì, esattamente quello. Lui cerca di violentarla (però prima stanno per circa un’ oretta a parlare del più e del meno), ma dovete comprenderlo, insomma… appuntamento al lago, lei che indossa un paio di pantaloni attillati bianchi, una maglione non troppo scollato, un paio di converse chiare e un filo di? trucco e che per prima cosa dopo essere arrivata gli si inginocchia vicino (sic!)… va da sé, no? Soprattutto in un filone letterario in cui la gravità con la quale viene descritta una violenza sessuale è pari a quella con la quale si narrerebbe di uno sgambetto.
Alexis tuttavia riesce a scappare (ricorrendo come l’amica Jennifer all’espediente del calcio ai coglioni), ovviamente in lacrime, e chi volete che siano le prime persone che incontra una volta arrivata al castello? Nicholas "amore&odio" e l’ormai onnipresente Zabini.
E come se fosse normale che due Serpeverde diventino cavalieri serventi di una Grifondoro, Zabini porta Alexis in sala comune (Serpeverde, ovviamente), mentre Nicholas decolla per dare una lezione ad Eric. Scazzottate, direte voi? Non solo. In una scena liberamente ispirata a Uomini che odiano le donne, il nostro eroe con la bacchetta prima lo svestì no, purtroppo non è una scena slash e poi scrisse “SONO UN MALATO DI SESSO, IL MIO MIGLIORE AMICO VIVE TRA LE MIE GAMBE” nel suo petto.
Eric reagisce con dignità.
"No aspetta ti prego non lasciarmi qui…tra poco arriveranno tutti per la cena. Lo dico a mia madre eh?”
Nicholas se ne va lasciando Eric nudo e ferito. E, onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti funzionari del Ministero, me ne andrei anche io perché da qui la storia prende una piega più prevedibile di quella che l’ha preceduta. E’ prevedibile che Nicholas resti a parlare con Alexis in sala comune e che parlino sospesi in un limbo d’ammoreh finché non cadono entrambi tra le braccia di Morfeo, è prevedibile che Pansy sia vittima di un bashing spietato, è prevedibile che Zabini s’invaghisca di Jennifer facendo ingelosire ammorte Draco… è prevedibile che, complice una canzone dei Low Shoulder (materializzati direttamente da Jennifer’s Body durante il concerto ad Hogsmeade… oddio, ora ho capito perché una delle due si chiama Jennifer o_O), Alexis e Nicholas coronino il loro sogno d’ammoreh e che nel frattempo, uscendo a prendere una boccata d’aria, Jennifer svenga e che con i suoi occhi si chiuda anche il capitolo. E, ci auguriamo, anche la fiera delle banalità.
Un sentitissimo grazie a .xXTsubakiXx. per la segnalazione!

Annunci

Dossier 0009: Due Gary Stu al prezzo di uno!

Giacominki che su facebook rompete le palle per nuove recensioni: andatevene a cagare. Sciò, non è roba per voi *tira fuori ammazza mosche e insetticida*

Miei carissimi giacobini, tempo di saldi!
Grande svendita di virgole, congiuntivi, parole senza senso, tanghi di lingue e sguardi atmosferici! Forza, non siate timidi, approfittate di questa grandissima abbondanza!
Merito di ciò va a Samychan che nella sua Afraid of the Dark non lesina certo tali elementi
http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=138104 ! Volete guardare in maniera tracotante i vostri amici? Desiderate baci effimeri? O forse state cercando una espressione indifferente mentre il vostro sguardo è rabbioso? Abbiamo tutto, anche per i palati più raffinati! E special guest della serata…il membro turgido. Mancava all’appello da qualche tempo, ma noi non dimentichiamo le nostre vecchie fiamme!

La nostra storia si svolge ad Hogwarts, ma non saranno Mary Sue profumate di cannella ad intrattenerci quest’oggi, né tanto meno parleremo della relazione tra Piton e Lucius. No, miei cari,oggi
esamineremo il fenomeno del Gary Stu! E non sarà uno solo…bensì due! Forze contrapposte che si amo e si odiano, non siete già emozionati? E no, non parleremo di Draco (che in questa ficcy mi è
quasi simpatico) bensì di Blaise, dei suoi poteri speciali e del suo nuovo amichetto sempre speciale, Derek l’irlandese!

Derek ha tante peculiarità, prima tra tutte Lord Voldemort in persona lo teme…ma non voglio spoilerarvi nulla, prego, addentratevi con me nel fantastico ficcyverse.
Che le porte delle celle di isolamento si aprano…

Nella nostra ficcy Blaise è un tipetto speciale; tanto per iniziare ha magnifici occhi di cobalto (come  i piedi del vitello) e in secondo luogo fin dalla nascita ha delle SENSAZIONI.
Sarà il trauma derivante dal fatto che suoi lo hanno scaricato in fasce dai Malfoy e lui ha passato più tempo con Draco (fratello con cui divide mutande e letto) che con mamma e papà?
I due fratelli di mutanda stanno girando per Diagon Alley quando ecco
che Blaise HA UNA SENSAZIONE come se qualcosa sarebbe dovuto accadere di lì a poco.
Blaise è ansioso e il suo presunto fratello di certo non aiuta poiché lo tratta un pò da cani: “Si, Blaise?” rispose indifferente il biondino, voltandosi con aria indifferente.

Insomma, non è un tipo che incoraggia la conversazione, ma forse non ha tutti i torti, infatti Blaise non è il massimo dell’allegria “Draco…vedo la gente morta!”, mm…no, scusate ho sbagliato citazione:“Ho come una sensazione strana…" Draco lo guardò sospettoso “Una sensazione come tante o una tua sensazione?”. Ci siamo…Blaise ha una sensazione…convinti? No, perché magari non avete capito che Blaise ha delle sensazioni tutte sue! Non dobbiamo perderci su questo punto, o non capiremo il resto. Sicuri, non volete che ne parli diffusamente per due cartelle di word come nella ficcy? Ebbene, il punto secondo è che Blaise vede anche le aure, ma si vergogna perché si sente un cialtrone come la Cooman. Si, però nemmeno parlare di sensazioni è molto convincente…                                                
I due pargoli dell’ alta società magica varcano la soglia di Malfoy Manor dove ad accoglierli trovano tre rincoglioniti: Lucius il padre affettuoso, Narcissa la matrona e Bella la sorella pazza.
Bentornati! Avete comprato tutto l’occorrente necessario per Hogwarts? Domani si torna…” li accolse con il suo solito sorriso arrogante Lucius Malfoy.                                
Draco non è molto per la conversazione visto che lo liquida con un gesto reverenziale di puro rispetto. (Draco rispetta il capofamiglia, se non vi fosse chiaro). I due pischelli provano a svignarsela ma vengono fermati prontamente dal papi che li informa della vista di un ospite che l’indomani li seguirà a Hogwarts. Tipo un pastore tedesco, che ti segue al parco. O una spia russa, che ti segue al bagno e ti uccide. Insomma, il tipo non è normale fin dalla presentazione. la voce di Lucius li segueì fino all’entrata. Entrambi si voltarono verso il Mangiamorte, con uno sguardo confuso.
Ebbene giacobini, non so voi ma anche io sarei confusa se la voce di mia madre mi seguisse fino all’entrata di casa. Onestamente mi aspetterei che restasse dove sta lei, piuttosto che andarsene a zonzo!  Nel salone di Malfoy Manor trovano l’affettuosa madre, l’affettuosa zia e quello che sembrava un ragazzo.         
Ma non lo è. Ovviamente. Ebbene, cosa sarà mai costui? Un castoro con la cartella? Un tubetto di dentifricio con gli occhi? Una lampada dalle fattezze umane? NO! Riprovate!
                                     
Vi presento Derek Lewfelt, per affari che riguardano vostro padre ed il suo lavoro domani vi seguirà ad Hogwarts…Ha solo 18 anni ma è molto preparato… non ha il Marchio per sicurezza, ma… è comunque molto speciale.”                                                  
Ma và! E’ speciale? E chi l’avrebbe mai detto! Tanto per iniziare è speciale già dall’aspetto e questo non vuol dire che è verde e ha la gobba, non qui a ficcylandia! Derek è alto, capelli corvini con riflessi tendenti al blu-viola naturali, un viso dai lineamenti regolari, che denotavano una rara perfezione, un naso proporzionato al volto, una carnagione più pallida del solito; gli occhi nel complesso erano ciò che più risaltavano a causa delle ciglia belle e lunghe e del colore nero come la pece, che, verso la pupilla, tendeva al rosso. Era lui la sensazione che aveva avuto tutto il giorno.
Insomma, Me Cojoni! Vi presento il figheiro di turno! E ha addirittura i capelli con i riflessi naturali blu, già lo odio: ho provato per anni a far durare il riflesso blu della tinta, ma scarica subito! Ma soprattutto ha gli occhi tendenti al rosso, altro che Voldemort!
Comunque chiarito il mistero: sembra un ragazzo…MA è una sensazione! Ci risiamo!
Ecco che il nodo viene al pettine. Se è una sensazione sicuro non è un essere umano. Tuttavia temo che la sua non-umanità non si esaurisca qui.
Tanto per rendersi simpatico a Blaise(che è l’unica persona ad interessargli nella stanza) si introduce nei suoi pensieri dimostrandosi un TELEPATE. Non un legimens, sarebbe banale, un telepate! Così, quando Blaise si ritrova solo con Draco nella camera che condividono(Visti da una persona esterna, si poteva pensare che stessero insieme: dormivano insieme, si comportavano esattamente come una coppia, ma la realtà era che erano come due fratelli) gli dice:
Draco… lui sa.

Paura, eh?

Il mattino successivo l’allegra combriccola parte per la scuola: Draco, l’empatico, il telepate, il gatto, il topo, l’elefante…non manca più nessuno? L’inizio della scuola questa volta porta una sottile differenza: Quello che attirava l’attenzione più di tutti quel giorno per la prima volta non era più Harry Potter, bensì Derek, che doveva effettuare il suo primo giorno di scuola all’interno della casa dei Serpeverde.              
Insomma, di Potter non se ne si può più: sempre la solita faccia, la solita cicatrice, le solite storie di battaglie con l’oscuro a cui è scampato per miracolo. Che noia. Un bell’irlandese dark e con gli occhi rossi è proprio la ventata di novità che ci vuole a scuola!                                                      
I tre rampolli occupano lo stesso scomparto, se nonché Draco (che ha una cotta per Harry, ve lo dico subito così la facciamo finita) esce per il solito giro del treno per maltrattare i primini, lasciando Blaise solo col suo peggior incubo. Che amico! Che fratello di mutanda! Ti fa sentire proprio in una botte di ferro…                          
Blaise resta immobile sul suo sedile, proprio non capisce Derek, c’era sempre qualcosa che lo intrigava ed allo stesso tempo intimidiva, il suo alone di mistero era cupo e confuso.      
Non solo vede le aure, vede anche aloni di mistero cupi e confusi! Speriamo che non veda l’alone di caffé sulla camicia della mia divisa, sarebbe davvero imbarazzante! D’altro canto Derek, detto “Dark”, si divertiva tantissimo ad instaurare milioni di dubbi e sospetti nella mente del moro Serpeverde, oltre al moro di Venezia c’è il moro di Serpeverde, si vede che Shakespeare si è dimenticato di citarlo nelle sue opere! Veniamo a conoscenza del divertentissimo soprannome di Derek, DARK. Brrrr!                        
Segue arrivo nel dormitorio dei serpeverde dove “Dark” da i numeri perché vuole una camera singola e quindi si accanisce contro il letto in più che, improvvisamente, prese a levitare; dopo essersi sollevato di un paio di metri da terra, cominciò a prendere fuoco. “Evanesco” bastarono queste poche sillabe sussurrate senza l’uso della bacchetta per far si che il secondo letto sparisse. Insomma, uno spettacolino mica da ridere…ma non poteva semplicemente dire “qui ci sto da solo”, piuttosto che dare prova di piromania? E finalmente Draco scende dal pero (prima era troppo preso a pensare a Potter)“Hai visto cosa di diamine è capace??” esclamò il biondino, ancora esterrefatto; Blaise lo fissava con rimprovero “Cosa ti avevo detto io?!  E’ anche troppo speciale per i suoi diciotto anni… nasconde qualcosa…” Le due grandi menti elaborano l’accaduto e giungono alla conclusione che uno così tosto meglio averlo dalla loro che contro, decidono quindi di tentare un adescamento sottilmente indiscreto.
Quindi, vai li e gli dici “ehi tipo che fa levitare i letti, sei troppo tosto. Diventa mio alleato e io sarò io tuo schiavetto”. Però, per fare bene le cose, eventualmente bisognerebbe tentare un adescamento discreto…ma Draco e Blaise forse non ci arrivano…  
Nuovo capitolo e nuovo colpo di scena, sala grande, migliaia di orecchie che ascoltano (anche se nella ficcy gli studenti sembrano essersi ridotti a Draco, Blaise, Dark e Potter), pollo arrosto con le patate e rivelazioni scottanti! Blaise cogita e cogita CRiC CRiC ed esordisce con un meraviglioso: “tu sai cosa sono?” Dark si voltò verso di lui e sorrise “Certo, sei tu che non lo sai”        
Si Blaise…lui sa cosa sei…e anche noi. Mi spiace, non avrei mai voluto dirtelo io ma tu…tu…tu sei un molliccio! Solo che assumi la forma del ragazzo ideale delle autrici. Sono desolata, non avrei mai voluto che tu venissi a scoprilo così…ecco, guarda: tu sei tutte queste persone.

Oggi sei così

Ma sei stato anche così

e così

in realtà però sei così

u.u la triste verità.

Insomma, fino ad ora i nostri personaggi hanno dato prova di idiozia cronica, quindi perché non spostarci al tavolo dei docenti? Magari lì si discute di cose più interessanti…Quel ragazzino non mi convince…” mormorò Minerva McGranitt, assottigliando lo sguardo a mo’ di felino.E’ un soggetto molto interessante…” rispose Silente con tono pacato ed una strana scintilla negli occhi azzurrini, voltandosi verso la donna “…almeno quest anno non ci annoieremo!”
Bontà divina, TORNA IN TE. Come minimo questo è venuto ad ammazzare te, Harry Potter e pure tutti gli altri! E poi parliamone..almeno quest’anno? A me risultava che tra insegnati posseduti, enormi basilischi nelle tubature, ricercati per omicidio che si nascondono nei dintorni, il ritorno di Voldemort, ragni giganti, studenti feriti/morti(diventati vampiri!) e tutto il resto non è che ci siamo proprio annoiati, fino ad adesso..

Notte del primo giorno di scuola. Iniziano i fenomeni paranormali. Si richiede intervento immediato di un esorcista. PASSO.

Blaise, senza spiegarsi il perché, si era svegliato di soprassalto, sentendo una forte aura nelle vicinanze. Visto che ormai è sveglio e si annoia accende la luce per rimirarsi  un pò: l’ immagine riflessa allo specchio, portante solamente dei pantaloncini scuri che mettevano in mostra gambe toniche e muscolose, così come il possente petto, entrambi reduci ancora dall’abbronzatura dell’estate. Silenziosamente uscì dalla propria camera e si diresse nella propria sala comune, in mutande, ovviamente. E chi c’è nella sala comune? Gazza e Piton e ti tolgono 50 punti per abbigliamento indecente negli spazi pubblici! No…no, eh?                
Finalmente ce l’hai fatta… mi stavo chiedendo di quanto ancora avrei dovuto aumentare il mio potenziale perché tu ti svegliassi sentendotene disturbato!”                                    
E’ così figo e cool che mi viene voglia di massacrarlo di legnate: lui ha il potenziale, ovviamente! E altrettanto ovviamente non può fare a meno di osservare gli addominali abbronzati e scolpiti, i pantaloncini permettevano una sufficiente vista delle atletiche gambe reduci da duri allenamenti ed i capelli corvini scompigliati che ricadevano sul viso, nascondendo parzialmente lo sguardo blu marino gli conferivano un aspetto dannatamente sensuale. Però dai, per quanto io possa ammirare le atletiche gambe e lo sguardo blu marino…ora basta! Non ne avevamo parlato due righe fa?
"Come mai ancora in piedi? O devo pensare che tu ti sia svegliato da poco?” chiese ingenuamente Blaise, io non dormo mai, Blaise.”
Lo sapevo! Dark è’: A)un unicorno! B)Rocco Siffredi C) un vampiro.                                    
No…non è B…mi pare piuttosto evidente che sia un unicorno, giacobini, mi perdete colpi!
Torniamo a noi, Dark si alza e si dirige verso la poltrona di Blaise, non si sa bene se per picchiarloo scoparlo, ma per allontanarlo il ragazzo non si accontenta di un pugno, bensì ricorre a una potente ondata di energia magica che il ragazzo in piedi venne catapultato all’indietro; nello stesso momento in cui notò gli occhi scuri di Derek diventare completamente rossi per la sorpresa, Blaise Zabini si destò dal suo sogno.
Blaise è nel suo letto, sudato e sconvolto. E’ stato un sogno? Era reale? Chi lo sa, lui potrebbe passare l’intera notte a segamentizzarsi a proposito, così decide di andare in sala comune a controllare. E proprio mentre percorrere il corridoio per arrivarci incontra il nostro amico Dark coi capelli dal riflesso blu naturale (lo odio, lo voglio ribadire). Blaise se la ghigna (credo che sia isteria nervosa…)dice molto ragionevolmente al suo compagno che se voleva parlare con lui poteva anche bussare alla porta, senza tante psico-minchiate. Ma Dark ha una risposta pronta a tutto “non amo omologarmi alla massa… utilizzo altri mezzi” 
Ho ancora più voglia di picchiarlo di prima: giustamente chi non ama omologarsi alla massa penetra nei sogni altrui scatenando ondate di energia. Giacobini, se sta notte vi vengo a far visita, cercate di non uccidermi con la vostra energia, eh! Blaise si incazza (giustamente) ma Dark la prende con filosofia:sollevò un sopracciglio, perplesso, con tutta la tranquillità del mondo, attraverso i suoi poteri telecinetici sollevò Blaise dal pavimento di ben trenta centimetri, mantenendo tuttavia il contatto visivo con il moretto, che in quel momento sembrava esasperato.
Non provocarmi Blaise, non ti conviene avermi contro. Ho fatto tutto questo solo per farti rendere conto di ciò che sei… se poi tu l’hai presa per una violazione della privacy te ne do atto, forse ho usato mezzi troppo alternativi per voi mortali…”
Capito, noi mortali non capiamo tali mezzi alternativi! Tipo penetrare i sogni altrui, scatenare onde energetiche stile Goku e soprattutto il potere più FYKO che sia mai stato inventato: telecinesi mediante sopracciglio! Se lo alzi sollevi le persone, se le aggrotti le fai sbattere le une contro le altre e via dicendo! In ogni caso TUTTO QUESTO CASINO era per una cosa sola (no, non quella, come siete maliziosi!) “Avevo intenzione di aiutarti controllare meglio i tuoi poteri nascosti, facendoli emergere di più” …ma non bastava un sms?! O un gufo, che dir si voglia! E soprattutto che bisogno c’era di farlo nel bel mezzo della notte? Ma Blaise non ci casca “mi hanno sempre insegnato che a questo mondo nessuno regala niente… tu vuoi qualcosa in cambio.”    
Derek non risponde e se ne va,
lasciando il moretto dagli occhi blu a crogiolarsi in una risposta interpretativa a quel gesto compiuto da Dark.

l’interprete è morto, portatene un altro.

Dark al momento non si trovava più all’interno della propria camera, tuttavia per essere più precisi, non si trovava affatto all’interno della scuola… perché i peggiori sussurri di quella notte lo avevano trasportato lontano da lì…

Ma come cazzo è che esce da scuola “trasportato dai sussurri” senza che nessuno se ne accorga? Come si SMATERIALIZZA da dentro Hogwarts soprattutto! La meta della gita notturna è ovviamente il castello di Voldemort, dove lui se ne sta pensosamente a lisciarsi il mantello e ad osservare come si evolve la situazione.

Il cervello di Voldemort fa GNIC GNIC tanto è impegnato a pensare al compito assegnato a Derek, udite udite, traviare Draco e Blaise verso il lato oscuro (della forza). Evidentemente Lucius si è totalmente rincoglionito, Bellatrix si è data al latino americano e Narcissa…è solo una donna, quindi è inutile! Comunque Voldemort non è proprio scemo (almeno lui), quindi ha messo alle calcagna di questo non-umano Piton.  Quindi: Derek osserva Draco, Blaise e Potter, Piton osserva Derek, Silente osserva Piton e Voldemort osserva tutti? Bel casino…
In ogni caso Derek è molto sfiduciato nei confronti di Draco e Blaise, per lui sono esseri inutili…quindi propone una idea brillante al suo signore e padrone: ALLENERA’ i due pischelli. Un personal Trainer, insomma! Non siete emozionati anche voi?! Rassoda i glutei e snellisce il punto vita!


questa forza che io proporrei loro la dovranno ricambiare con il Marchio che li farebbe suoi…quindi chi non accetterebbe un potere maggiore di quello che detiene? Non fa nessuna differenza da che parte ci si trova quando si ha in cambio un potenziale magico maggiore, no?” Veramente no, piccolo Derek, tu pensi che Voldy non abbia mai attirato dalla sua la gente con questa storiella? Pensi di essere il primo ad aver avuto la pensata? Evidentemente se i due procioni stanno ancora a scuola o sono innamorati della McGranitt (e non penso), oppure se la fanno troppo nei pantaloni, per fregarsene le potere maggiore offerto da Voldemort. No?                          
Voldemort rise divertito dopo quell’ultima osservazione; Dark non aspettò una risposta; quando il Signore Oscuro ebbe finito di ridere, il suo “servo” se ne era già andato. Ma ciò non lo irritò affatto.
No, evidentemente in questa ficcy Voldemort è uno scemo e non ci ha pensato da solo. Ha pensato genialmente di mandare qualcuno ad osservare gente e lo fa osservare da…no, non voglio ricascare nel chi osserva chi, andiamo avanti!
Dopo che si fu teletrasportato (certo, tutti si teletrasportano ad Hogwarts, anche io! E pure voi se ci provate!) nella propria stanza si mise seduto sulla poltrona della scrivania a contemplare il vuoto con un’impeccabile concentrazione, tanto che in pochi secondi gli occhi diventarono completamente di un rosso acceso(succede anche a me, quando preparo un esame, mia madre dice che le faccio paura) ; un sorriso increspò le labbra del giovane. A Blaise quella volta non aveva mentito… lui non dormiva mai.                                      
Infatti, i Gary Stu la notte si siedono al buio e fissano il vuoto con occhi rossi, sono come una televisione o un forno a microonde. Da qualche parte dovrebbero avere anche l’ interruttore generale, per spegnerli del tutto e non far ricca l’enel. No, non chiedetevi dove, sono sicura che non volete saperlo…

Gentilmente concessa da una stalker serpeverde ecco una istantanea di Derek la notte:


E ciò non perché la sua natura non lo richiedesse, semplicemente si era allenato, col tempo, a non abbassare mai la guardia per nessun motivo al mondo, di non fidarsi di nessuno Veramente, caro Gary Stu voglio informarti che se non dormi per più di 7 giorni il tuo cervello si cuoce e muori. Ora, sii onesto, da quanti giorni non dormi? Solo per vedere quanti neuroni vivi sono rimasti.
Tutto questo perché era cresciuto solo, senza nessun sostegno, aveva dovuto imparare a cavarsela con le proprie mani egli non vi erano sentimenti poiché non li aveva mai provati
Un Gary Stu EMO! Forza, tagliamoci insieme! Avete capito? Tutto questo casino, passare dal lato oscuro, non dormire la notte e proporsi come trainer per rampolli tentando un colpo di stato a Voldemort(questa è la peggiore cazzata mai inventata) solo perché nessuno lo ha mai amato! Non è una storia troppo triste? Vorreste avere in braccio un gatto da coccolare, vero?                            
Ma lui era di gran lunga più evoluto di una qualsivoglia altra bestia oscura, si, lui era il massimo a cui un uomo potesse mai ispirare(aspirare? iNspirare?!) per ottenere vita eterna
,      Che rivelazione! Derek è cocaina che rende immortali! Ma provoca dipendenza? E soprattutto quanto bisogna farsi e…come? Bisogna sniffargli le ascelle?                                                
Nonostante infatti Dark per gli umani lui avesse 18 anni, per la sua razza era più che adulto, aveva ormai perso il conto degli anni, più o meno duecento, e più si invecchiava, più ci si caricava di esperienza e di potenza e senza essere immodesto, egli era ben a conoscenza del fatto che nella sua rarissima specie, lui fosse uno dei pochi rimasti e soprattutto il più vecchio.
Ok, quindi è immortale, è il più vecchio e forte della sua razza, ha una forza colossale, poteri telecinetici azionati da sopracciglia, telepatia e occhi da 5 carati. Altro? Ah giusto, ha i capelli con i riflessi blu naturali!                                                                                
La nostra storia procede e, intervallati a centenari vampiri (?) e inquietanti smaterializzazioni via-spirito (forse funziona come la fibra ottica…), troviamo piccoli cammei di adorabile vita quotidiana. Draco e Blaise sono in rotta, perché nessuno dei due vuole dire all’altro cos’ha fatto la notte precedente. OH OH OH. E pensate che nemmeno si sono tolti i vestiti.                                
Draco prende la situazione in mano e porta Blaise in un’aula deserta (la scuola ne è davvero PIENA) dove, seduto su di un banco con la gambe accavallate come era solito fare quando aveva intenzione di affrontare un discorso serio, lo incita a parlare.                                      
La storia finisce male, nessuno dei due vuole confessare il peccatuccio e finisce ad improbabili ossimori mi sa che il tuo egocentrismo questa volta dovrà un po’ patire la solitudine da parte di Blaise e con una scenata isterica da parte di Draco Fai quello che cazzo ti pare, quando questa stronzata sarà finita poi non venire più a cercarmi per fare da ruota di scorta perché quello che riceverai saranno tanti di quei calci in culo che raggiungerai l’altro mondo in men che non si dica, chiaro?!?!?!sopracciglio urlò avviandosi verso la porta, l’aprì, vi uscì e, tenendola ancora aperta, dal corridoio, urlò ancora “E VAFFANCULO!!!”
Draco ha palesemente il ciclo. Già avevo sospettato dalle gambe accavallate che fosse la versione femminile ficcinara del rampollo di casa Malfoy. Vaffanculo lo grassettiamo, che il messaggio così viene meglio recepito. Blaise stette lì, rigidamente fissato contro il muro, (come un quadro?) ancora incredulo della reazione dell’amico. Effettivamente avrebbe dovuto sospettare che avesse (ancora?!) reagito similmente talora (qualora, magari) avesse capito il senso della questione, e fu a quel punto che si accorse di non essere stato il massimo della diplomazia in quegli istanti. 
Draco da parte sua corre disperato per i corridoi finché PENSA TE, si imbatte in Potter! E lo aggredisce a lingua sguainata! Potter non si fa certo pregare…
Il giovane Malfoy  comunque ha totalmente perso il lume della ragione (deve essere rimasto affisso al muro insieme a Blaise) e delira peggio che Allok, la scenata isterica nei corridoi continua finché decide che è il caso di tornare in possesso delle sue facoltà mentali e lascia Potter con un “Che giornata di merda!!!”. Fortunatamente poi incontra Blaise per strada, si scambiano un bacetto da fratelli di mutanda e la storia finisce li.
Dopo la lezione Blaise si aggira per i sotterranei quando, guarda che strano, si imbatte proprio in Dark, che accenna al fatto che il malumore di Blaise è dovuto alla lite con Draco. Questo sorprende moltissimo il nostro ingenuo amico “Vedo che non ti sfugge nulla!” commentò sorpreso Blaise. Derek è proprio un genio: Draco ha passato un’ora a gridare come una femmina isterica, a sbattere porte, a spingere al muro gente e a baciarla…tutto questo nel bel mezzo dei corridoi della scuola: non se ne è accorto proprio nessuno che stava litigando con Blaise!
Decisamente.” replicò secco Derek. Lo ripeto, un genio…                                                                        
Comunque, Blaise pirleggia un pò e Derek perde il controllo e gli si avventa contro…afferrò con veemenza le labbra del moretto serpeverde, mordendole violentemente in un istante, prima di riprendere il controllo su se stesso, retrocedendo.
Ahi, suona molto doloroso! Blaise è sotto shock (ci credo) quindi si lecca la bocca come un imbecille, cosa che fa praticamente impazzire Mr. Vampiro i cui occhi si accendono di un preoccupante rosso rubino e si avvicina per lappare il sangue manco fosse una tigre gigante.
     
Blaise, ancora confuso dagli occhi di Derek, vi diede libero accesso

Tutte queste bocche a libero accesso sembrano dei passaggi a livello…comunque, dopo il focoso bacio-al-sangue Blaise quindi si ritrova solo soletto, a pensare maliziosamente a quanto avvenuto e inventandosi piani malvagi per lasciar credere a Derek che per lui è stato un nulla. Seriamente…Blaise, ma quanto sei pirla? Non è dall’inizio di ‘sta roba che Derek ti legge nella mente? Improvvisamente ha perso l’abilità?
Sorrise tra sé e sé. Semplicemente sarebbe bastato lanciargli uno sguardo malizioso e poi evitare di guardarlo per tutta la lezione… sarebbe stato appagante per Derek all’inizio sapere che quel bacio non aveva lasciato il moretto indifferente, ma poi non concedergli troppa sicurezza, e quindi non degnarlo di attenzione per il resto dell’ora, rendendo tutto ciò frustrante. La Marchesa de Merteuil annuisce soddisfatta, i consigli che ha elargito generosamente a Blaise mostrano i primi frutti.
Istantanea della Marchesa che consiglia il giovine. 

Le emozioni non mancano, al termine del primo giorno di lezione abbiamo già Bellatrix che cerca di cruciare Draco nella sala comune, ma che viene prontamente respinta da un’onda energetica di Blaise.
La piantete cortesemente di alzare le sopracciglia? Non vorrei che uno di voi fosse un vampiro telepate…torniamo a noi e a Belleatrix nel dormitorio, miei cari..

Come cazzo ha fatto ad entrare qui dentro?!” sbottò l’amico, interrompendo Draco.Cosa vuoi che ne sappia? Avranno elaborato un incantesimo per eludere tutti quelli di protezione che circondano il castello, avranno aperto un collegamento tra un posto qualsiasi con la scuola… ci sono milioni di ipotesi.                                                              
E’ qui che ti sbagli, Draco, a meno che non possieda un armadio trasportatore nessuna delle tue ipotesi è nemmeno lontamente possibile.
In ogni caso, al posto che preoccuparsi di questo misterioso portale, i due cominciano a litigare come tacchini perché per Draco, Derek si è messo tra di loro e li fa litigare: mioddio, che cosa patetica. DRACO, ti preferivo angelo spogliarellista!    
Il tutto finisce con Draco che nuovamente corre via come una fanciulla e Blaise che lo cerca, ma trova solo Derek. Stranissimo eh XD Questa ficcy si svolge tutta correndo per i corridoi, non sentite un pò di fiatone anche voi?
Blaise prende a pugni il muro e Derek lappa la ferita come se fosse fruttato di frutta, provocando una comprensibile reazione di sgomento in Blaise. No, non solo perché ha lappato il sangue…ma anche perché ha quasi avuto un orgasmo!(i ragazzi di questa ficcy hanno sicuramente qualche problemino…). Sconvolto corre a fasciare la ferita se non ché all’ultimo giro di benda si accorge che il sangue si ritira, quindi svolge la benda e trova la mano perfettamente integra. MAGGICI POTERI! E Blaise si chiede: è merito di Derek o è un suo nuovissimo potere? Come quando Sailor Moon riceve uno scetto nuovo al posto di quello vecchio? E ogni volta lo scettro nuovo è più bello/luminoso/potente/rosa di prima? Lo scopriremo solo vivendo. Ma visto che non conto di arrivare viva alla fine della ficcy …probabilmente non lo scopriremo mai!                                    
Passano le settimane e Blaise si tormenta: perché sogna di farsi succhiare(il sangue! Cosa andate a pensare…)da Derek?
Ed ecco la rivelazione! il perché Derek lo sapeva, perché nessun essere mortale riusciva a resistere, tutti i mortali erano succubi del potere che quel gesto racchiudeva… gli umani non lo sapevano, ma farsi succhiare del sangue da un vampiro superava di gran lunga la sensazione che si provava persino nell’orgasmo più appagante.
Si vede che tali umani sono capre analfabete, visto che basta andare in una libreria qualsiasi e comprare un qualsiasi libro di vampiri (che in questo periodo sputano fuori come funghi), per avere perfettamente chiaro il concetto. Povero Derek, con la moda “vampiro” non sei più questo grande mistero. Comunque si: è un vampiro. Che sorpresa!

Draco e Blaise non si parlano più, passano due settimane e non una mosca rompe il silenzio, finché Blaise decide di scusarsi e ferma Draco nel corridoio. Peccato che Derek intervenga e “costringa” Blaise a una scelta. Indovinate cosa sceglie?
Certo che non ha tutti i torti, può avere un bacio possessivo[…] roventi ed umidi[…]dio, stava impazzendo… li, in mezzo al corridoio, al posto della scenata di una donnetta isterica!            
Però, solo a me pare di pessimo gusto fare una cosa del genere quando il migliore amico con cui hai litigato e teoricamente con cui vuoi far pace non ha nemmeno girato l’angolo? Ovvio, a meno che Draco non indossasse dei pattini!
Non seppe come fu possibile, eppure d’improvviso si ritrovò nella camera di Derek, sempre contro la parete, ma questa volta di fronte al letto a baldacchino.  Anche il congiuntivo deve aver avuto una dislocazione all’interno di Hogwarts, visto che qui non si trova. Eventualmente dite a Gazza che, nel caso cui coi dovesse trovarlo, io so dove riporlo. Nella spazzatura, ovviamente!
                                  “Che ingenuo che sei… è proprio per questo che mi fai partire di testa, Blaise… e il fatto di non capire niente di me è ciò invece che ti colpisce di più!” fece per baciare Blaise, ma quest ultimo  lo respinse con un’ondata di energia, pronto a dibattere. Derek venne catapultato un metro e mezzo più in là, ma fermò il suo corpo con la forza del pensiero, rimanendo in sospeso ad una ventina di centimetri da terra. Questo è Matrix, Sei vissuto in un mondo fittizio, Neo…


Segue scena di sesso, che mi perplime in più di qualche pessaggio: “Anf…” il moro sospirava rumorosamente( e poi abbaia?), causando l’ilarità di Dark “Oh Blaise, non pensavo fossi così vittima della tua istintività… e mi piace tantissimo” gli mormorò all’orecchio. Blaise, vergogna, dovresti far di conto invece che lasciarti andare un pò! Dark non se lo aspettava proprio, da te! (Blaise) teneva gli occhi chiusi e la fronte corrugata(attenzione che se è telecinetico anche lui succede un macello), nell’atto di chi si sente completamente impotente(io non userei questa parola, non la userei proprio…altrimenti la scena è finita); ebbe un sussultò quando l’irlandese sfiorò con il palmo della mano il rigonfiamento all’interno dei boxer. Fece schioccare l’elastico dell’indumento intimo per poi infilarne dentro delicatamente la mano, cominciando ad accarezzarne l’interno. Dei boxer? 100% seta, per i serpeverde! Blaise deve essere felicissimo dell’attenzione riservata a questo suo capo di abbigliamento! Magari Dark è uno shopaholic e sta andando in sollucchero per le mutande di Prada…Seguono scene vibranti di passione nelle cui ci imbattiamo in un membro, eretto a causa dell’eccitazione, ma dai, pensavo a causa del tempo! Tipo un barometro, quando la temperatura sale il mercurio nella colonnina si alza!
Continuano i momenti di aulico lirismo,
il bacino del serpeverde si muoveva ritmicamente contro la bocca di Derek, che era sempre più compiaciuto di come stessero andando le cose; COME ALTRO avrebbero potuto andare? Non so, magari aveva paura che dopo averlo preso in bocca Blaise si sarebbe alzato dicendo “no, mi fa davvero schifo, ciao”? L’amplesso di conclude e Dark è costretto a rifugiarsi in bagno…a vomitare.
Si è proprio divertito, a quanto pare…
Se anche avessi ancora dei dubbi sulla vera natura di quel ragazzo, ora ne posso essere più che certo…’ pensò il vampiro, lavandosi dalle labbra le ultime tracce di vomito. Era la terza volta che si ritrovava a vomitare del sangue dopo aver morso; la prima volta era capitato anni prima, e in quel caso non si trattava di Blaise Zabini, bensì di Albus Silente.
Rivelazione! Blaise è il figlio segreto di Silente! Blaise è il nipote del cugino di terzo grado della madre di Silente! Blaise è Silente nel futuro, o Silente è Blaise nel passato! Oppure no?
Blaise esce dalla camera di Derek (che presumibilmente è ancora sul water a vomitare) e incontra Draco che, provando pena per quel pirla dell’amico decide di rivelargli che Si, Dark è un vampiro.
             
ti ha morso e neanche a quel punto sei arrivato a pensare che fosse un vampiro?! Beh ti ho sopravvalutato, amico!” Mentre i due amici si scambiano impressioni su quanto davvero sia pirla Blaise, Dark si materializza nella stanza di Draco. E che palle, non se ne può più di dire che sta roba dentro Hogwarts non si può fare. Evidentemente la storia si svolge in un’altra scuola. Ovviamente infastidito dalla violazione della privacy Draco attacca briga con Dark, che lo rimette al suo posto con il suo sopracciglio telecinetico. Ed è qui che Blaise non ci vede più per la rabbia e lo spatascia al muro come un budino a sua volta. Sembrano Goku e Vegeta.

Foto pervenuta da stalker serpeverde, che cordialmente ringraziamo. I minorenni sono pregati di procedere oltre. http://img704.imageshack.us/img704/2556/img4950bf0c57c2cverybig.jpg
Ma torniamo a noi, toglietevi dagli occhi ciò che avete appena visto (minorenni, io ve lo avevo detto, se ora vi si ferma la crescita a 150 cm sono fatti vostri) torniamo alla lite: Draco giace a terra mezzo morto, Blaise fuma ancora dalle mani per l’onda energetica e Dark…Dark tra tutti resta il più figo, quindi comincia a trasformarsi nella strana bestia che è…                                                  
Un ringhio rabbioso gli percorse il volto bellissimo, gli occhi rosso fuoco dardeggianti, i canini si allungarono improvvisamente e due ali nere cominciarono a crescere dalle scapole.

 Segue bla bla bla in cui pare che Dark sia intimorito da Blaise, quindi se la fila. Segue ulteriore bla bla bla di Draco e di Harry e qui ci avviciniamo alla conclusione della nostra ficcy!                        
E poichè la scena hot tra il vàmpiro e Blaise l’abbiamo già passata era ovvio che sarebbe arrivata quella tra Malfoy e Potter (per una questione di giustizia ficcinara, probabilmente), che mentre ce ne fregavamo altamente hanno continuato la loro relazione di baci focosi contro i muri dei corridoi(senza che mai nessuno vedesse nulla, ovviamente). 
L’originalità di questa ficcy è devastante, siamo sulla riva del lago e Draco non può fare a meno di pensare che quel Grifondoro tanto indifeso e ingenuo era in realtà peggio del diavolo! Ma dove diamine aveva imparato a fare quelle cose… e soprattutto a farle così maledettamente bene?! E’ davvero la prima volta che leggo questa frase, lo giuro! E’ la prima volta oggi, per lo meno XD
La scena va avanti come deve andare, almeno fino a quando non sentì il biondino venire in un gemito roco e sommesso, liberandosi nella sua bocca. Si sentì travolgere da quel nuovo sapore e non gli dispiacque affatto; ingoiò il caldo seme del compagno. Questa è finezza, signori miei! Ce la potevamo benissimo evitare, come descrizione!
Concluderei qui, ma ve l’ho promesso all’inizio e non sia mai che io manchi alla parola data!Aveva bisogno di toccarlo, cavolo!Sfiorò il suo membro turgido al di sopra della stoffa degli slip; ECCO E’ LUI, E’ IL MEMBRO TURGIDO. Vi lascio immaginare come finisce, ma potete anche pensare alla cena, non vi perdete niente.

Giacobini(Giacominki, siete ancora qui? Che noia, tornate alle vostre cose emo o alle vostre cose tunz, per cortesia!), la storia prosegue ma io qui mi fermo. Prima di tutto perché la cosa comincia seriamente ad annoiarmi e in secondo luogo perché malgrado la trama continui a lasciarmi perplessa la storia ha acquisito un’organicità che non la rende più meritevole di una critica così negativa 😉

Autrice(se ci sei, batti un colpo) sei migliorata quindi buon per te…la prossima volta però cerchiamo di fare personaggi più realistici, ho buone speranze nel fatto che non ricapiterai più sul blog. Ma ho comunque gli occhi aperti, dovesse verificarsi l’opportunità di ricredermi!

 

High School Hogwarts

Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti funzionari del Ministero
ritorno ora da un lungo eremitaggio trascorso sulle più alte vette dell’Himalaya alla ricerca della pace interiore, dell’equilibrio e della tolleranza .
Il tempo passa, ma c’è qualcosa che immutabile è e immutabile resterà, anche quando ha orde di giacobini assetati di sangue rosa shocking glitterato (e non è la Bastiglia, quella è stata una facile conquista): la Fyccina e le Mary Sue che impenitenti ed imperterrite la infarciscono rigo per rigo.
Davanti ad una Fyccina, a nulla servono Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza, ed i lunghi mesi passati a meditare e ad imparare le arti di mediazione e tolleranza sfumano d’improvviso in un bel flambé. Se poi la Sue, anzi, le Sue hanno i volti insipidi e brufolosi delle protagoniste dell’immondizia che mamma Disney ha deciso di propinarci al posto delle care, adoVabiliH storie di principesse, mi svesto del monacale abito arancione, salgo in cattedra e riprendo in pugno la mia amata bacchetta.
Ehm ehm. Punizione, Potter!

Sadica come mio solito, o forse troppo clemente, non vi anticiperò nulla se non quanto già rivelato nell’eloquente presentazione:
marti arriva a scuola, diventa migliore amica di pansy e daphne. si innamora corrisposta di malfoy!!! miley cyrus è martina. ashley tisdale è daphne. vanessa hudgens è pansy
Scritto da marti_XOXO, diretto da Federico Moccia e Silvio Muccino. Musiche di Marco Carta con la collaborazione di Gigi d’Alessio e Anna Tatangelo, costumi di Truzzo & Pacchiana. Solo nei migl… qui: http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=415758&i=1

Ora, io so di essere pignola: il mio ministero me lo impone. E’ pur vero, però, che l’incipit di una qualsivoglia storia debba essere… un incipit, appunto. Non per forza un "c’era una volta", ma di sicuro non un elenco dei nomi dei protagonisti affiancato ai link fangherlosi ove trovare i rispettivi volti.
Anche perché si rischia di trovarsi orrori concettuali tipo:

1. Pansy Parkinson, che la Rowling sua propria manu associa ad un carlino  (e nel film sono stati anche troppo buoni, perchè avrebbe dovuto essere così), diventa una latina precoce dal dubbio talento.
2. Theodore Nott, che la Rowling sua propria manu definisce conigliesco, diventa un
casalingo disperato.
3. Blaise Zabini, che non esattamente la Rowling definisce giovane, bello ed anche abbronzato, diventa
il miglior Presidente del Consiglio degli ultimi centocinquant’an… ops, sbagliato link. Dicevo, passa da così a così.
Ora, dal momento che in questa storia è preferita la forma (e di certo non quella grammaticale) alla sostanza, mi regolerò di conseguenza. Giacobini avvisati, mezzi salvati.

Il banchetto di ben tornato era già comparso di fronte a tutti gli alunni, che dopo le vacanze estive, si erano diretti nuovamente verso la loro scuola di magia e stregoneria di Hogwarts.
Gli studenti del primo anno, invece, si nutriranno di muschi e licheni nel ripostiglio del sottoscala di casa Dursley.
Segue la scena che sta alla fyccina come la macchina impantanata nel fango sta ad un film di zombie: Albus Silente richiama l’attenzione dell’intera Sala Grande con la solita scusa degli annunci -tutti rigorosamente AU non segnalato.
Piton ottiene la Cattedra di Difesa contro le Arti Oscure. I Serpeverde son contenti come è giusto che sia. Agli altri alunni, la cosa non cambiava più di tanto. Certamente. Grifondoro in prima fila.
Il posto di Piton viene preso da una certa professoressa Smith non altrimenti specificata, ma tanto chissenefrega… perché quello dopo è il momento topico. Il momento di dare un altro ben venuto a un alunna che si è appena trasferita qui da noi, frequentava l’altra scuola in Scozia! Lei è al 7° anno, quindi frequenterà le lezioni con voi altri dell’ultimo anno. Una volta entrata sarà sottoposta al cappello parlante, come di normale procedura, per scoprire la casa che le farà da abitazione per il prossimo anno!
A parte il fatto che le scuole di magia non hanno filiali tipo CEPU (anche se le Sue del Potterverse pare abbiano studiato tutte con Valentino Rossi, Del Piero e l’uccellino), i nuovi studenti sono nuovi studenti e basta. Se al primo o all’ultimo anno, non fa differenza: tutti devono essere smistati? Lo siano tutti insieme. Anche se c’è da ammettere che a fare lo smistamento tutti insieme si perdono capolavori di involontaria ilarità.
La ragazza camminava lungo i tavoli delle varie casa, con lo sguardo dritto di fronte a se. Evidentemente, la ragazza deve avere quattro gambe a mo’ di tentacolo se può camminare contemporaneamente lungo i tavoli. Era alta, non molto, nella media Nella media di quale paese, esattamente? Perché la media italiana è molto al di sotto di quella svedese, eh. Ma figuratevi se davanti a cotal trionfo di beltà ci si possa crucciare per banali dati antropometrici: aveva dei capelli lunghi bellissimi ondulati, neri con qualche colpo di sole rosso (i colpi di sole sono SOLO biondi… perchè sono appunto colpi di sole. Tutto il resto è mèche, oltre che tediosa noia) qua e la, portava un ciuffo sull’occhio sinistro. Gli occhi, erano bellissimi anche loro bellissimi!, scuri, profondi, fieri. Il fisico era perfetto E te pareva. Aveva tutte le curve nei posti giusti e rette e semirette nei posti sbagliati, blablabla. Portava dei semplici jeans stretti, una canottiera bianca e un cardigan ficsia colore suesco della nuova collezione autunno-inverno
sopra, e ai piedi delle carinissime scarpe nere con un po’ di tacco.
Ed abbiamo anche la
documentazione fotografica.
Le reazioni:
1.
la faccio finita
2.
non guardare, cara, è solo una fyccina
3.
WTF?
Provando per un momento ad esser seri, Hogwarts è una scuola in cui una ragazza viene guardata male dagli insegnanti se non tiene i capelli raccolti. Esiste una divisa alla quale non è concesso alcun tipo di deroga. Chi si veste da zoccoletta der quartierino, secondo Canon, non dovrebbe neanche varcarne la soglia. Ma suvvia, cosa è questo sciocco Canon!
Martina Cyrus (Martina è un nome tipicamente scozzese, così come il Cyrus è da considerarsi del tutto casuale, invero) viene presentata allo strabiliato pubblico in sala, e davanti al pubblico in sala viene fatta accomodare per lo Smistamento. Dal quale il Cappello Parlante, ahinoi, purtroppo non si esime:
bene bene! Guarda che abbiamo qui. Bella mente, coraggio, voglia di amicizia, ma vedo anche…- il cappello non terminò la frase, perché la ragazza lo interruppe.
-no! Zitto! Non parlare di cose che non conosci!!- disse la giovane sibilando.
-e perché mai? Non vuoi che tutti sappiano che tu…-
-basta! Finiscila!-
-ok ok sarà meglio… Serpeverde!- annunciò il cappello, senza poi dire altro.
Ed è meglio così perché, francamente, non c’è nulla di più urticante di sentire il Cappello Parlante dire ok ok, enumerare le innumerevoli qualità della self insertion dell’autrice e svelare parte di un segreto insvelabile…


…scommettiamo che Martina è almeno almeno figlia segreta di Lord Voldie? Sorella putativa di Lucius Malfoy? Cugina illegittima di Bellatrix Lestrange?
Da notare il delizioso cameo di Albus Silente versione animatore Alpitour:
molto bene signorina Cyrus! Hogwarts le da il benvenuto! Spero si troverà bene qui!
Quasi quasi mi aspetterei il gioco aperitivo alle diciotto al Lago Nero. Martina raggiunge il tavolo dei Serpeverde, che per qualche straordinario motivo non la linciano nonostante l’abbigliamento pakkian-babban. Tutt’altro: un ragazzo della sua stessa età, con i capelli neri e dei bellissimi occhi blu, la fece accomodare accanto a lui. -piacere! Io sono Blaise Zabini, per qualsiasi informazione non esitare a chiedermelo! Sono Caposcuola, insieme a lui.- disse indicando un ragazzo seduto di fronte a lui.
Ricapitoliamo, per i distrattoni:
ragazzo con i capelli neri e bellissimi occhi blu vs Blaise Zabini. E nemmeno Zabini, da quel che ci narrano, pare abbia mai lavorato alla Alpitour.
Ma mentre noi ci scervelliamo per comprendere il perché di scelte non così tanto artistiche, sta accadendo l’irreparabile. Nessuno che abbia idea di chi fosse il ragazzo seduto di fronte a lui? E di che cosa stia per succedere? E’ facile, ma vi do un aiutino:
I loro sguardi per la prima volta si incrociarono. Bianco e nero. Giorno e notte. -Malfoy. Draco Malfoy, picere! Dal picere del primo incontro, è tutto un susseguirsi di surreali coccole alla saccarina fatte di un ariano Blaise che, dopo trenta secondi, chiama Martina Marti (suo nome abbreviato… usare diminuitivo sarebbe stato banale; poi, si sa che io sono particolarmente suscettibile, ma se qualcuno immediatamente dopo le presentazioni osa chiamarmi Odio anziché Odiolarow come dovrebbe essere, io mi irrito); di Pansy Parkinson e Daphne Greengrass che, ancora inebriate delle canzonette di High School Musical, sperano di diventare presto buone amiche di MartiSue…e di un la trovava bellissima che fa sempre pathos. Con una succulenta ciliegina sopra che altro non è che la parola d’accesso ai dormitori di Serpeverde: victoria forever. Che potrebbe essere intesa come:
1. Semper victoria: un misunderstanding delle reali intenzioni della Rowling e del suo latino un po’ maccheronico. Solo che non si sarebbe mai spinta fino a questo punto.
2. Forever victory: decisamente più tamarra della sua forma latina, sarebbe la negazione totale delle reali intenzioni della Rowling
3.
Victoria forever: la più papabile visto le alte punte di lirismo alle quali aspira la fyccina.
E infatti…
-bella parola d’ordine!- disse Marti entrando nella sala comune. Che vi avevo detto in merito alle alte punte di lirismo?
-bene Marti! Benvenuta ufficialmente a Serpeverde!!- disse pimpante Daphne. -vi ringrazio di avermi accolto subito!- disse la mora sorridendo. -e ora le presentazioni!- disse Pansy, rivolgendosi alla nuova amica. -Marti, loro sono Theodor Nott, Vincent Tiger e Gregory Goyle.- disse indicando i ragazzi ogni nome. -piacere ragazzi!- -piacere!- risposero in coro. -perfetto adesso che hai fatto la conoscenza di tutti i Serpeverde più importanti, ti portiamo a vedere la tua stanza, che poi è anche la nostra!- disse Daphne.
Sapete cosa mi piace delle fyccine? Che è tutto facile. Si può liquidare con tutti i Serpeverde più importanti il fatto che per la Rowling sarebbe stato difficile elencare uno per uno gli studenti Serpeverde, ed il fatto che di alcuni si parli nei libri e di altri no non implica necessariamente che siano i più importanti della Casa. Ma importanti in che senso, poi? In più, ti presentano una volta ed ecco che il tuo nome rimane impresso nella memoria di chi ti ha vista di sfuggita anche a distanza d’anni. Senza contare che fai colpo almeno su qualcuno. Di solito sul figo di turno e su uno o più sfigati, con relative polluzioni mentali del migliore amico del figo di turno:
-accidenti è proprio carina!! Quasi quasi inizio a farci in pensierino!!- annunciò Vincent. E una. E due e tre: Blaise di nascosto guardava il suo migliore amico. Sapeva che a lui stava iniziando a interessare la morettina (la moglie di quello del caffè?)
lo aveva capito dal modo in cui l’aveva guardata. (…) Lui aveva visto quegli occhi! E sapeva cosa volevano dire! Draco Malfoy voleva quella ragazza.
La vogliamo anche noi. Morta, però.
E mi piace anche il fatto che l’unica preoccupazione della adolescente media sia parlare di ragazzi e di chi sia stata con chi. E che il migliore amico lo trovi sempre dietro l’angolo. Anche se un’ombra oscura s’affaccia sul futuro di Martina… perché questa volta nulla sarebbe andato storto. No. Non lo avrebbe permesso. Non di nuovo. Quale ombra oscura, dite voi? Beh. Potrebbe essere quella prodotta dalla immensa mole di Millicent Bullstrode che, rea di non essere mai apparsa nei musical Disney, viene guardata con odio da TUTTI i nuovi amici di Martina solo perché chiede, legittimamente, perché abbia ordinato al Cappello Parlante di tacere. E perché, di conseguenza, il Cappello Parlante non l’abbia mandata nel ridente paese di Fanculo.
La domanda avviluppa ancor di più Martina nel suo velo di patetico mistero. E fa diventare lei e le sue nuove amyke forever un ibrido tra un camionista (non me ne vogliano i camionisti), uno scaricatore di porto (non me ne vogliano gli scaricatori di porto) una corteggiatrice di Uomini e Donne, ma più volgare, ed una naufraga dell’Isola dei Famosi ancora più volgare.
Ovviamente, la nuova corte organizzatasi attorno a MartiSue è indignata dal trattamento osceno che le è stato riservato dalla poco ocheggiante Bullstrode. Tutti la rispettavano. Tutti! Tranne quella stupida. Tanto che, se fossero mere leccaculo, nella scena che chiude il primo capitolo Pansy e Daffy sarebbero meno squallide. Dannata Bulstrode! Se la becco le faccio male! Come cazzo si è permessa? Cioè io e te che bene o male abbiamo instaurato un rapporto avete instaurato un rapporto in… quindici secondi netti? Va’ che instaurare un rapporto non vuol dire confrontarsi le unghie dei piedi per vedere chi le ha più lunghe!
non ci saremmo mai azzardate a fare una cosa del genere!(…)
-Sono contenta che sia con noi! Sono sicura che diventeremo grandi amiche! Mi è piaciuta da subito!

Un raggio di luce si posa candidamente sull’inizio del secondo capitolo, raggio di luce offuscato dal ricordo del litigio avuto con quella stronza; nulla che una sana, inutile descrizione di una tenuta da camera un po’ tamarra non possa in qualche modo lenire. E’ ancora presto per le lezioni, persino per indossare la divisa. E allora MartiSue fa quello che fa lo studente medio di Hogwarts: trascorre il suo tempo in sala comune a inseguire pensieri che come farfalline le svolazzano nella zucca vuota. E chi volete che incontri quando tutti ancora sono a dormire?
Malfoy.
Ecco, appunto. Ed è pure premuroso, lui. La Bulstrode è troppo pedante! disse colui che schifò Potter quando questi si rifiutò di stringergli la mano, prima di cadere nella trappola. Di MartiSue, non di Potter.
Draco pensò che il suo sorriso fosse uno di quelli più belli, che lui avesse mai visto. Quando rideva, le si illuminavano gli occhi. Era proprio una bella ragazza, simpatica, dolce..
“che cazzo pensi Draco??? Non c’è tempo per fare i sentimentali! Fra poco probabilmente verrò marchiato
Draco è una mucca o un vitello? o_O quindi niente distrazioni! Devo solo concentrarmi per trovare un modo perché questo non avvenga! Non voglio diventare un mostro come mio padre!"
Hem hem. Chi mi trova il momento storico in cui Draco Malfoy principe delle serpi ad honorem, considera un mostro il suo adorato padre? Non c’è? Bene, cinquanta punti a Serpeverde. E no, non mi interessa se a rispondere è stata la solita Tassorosso-kapò!
Il secondo ingresso in Sala Grande di Marti-Sue non è di certo meno trionfale del primo. E si chiede anche il motivo, l’ingenua Martina. Sarà il sobrio abbigliamento con il quale si è presentata la sera prima? Sarà il fatto che il Cappello Parlante ha voluto fare lo splendido e l’ha quasi pubblicamente sputtanata? Sarà che una come Martina sta a Serpeverde come Harry Potter sta ai California Dream Men? No. E’ per riuscire a capire come sei realmente!. Ed è per capire come sia realmente MartiSue che Harry Potter si trasforma da
paladino della giustizia un po’ sfigatello con il quale Madre Natura non è stata particolarmente benevola  a Harry Potter! Piacere di conoscerti! L’unica cosa che mi dispiace è che sei una Serpe, altrimenti avremmo potuto divertirci un po’.. non trovi? 
L’epilogo è dei più drammatici:
già è vero, non ci siamo presentati! Ma sinceramente visto che ho vissuto 18 anni senza conoscerti, credo di poter continuare a vivere lo stesso! Ciao ciao!- disse la riccia girandosi e lasciando il gruppo di Grifondoro a bocca aperta, mentre quello di Serpeverde la seguì, con un sorriso sulle labbra. Era proprio una vera Serpe. Per questo loro la trovavano così speciale!
Capito? Lei ha risposto male, lei è faiga! E’ Serpeverde d.o.c.!
Ora, io capisco che in un mondo fatto di uvetta passa e di canditi, il semplice fatto di avere "cazzo" in bocca una volta su due (e non parlo di una pratica sessuale) e di indossare stracci di dubbio gusto sia very alternative-cool e che tirarsela fino a strapparsela via sia motivo di vanto tanto da farci una spilletta; il problema è che qualunque persona non affetta da zoccolite cronica recidivante risponderebbe in quel modo ad un cafone che si approccia come a Martina si è approcciato il clone pessimamente riuscito di Potter. Non vedo in che modo una simile risposta potrebbe associarsi all’appartenere o meno ad una Casa di Hogwarts. Forse che le Tassorosso si fanno violentare? Le Corvonero sproloquiano di letteratura facendo allontanare il malcapitato? Le Grifondoro la danno via subito perché stanno sul culo alla protagonista?
La verità è che in questa storia, l’universo è stato stravolto perché secondo alcuni Tom Felton è carino, ed un ragazzo carino non può essere stronzo. Non in una fyccina perfetta, quantomeno. Così come, in una fyccina perfetta, non può esserci un ragazzo che abbia la pelle scura anziché gli occhi di cobalto. Così come, in una fyccina perfetta, le migliori amiche della protagonista strafiga non possono non essere strafighe anche loro. Così come l’antagonista dell’ammoreh della protagonista non può non essere stronzo/cafone/borioso. Il che è esattamente quello che è il VERO Draco Malfoy nel VERO Potterverse. Indipendentemente da Tom Felton. In questo modo, i Serpeverde diventano i buoni, i Grifondoro i cattivi -persino la McGranitt, da austera ed imparziale vicepreside, diventa la megera pettegola del paesello, giusto perché il vittimismo non può mai mancare- e in questo marasma di AU, What if e OoC, perfino una come Martina, la cui massima ambizione è pastrugnarsi un adolescente macilento o fare shopping ad Hogsmeade (non sapevate che Noi studenti maggiorenni possiamo andarci quando non abbiamo lezioni? Sapevatelo!), può ingrossare le fila dell’augusta Casa verde e argento.

Ah, siete ancora qui perché non potevate andare senza che Marti svelasse il suo segreto, giusto?
Va bene. Ma ricordatevi di accomodarvi sui lettoni piumosi dei vostri dormitori, di aggranfare cuscini e pelouche e di insonorizzare la stanza per non rischiare che le idiozie assortite che stanno per essere pronunciate vadano a far danno altrove.

(…)circa due anni fa, la mia vecchia scuola, faceva degli scambi tra studenti di altri paesi. Capitò quindi che un giorno arrivasse un ragazzo molto carino, di cui subito mi invaghì! Io mi invaghii. Lui si invaghì. All’inizio nessuno dei due si rivolgeva parola, poi però abbiamo iniziato ad uscire, e poi alla fine ci siamo innamorati.. Pausa lacrima solitaria che riga lo splendido volto e amiche affrante che consolano. (…) ma purtroppo pochi mesi dopo, lui dovette tornare alla sua scuola. Il giorno prima che lui partisse, io mi resi conto di essere.. di.. di essere.. incinta.. Pausa sconcerto amiche affrante. Così la mattina della sua partenza, io…. lo presi da parte e glielo dissi! Lui la prese malissimo! E te credo! Mi disse che non era un problema suo, in quanto non era vero che mi amava… mi disse che aveva la ragazza a casa e che si era solo voluto divertire con me! Pausa che grandissimo bastardo figlio di puttana!. E ora inizia il climax. Io ovviamente, non persi nemmeno un secondo in più e me ne tornai a casa. Sembrava che quello per me non fosse un bel momento, infatti appena tornata arrivò mia.. madre in lacrime a dirmi che papà non ce l’aveva fatta!- Marti si interruppe di nuovo perché aveva le lacrime avevano iniziato a scendere copiose. Non aveva retto alla notizia. Mio padre era il mio unico consigliere, perché con mia.. madre, non avevo un buon rapporto! Lei era attaccata al nome, al potere! Una sera decisi di parlarle del mio problema! Pensavo che almeno un po’ mi avrebbe capito e sostenuto! Invece, appena terminai di dirglielo, lei mi disse che era delusa, che mi ripugnava, che non voleva più saperne di me, che avevo infangato il nome dei Cyrus e che se avesse potuto mi avrebbe tolto il cognome!(…) mi puntò la bacchetta contro, e con un incantesimo uccise il mio bambino, e inizialmente credevo che avesse ucciso anche me! Ma così non fu.. in quanto mi sveglia alcuni giorni dopo all’ospedale dei maghi! Non so chi mi ci abbia portato, ma accanto al comodino trovai una lettera di quella donna, che diceva che non voleva più saperne di me, ne di quello che sarebbe stato il mio futuro. Per lei ero semplicemente morta!
Mi chiedo se in questo drammatico resoconto ci sia più Candy Candy, Georgie o Lovely Sara, o se se la giochino in parità.
D’altra parte, onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti funzionari del Ministero, la cosa è risaputa: se non sapete come raschiare il fondo del barile, ricorrete al jolly gravidanze/aborti/abusi, magari conditi da un po’ di autolesionismo gratuito, e vedrete che di legno non ne rimarrà neanche una scheggia.

Parenti champignon

Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti membri del Ministero,
Ultimamente vi ho portati in lande desolate e sconosciute, lontani dal nostro confortevole mondo fatto di sevizie, soprusi e libagioni ai danni dei luridi babbani. Ora schioccate le dita e fate accorrere i vostri elfi del catino, raccomandando loro di non scordare i fazzoletti d’organza. Perché quest’oggi, miei diletti, si torna alle origini.
Si torna al pluristuprato fandom di Harry Potter. Il mago che è riuscito a sconfiggere l’Oscuro Signore. E che non è riuscito a sconfiggere le Vestali.
L’ennesima -libera- interpretazione del destino che toccò ai nostri eroi dopo la battaglia di Hogwarts si trova tra le pagine del Tempio (http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=293061), ove giulia malfoy ci narra l’incontro che cambiò la vita.
Di chi, vi chiedete?
Io ho i miei timori. Fareste bene ad iniziare a temere anche voi.

Son passati 5 (5, non cinque) anni da quando l’Oscuro è stato, ahinoi, sconfitto.
Hermione Granger ed Harry Potter sono due Auror del Ministero, mentre Ron aveva preferito la carriera sportiva, e ora era il portiere della nazionale inglese. Nazionale di cosa? Di Quidditch, presumo, ma sarebbe stato carino specificarlo. Magari, babbanofilo com’è, s’è convertito al calcio.
Harry Potter è felicemente sposato con Ginny Weasley, come lasciato scritto nel testamento della Rowling; inspiegabilmente, Hermione e Ron sono una coppia già scoppiata. Ad una domanda indiscreta del collega (com’era quell’avvocato con cui sei uscita a cena ieri sera?), infatti, la fanciulla rivela arrossendo nda che costui è un bravo ragazzo,simpatico intelligente,ma non fa per me.. perché dopo la storia con Ron non ho trovato nessuno che mi prendesse cosi..hai capito quello che voglio dire vero?Io voglio una storia,un amore come quello tuo con Ginny..dev’essere intenso avvolgente…
Un giorno di lavoro qualunque, quindi, fatto di pratiche e scartoffie che vanno smaltite, come nei migliori uffici statali che si rispettino. Un giorno di lavoro qualunque finché qualcuno non bussa alla porta. Finché non arriva lei
Entrò,la camminata regale, virgola, il viso perfetto, VIRGOLA, limpido,i capelli color del sole,pelle nivea,e gli occhi chiari,a prima vista sembrava un angelo caduto dal cielo a portare la lieta novella
Hem-hem.
Abbiamo -uh- questa sorta di Arcangela Gabriella schiantatasi al suolo dopo un’incomprensione con la torre di controllo (forse San Pietro era in pausa Lavazza con Bonolis e Laurenti) e che, nonostante lo schianto, non solo non ha riportato né un graffio né un bernoccolo bitorzoluto, ma anzi, appare come l’essere più bello visto sulla faccia della terra. Evidentemente, però, lassù nell’alto dei cieli, non conoscono l’educazione; tant’è che senza aspettare un invito a sedersi,si mise comoda nella sedia (cioè, ci è sprofondata dentro?) davanti la scrivania di Harry. Ma lei può. Lei è Giulia Cassiope Malfoy,da poco Zabini, (…) novella moglie di Blaise Zabini,nonchè figlia di Lucius e Narcissa Malfoy.
La reazione di Harry ed Hermione:

Comunque, nonostante sia pura fyccina, questa storia ha un pregio: quello d’abbattere le frontiere razziali. La bionda, nivea creatura dagli occhi cerulei, infatti, s’è data in moglie ad un individuo di origini non propriamente ariane.
Secondo un fascicolo classificato come X-File, infatti, risulterebbe che Blaise Zabini non sia un diafano angelo ribelle dai capelli neri e dagli occhi di cobalto. Eh, no. Sembrerebbe, e la Rowling pare pure d’accordo, che Blaise Zabini somigli più a Will Smith che a Gaspard Ulliel:

Ma chiudiamo questa lunga parentesi fotografica e torniamo alle mirabolanti avventure di Giulia Cassiope Malfoy in Zabini.
E sono qui per chiedervi aiuto,mio fratello Draco è scomparso.
“E ar popolo?” risponderebbero i due, dopo tutto quello che il rampollo dei Malfoy ha combinato in sette anni. E invece no. rimangono scioccati. Addirittura, Hermione in quel momento capi che l’aver conosciuto Giulia Malfoy Zabini le avrebbe cambiato la vita.
La giovin signora fornisce una spiegazione dettagliata di ciò che è accaduto negli ultimi cinque anni, ed anche prima, una spiegazione che oserei definire al cardiopalmo. Via, provate a leggere tutte d’un fiato le righe che verranno e ditemi se, alla fine, non avete bisogno di un defibrillatore anche voi:
..voi siete gli unici che potete aiutarmi a trovare mio fratello,sapete come è fatto come ragiona,ma in questi anni è cambiato.da quando ha tradito la causa di lord voldemort è stato considerato un traditore,come poi è successo anche a noi,quando anche mio padre tradi la causa per cui ha sempre combattuto,per amor nostro.Io e mia madre non abbiamo mai partecipato alla causa e alle riunioni,fin da piccola mi è stato insegnato il rispetto e l’ubbidienza che una buona figlia deve avere nei confronti dei propri genitori,ma devo pur dire di aver ricevuto amore e comprensione da loro,cosa che Draco non può dire,su di lui gravava il peso di essere l’erede maschio di una dinastia antica.Siamo cresciuti cosi,io amata e coccolata e lui torturato e mai un momento di pace.è cresciuto cosi,con degli ideali a cui non credeva ma imposti.non ha mai preso una decisione di suo pugno,fino a sei anni fa,il suo ultimo anno ad hogwarts,dove si denunciò a silente e chiese aiuto e protezione per lui me e nostra madre.
Che vi avevo detto?
Ma invece di aiutarla ad accomodarsi fuori e non a presentarsi più con simili generi di pretese, i due la stanno ad ascoltare. E non batton ciglio alla corrente continua di bestialità (anche grammaticali) che vengono sciorinate. Draco torturato? Un figlio di papà che crede che tutto gli sia dovuto, torturato? Un principino viziato che disconosce il concetto di umiltà, torturato?
Sì, certo, torturato Draco lo è, ma non dai genitori: dalle fyccine che infestano il Tempio.

Giulia si riserva di fornire ulteriori spiegazioni quella sera stessa, a cena, allo Zabini’s Manor di Godric’s Hollow. Dopo un’inutile panoramica sulle foto delle nozze Malfoy-Zabini – con tanto di Draco che sorride – veniamo messi a parte della tragedia che ha sconvolto queste due auguste famiglie: il giorno del matrimonio, dopo foto e brindisi, nella testa bacata del Divin Pargolo si fa strada quella che, a detta del signor Zabini, è una stronzata alla draco malfoy: decide di sparire. Ha scoperto qualcosa di così sconvolgente da far vacillare le fondamenta della Chiesa Catt… uh, scusate, mi sono confusa. Al neo-cognato non lascia che una lettera. Indirizzata alla sorella? No. Indirizzata alla madre? Nemmeno. "Per Hermione Granger". E, per assicurarsi che ad aprirla fosse esclusivamente la mezzosangue, draco deve aver fatto un incantesimo cosi che la lettera si aprisse solo tra le tue mani ad un mese preciso dalla consegna nelle mani di blaise..cioè un mese dalla scomparsa di draco...
Il testo è un continuo, estenuante singhiozzo di maiuscole ignorate e strafalcioni grammaticali. Ecco cosa succede a torturare babbani durante le ore di lezione:
"cara mezzosangue,hai visto?ti ho stupito..se hai ricevuto questa lettera è perchè mi hanno catturato,sono loro granger..i mangiamorte..pensavate di averli sconfitti ma ci sono pazzi peggio di mia zia bella..stanno cercando una cosa,posso darti solo degli indizi..non posso dilungarmi troppo,ho poco tempo..sono braccato da molti lati,in questo momento non abbiate cura di me..starò bene,e se mi eliminassero non sarebbe una tragedia..ma voglio che il segreto che porto dentro di me lo sappia qualcuno di cui mi posso fidare,e che sappia con cosa si potrebbe avere a che fare..mezzosangue dimentica tutte quelle bestiacce e pozioni che o piton o quell’incapace del mezzogigante ci hanno fatto studiare..se i mangiamorte entreranno in possesso di alcune pergamene apriranno l’inferno e i loro diavoli e demoni discenderanno sulla terra comandati da quel pazzo omicida che san potter ci aveva liberato tanto tempo fa.i.ho sparso degli indizi..ma per l’ultima parte so che avrai bisogno di me…raccogli tutte le informazioni che puoi sul segreto diabolico,mezzosangue segui la scia delle stelle,la volta celeste ti darà una mano.la nostra salvezza è nelle tue mani.ti prego hermione..aiutami.guardati dentro e scopri che non è tutto arido ciè che ci circonda.e proteggi la stella d’etiopia che mai fu più cara al diavolo in persona..
Draco Lucius Malfoy."




Mi sa che non mi ero sbagliata. Questo È il Codice da Vinci!!

Le pergamene che apriranno l’inferno sono i rotoli di Qumran?
…segui la scia delle stelle,la volta celeste ti darà una mano. Seconda stella a destra, questo è il cammino?
Hermione è Sophie Neveu?
Cosa sarà mai la stella d’etiopia?

L’inaspettato appello del Divin Pargolo è la prova inespugnabile (OMG, WTF??) che nel petto di draco batteva un cuore.. e lascia la nostra Hermione con mille e più interrogativi. E blay e giuls con la sana voglia di essere più di marito e moglie,più di migliore amici,più di due giovani amanti innamorati, di diventare una cosa sola a suon di baci lascivi sul collo,carezze intense di passione,e baci teneri e profondi sulla bocca, in una dolce e lenta danza ove si scaldano col fiato e il calore dei loro corpi (…) e i loro respiri all’unisono si confondevano all’interno della loro stanza da letto..

Quel che segue è un delirio di indizi astronomico-mitologici sparsi a caso tra le stanze di Casa Malfoy… e di parenti sparsi a caso (come Rose Sirrah Malfoy, sorellina minore di Draco Lucius Malfoy e Giulia Cassiope Malfoy in Zabini strappata troppo presto dal suo destino). E di punteggiatura sparsa a caso, e di maiuscole sparse a caso.
Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti membri del Ministero, in verità inizio a sentirmi un po’ sparsa a caso anch’io.

Dossier 0003 Dissoluti pargoli di antiche casate nobiliari

Come state, oh miei piccoli squilibrati? 

Mi spiace avervi trascurati per così tanto tempo…ma qui alla clinica c’è stato qualche problemino.
I miei adorati infermieri hanno avuto da ridire sulle loro vacanze estive(a cui, per contratto non hanno diritto), inutile dire che rimuovere i loro cadaveri dai corridoi mi ha impegnato più di quanto non volessi, ma che ci posso fare? Quando mi parte l’avada kedavra…
Quindi vi presento i miei nuovi inservienti: giovani sani e vigorosi per portare avanti la mia attività qui alla clinica!

Jhonny

Bred

Forse li riconoscete, sono proprio loro, i ballerini del locale notturno di Piton: ho deciso di prenderli sotto la mia amorevole ala!
Ma veniamo a noi, siamo oggi qui riuniti per osservare un classico esempio di Serpeverde disadattati alle prese con la loro vita quotidiana. Non fate quelle facce,non sarà uno spasso ma è un dossier-http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=272025&i=1- che dobbiamo leggerci!
Prima di cominciare però è bene leggere la nota dell’autrice…

Ciao a tutti, vi chiderete “ma io questa storia l’ho già letta?”. Avete ragione. Ho pubblicato circa un anno fa i primi sei capitoli di questa fic, poi l’ho interrotta per mancanza di ispirazione e anche perchè non mi soddisfava a pieno.

Mi chido anche io cosa non la soddisfavasse della sua ficcy!
Queste premesse non sono certo rosee, ma prendiamoci per mano, buttiamo giù lo xanax e addentriamoci nel castello scozzese più affollato negli ultimi anni…

Conseguenze non desiderate

Ovvero: Ma non prendevi la pillola?

Capitolo 1°: Giornata alla Malfoy, alias Principini… si nasce !
Ovvero: Il papi mi ha comprato l’slk!

Il suono incessante della sveglia innonda le mie orecchie. Seccato lascio scivolare un braccio fuori dal torpore delle coperte per afferrare l’ orribile usurpatore e scagliarlo con regale forza dall’altro lato della stanza, il più lontano possibile da me.
-Azz… Chi diavolo è stato?-Vi chiederete a chi appartiene questo “raffinato” linguaggio verbale.(GHU?°_°)

C’è QUALCOSA che in questo periodo non mi convince…ma non riesco a capire cosa.
Non è forse la sveglia l’usurpatrice di Morfeo, re dei sogni, ogni mattina? E non hanno diritto le coperte,amiche di letto di Malfoy, di sentirsi intorpidite la mattina presto? E allora cosa siamo ancora qui a cavillare?!
Noto inoltre con piacere che Draco, in questa ficcy, sa comunicare tramite linguaggio verbale. Alcune ficcy in cui comunicava con il linguaggio non verbale, strusciandosi sull’asta di un microfono, hanno in passato turbato il mio sonno. Ah, ricordo quei tempi, quando la sveglia non era poi così usurpatrice!

Ma presto, conosciamo i protagonisti della nostra storia:
Blaise Zabini, l’amico
Purosangue, ricco sfondato bello e naturalmente Serpeverde.                         
Theodore Nott, l’ultimo bello e dannato. Draco, Blaise e Teo formano un Trio inseparabile altro che quello di Potty.   (GNE GNE GNE?)                           
Draco Malfoy, la voce narrante che ci accompagnerà per i capitoli. Piccolo esaltato “Al nostro passaggio tutti si voltano a guardanci, ragazze e ragazzi indistintamente”, bisex. 

Lentamente mi alzo dal letto e tiro le tende del mio accogliente letto a baldacchino.
Ancora intorpidito dal sonno il nostro principino(?!) fa un po’ di confusione con l’italiano…e con la sintassi, visto che dopo che Blaise gli fa una scenata perde il filo logico della narrazione.
Mi lancia la sveglia, che con presa sicura finisce tra le mie mani (cercatori si nasce!) e si chiude in bagno. La sveglia? La sveglia usurpatrice si chiude in bagno? Pure?! Deve essere molto offesa per essere stata lanciata…                                                                                                                                                                    Mentre Blaise si lava (in realtà era lui, nel bagno) Draco ci parla della sua vita e di come abbia accolto sotto la sua ala protettrice Tiger e Goyle, infatti Caratteristica di un nobile purosangue è quella di fare della beneficenza, assurdo lo so ma almeno serve per allegerirsi la coscienza dalle cattive azioni.
Tuttavia non tutti i mali vengono per nuocere, Draco infatti confessa che
i due sono veri e proprio scagnozzi: l’arma ideale per coprirmi le spalle durante le mie giocose marachelle.
Non capisco la ragione, tuttavia GIOIOSE MARACHELLE mi turba. Sembra il linguaggio di una maestra d’asilo che di notte fa l’adescatrice.

In bocca a Draco avrei visto meglio espressioni come “legittime azioni di purosangue” “sfottere Potter” o un sostituto del genere. 

Intanto segnate sull’agenda di pelle di babbano, miei nobili purosangue, propositi per il 2009:
fare beneficenza adottando un idiota.
Per alleggerirsi la coscienza dopo l’ennesima strage di babbani!

Blaise esce dal bagno e finalmente Draco può entrare e gingillarsi, vale la pena di riportare l’intero passaggio: michiudo la porta del bagno alle spalle e estasiato mi fermo davanti allo specchio compiacendomi dell’ immagine riflessa. Decisamente devo ringraziare l’ottimo lavoro fatto dai miei genitori 18 anni fa: “Grazie papi!”.
°_° PAPI? Il papi mi ha comprato l’slk? E poi la mami non la vogliamo ringraziare? Per quel che mi risulta c’era pure lei quando sei stato concepito, e mi pare anche che per 9 mesi le hai rovinato la forma!
Con un sorriso soddisfatto (esatto avete capito bene, tutto quello che riguarda la mia persona merita sorrisi e non i miei soliti ghigni) mi infilo sotto a doccia, facendomi avvolgere da un caldo torpore.
(Aridacci col torpore!)

Le mie mani scivolano sinuose sul mio corpo, leggeri tocchi alternati da audaci carezze.
L’autoerotismo non è cosa da farsi, a casa Malfoy! Dov’è la sgualdrina di turno quando serve, accidenti?!
Amo qualunque parte di me, se non l’avete ancora capito sono innamorato cronico e irriducibile di me stesso. E’ un amore totale che non mi tradirà mai. Chiudo il rubinetto e con un asciugamano in vita esco dalla doccia. Ancora gocciolante entro in camera attirando su di me lo sguardo di Blaise. -Invidioso?- Dico con strafottenza al suo indirizzo facendo un giro su me stesso, lasciando poi cadere l’asciugamano mostrandomi in tutta la mia stupefacente bellezza. Altro che adoni greci. Vedere per credere!
Benissimo, la modestia non è di casa tra i Malfoy, ma non è un pochino(solo un pochino) esagerato? Narciso non avrebbe saputo fare di meglio…E POI, diciamolo di nuovo perchè ci diverte: quando mai Draco Malfoy è stato figo?! QUANDO? Quel cosetto storto, rachitico e pallido come un cadavere? Ma non soffermiamoci in QUISQUIGLIE, the show must go on e finalmente arriviamo in sala grande, dove incontriamo Pansy.
Insieme andiamo in Sala Grande, ci sediamo ai soliti posti al centro tavola riservati a noi dal momento che nessuno osa occuparli.                                                    
Di questi tempi le virgole come le donne, inutili!

La colazione prosegue tra pettegolezzi inutili, virgole licenziate e periodi un pò instabili, ma la mia attenzione viene attirata da un discorso di Teo Nott. E io che avevo sperato che tra “il trio delle meraviglie-la vendetta” lui fosse quello sano!
Parlando di Potter infatti ci informa che Ci potrei fare un pensierino… trovo che abbia un fascino selvaggio. Mi ispira un sesso selvaggio tra frustini e catene! Yeah!

Teo, la seduta è di martedì, non dimenticartelo eh! Comunque, quale momento migliore della colazione, per parlare delle proprie preferenze sessuali? Lì, al centro della sala grande, con gente che sbadiglia, ripassa, si sbrodola di the e biscotti…              
E poi, Potty non ispira sesso selvaggio a tutte voi?! Quella consistenza di mozzarella, lo sguardo vuoto e un po’ stupido, quei capelli dal taglio imbarazzante! AWW! Me lo ricordo ancora, in sella a un cavallo bianco con i tonici glutei al vento! NO?!
(Teo) la serpe seduta al mio fianco è inesorabilmente gay. Non che sia schifato dai suoi gusti anzi, tenetevi forte perchè questa è una rivelazione con la “r” maiuscola : Draco Lucius Malfoy è bisessuale o meglio indeciso cronico.
Il gos approva: uomini, donne, cani, gatti, pecore, cassette delle lettere, pali del telefono, prese della corrente…

I nostri adoni greci si spostano a lezione, dove impiegano il loro tempo nell’utilissima attività della battaglia navale. Io onestamente al liceo preferivo il tris, ma i gusti sono gusti…La lezione è cominciata da una buona mezzora la vecchia parla ininterrottamente e la Granger avrà alzato la mano già una quindicina di volte. Da parte mia ho Blaise in pugno, la portaerei affondata insieme a due cacciatorpedinieri su quattro e a tre fregate, ma questa è magia! Stiamo per passare così, nel bel mezzo della frase, all’imperfetto!
Questa è rivoluzione, altro che Ungaretti!
mi mancavano solamente cinque navi e Capitan Malfoy avrebbe sbaragliato il nemico, che per la cronaca aveva affondato una sola nave. ANCORA MAGIA! Tutto tronfio stavo per fare la mia mossa quando un attacco “aereo” fa saltare in aria le mie navi e fine della gloria.
L’aereo non è che un messaggio di Teo, che informa i suoi allegri compari di essere venuto in possesso di un misteriosissimo biglietto indirizzato a Potter, che CASUALMENTE è caduto tra le sue grinfie.
Che cosa mai ci sarà scritto?
Lo scopriremo nel prossimo Chappy!

Dossier 0002: Il leggendario amore tra il drago e il serpente

Ben ritrovati miei cari, purtroppo oggi non ho molto tempo da dedicarvi: in questo periodo siamo sempre così impegnati alla clinica!

Come sapete, le feste spesso provocano depressione nei soggetti a rischio, quindi cerchiamo di mantenere l’ambiente il più sereno possibile.
Devo dire che quest’anno le cose stanno procedendo piuttosto bene… a parte qualche diverbio con Draco che, proclamandosi angelo dannato, insisteva per posizionarsi sulla punta del nostro albero per tutta la durata delle feste (no, non menzionerò dove voleva infilare la punta dell’abete).
Fortunatamente siamo riusciti a dissuaderlo proponendogli il kit del piccolo mangiamorte per natale! Oh, la sua espressione di pura gioia!
Anche l’esperimento “facciamo i biscotti” è andato bene!
Harry Potter ha persino evitato di commettere atti osceni con gli utensili della cucina!
Ma Hermione…no, Hermione mi preoccupa.
Povera ragazza, una brillante studentessa ridotta in così tristi condizioni!
Cercherò di essere più chiara possibile: Hermione soffre di megalomania, vuole salvare il mondo.
E voi mi direte: ma Harry Potter vuole salvare il mondo da sette libri!
E avreste ragione…tuttavia questo caso è un po’ più complesso.
Ma lasciate che vi segnali la fic, una delle tante in realtà, dalla quale Hermione ha preso ispirazione-

– http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=171533 –

 

Nel caso voleste leggere la ficcy per intero fate un bel respiro ( o meglio, munitevi di bombole d’ossigeno): il periodo dura tutto il primo capitolo.
No, non sto scherzando. Non sono riuscita a trovare un solo punto fermo, solo tante piccole graziose virgole disposte con la casualità delle palline sull’albero di natale.
Vi consiglio anche di munirvi di un buon collirio, poiché l’autrice ha scelto di pubblicare la sua opera in time new roman 20.

 La nostra ficcy si apre con un ballo, o forse con un sabbath poiché siamo all’aria aperta…

…delle figure nere danzavano nell’ombra , scintille a illuminare i loro volti , donne e uomini, giovani e vecchi insieme nella guerra del secolo ,da una parte bene e dall’altra il male, quello che  sarebbe accaduto quella notte avrebbe irrimediabilmente cambiato il destino di  tutto il  mondo magico

Un ballo piuttosto insolito, poiché partecipano auror e mangiamorte…un ballo che cambierà il destino del mondo magico?
Che io mi sia ingannata e che questi siano invece i preamboli di una battaglia?
E allora perché, mi chiedo, le figure danzano? Parliamo forse di un combattimento rituale?
Cautamente proseguiamo e subito la battaglia esplode: lupi mannari sgozzati che volano sul campo di battaglia, Harry Potter che con il volto nascosto da un mantello nero (omaggio al conte Dracula?) si aggira alla ricerca di Voldemort.
E infine lo trova, circondato dalla sua aura malvagia.
Il momento di pathos che ci viene offerto non ha eguali, l’originalità del: “Ti ucciderò” “No, ti ucciderò io” mi lascia quasi senza fiato.
Brividi mi percorrono le braccia, non è stupore, non è terrore…qualcuno deve aver lasciato la finestra aperta.
A questo punto mi sento veramente di consigliare al giovane Potter una serie di sedute con il nostro psicanalista, Sigmund,  per cercare di metabolizzare la sua infanzia!
Ma come ho premesso Harry se la sta cavando bene, non è a lui che ci dedicheremo oggi!

La nostra attenzione si sposta infatti su una bellissima ragazza di circa diciassette anni  con un mantello bianco, morbidi boccoli color del cioccolato  e stupendi occhi oro.

Hermione Granger, Miss Inghilterra, appare nella sua radiosa bellezza avvolta in un mantello bianco
Infatti gli indumenti bianchi sono l’ideale per non farsi notare durante una battaglia notturna, no? Io avrei aggiunto anche un bersaglio sul cuore: “Prego, colpire qui”.
D’altra parte, giacobine, se fosse stata vestita di nero non ci saremmo DI CERTO accorte di lei!
Questa giovane intrepida non ha nulla a che vedere con la vera Hermione, la ragazza che sta sempre sui libri, con i capelli cespugliosi e normalissimi occhi castani. Quest’immagine potrebbe indurre la nostra cara Hermione a considerarsi eccezionalmente bella, ma non importa, le regaleremo una spazzola rosa per il giorno di natale!
Ma la nostra eroina non è solo eccezionalmente bella e sprezzante del pericolo, no di certo!
Hermione, infatti, corre lanciando incantesimi terribili ai nemici, prende al volo un auror, guarda con terrore Voldemort, inizia a correre e raggiunge il castello.

Contemporaneamente.

Solo allora si ferma e, mentre si toglie il mantello, esegue un incantesimo di protezione.
E questo è certamente più grave che specchiarsi tutto il giorno: la povera Hermione rischia di essere un pericolo per gli altri pazienti e per se stessa!
Mi spiace tanto tenerla sedata mentre Zabini suona col basso le canzoni di natale e Draco vestito di pelle nera si esibisce per gli altri ospiti!

Ma è solo proseguendo che la situazione si complica ulteriormente.
Ancora? Direte voi. Ebbene si.
Gli occhi d’oro di Hermione iniziano ad ardere, non sarà pericoloso? Non mi sembra che l’oro abbia punto di fusione molto altro…non vorrei che gli occhi di Herm diventassero di oro fuso o oro colato!

Sotto gli sguardi attoniti di Ron e Remus alza il palmo della mano dalla quale fuori uscirono delle scintille nere che fecero svenire il mangiamorte 

Ma Remus sa! le si avvicinò prendendola per il braccio  <   Ma che fai così ti scopriranno!!  >  Tuttavia Hermione ormai è decisa, la rabbia le fuoriesce dagli occhi incendiati e [..] si inginocchiò poggiando  il palmo della mano destra sul prato e chiuse gli occhi  <   e guerra sia   >  

Usare la bacchetta non sarebbe stato altrettanto fyko, ammettiamolo!

Ma spostiamoci nella foresta proibita dove Draco Malfoy, Narcissa e Charlotte Zabini (diciamo che il nome l’ho inventata io) con il figlio al fianco sono sotto la protezione di cinque auror e Hagrid con un enorme balaustra in mano.

Ho come idea che combattere con una balaustra non sia proprio comodissimo, insomma, se vogliamo usare pezzi di architettura del castello come armi improprie magari un piccolo pilastro potrebbe essere più utile!
E non voglio nemmeno pensare quanto possa pesare un’ enorme balaustra, insomma stiamo parlando di marmo!

<  dammi  Draco e Blaise Narcissa  devono essere marchiati >   la bellissima donna  con il capo alto e gli occhi argentei calmi come lo specchio de lago nero   guardò il mangiamorte < Tu Rodopolus non toccherai neanche con un dito mio figlio e Blaise a costo di ucciderti  >

Narcissa ha il capo alto, misura ben 50 cm! Sarà merito del collo lungo da grifondoro?
E’ questa la prova che i serpeverde hanno il collo più lungo dei grifondoro?!
I suoi occhi Argentei però impallidiscono dinnanzi a quelli dorati di Hermione, poco fa menzionati!
Resta comunque da scoprire come faccia il lago nero a possedere uno specchio calmo…che siano forse le sue acque il soggetto implicito?
Comunque, stando al testo: qualcuno, non specificato, deve consegnare ai mangiamorte Draco e  Blaise Narcissa, altro nuovo personaggio!
Anche ammettendo che si stia parlando di Blaise, immagino sia la versione di Blaise che le vestali più apprezzano: occhi color zaffiro e boccoli chiari.
A questo punto interviene del tutto inopportunamente Narcissa che, rivolgendosi al signor Tu Rodopolus, (che ignoro proprio chi sia, ma sembra abbia origini greche ), lo avverte che nemmeno suicidandosi avrà suo figlio e Blaise.

Poi mentre una scossa fa tremare il terreno i mangiamorte alzano le bacchette e appare LEI: la fulgida Hermione!

In quel momento l’essere che per anni aveva celato la sua natura tornò a risplendere , tutti gli occhi si puntarono su  Hermione che venne circondata da una specie di vortice dorato ai cui piedi si era formato un cerchio rosso,  poi la sua voce melodiosa risuonò nel castello   <   APERIO >  delle fiamme gigantesche inghiottirono Hermione

 A prescindere dal fatto che io non conosco nessun incantesimo Aperio, Hermione risplende.
Risplende come Sailor Moon durante la sua trasformazione… nelle nostre orecchie inizia a risuonare il Jingle:  http://www.youtube.com/watch?v=27LNokCwz5g&feature=related

Lord Voldemort perse il respiro quando vide fuoriuscire da lì hermione , i lunghi boccoli selvaggi circondati da catene di  rubini e come una criniera le incorniciavano il viso diafano , il lungo collo da cigno circondato da dei piccoli  fili di  pietre rosse , il seno prosperoso stretto in un corpetto rosso sangue con ricami dorati raffiguranti un dragone , una gonna stretta e aderente con uno spacco profondo sulla coscia che mostrava le lunghe gambe affusolate e dei sandali dorati  che si attorcigliavano fino al polpaccio ,  lungo il braccio un dragone dorato era tatuato sulla pelle lattea

Fino ad adesso la mia professionalità mi aveva impedito di esprimere il pensiero che tutti voi avete in mente da quando avete letto degli occhi color oro, delle scintille nere dalle mani, degli incantesimi strabilianti.
Ebbene, lo dirò, ma non mi si accusi di mancanza di contegno, questo è un gesto dovuto al semplice sgomento!

MARY SUE!
Hermione ha già fatto la lista dei regali per Babbo Natale…devo davvero dirvi che cosa c’è scritto sopra? No, il dragone dorato non glie lo lascerò tatuare!

Ma il paradosso continua, quando Lord Voldermort (non stiamo parlando del mago Zurlì, diamine!) ordina ai suoi seguaci di catturare la ragazza, nessuno gli obbedisce.
Vampiri, lupi mannari, demoni e quant’atro si inchinano al cospetto di tale dea, persino Remus Lupin china il capo sottomesso.
Lord Voldemort stesso perde totalmente la testa, lancia sguardi lussuriosi al corpo fasciato e le rivolge testuali parole
 Mia piccola regina sono contento che mi hai onorato della tua presenza”

Il congiuntivo! Mio Lord, la visione di tale meraviglia le ha fatto scordare le regole base della lingua italiana?!
Ma Herm sa il fatto suo, non cede così facilmente alla corte di uno zotico che le si rivolge ignorando la grammatica: è pur sempre la so-tutto-io della situazione!
Lo guarda dall’alto in basso,
  incrociando le braccia al petto e piegando il capo lasciando che i boccoli le scoprissero il lungo collo da cigno.

 Lascerò da parte la mia figura di eminente proprietaria della clinica…ditemi che è un FAKE.
E’ qualcuna di voi che voleva fare uno scherzetto?
Occhi liquidi, poteri fantastici, COLLO DA CIGNO. Il seno perfetto l’abbiamo saltato?

Le parole si susseguono perdendo talvolta il filo logico, Voldemort sa chi è Hermione e la credeva morta, Nott vaneggia, povero caro, infatti  era vicino al suo maestro guardò i demoni ringhiare contro di loro  con rabbia   < Ma che fate uccideteli  > un vampiro sporse i canini gli occhi color topazio infuocati   < Tu brutto bastardo volevi rapire la nostra regina !!!!!!  >  

Non si capisce bene chi parla, a quanto pare un vampiro con dei canini gli occhi color topazio infuocati( definizione che trascende totalmente la mia comprensione…) accusa Nott, che voleva che Herry ed Hermione venissero uccisi, di aver organizzato il rapimento di una regina.

Regina che proprio non sappiamo identificare! Il silenzio cade su un certo castello regina…ma subito dopo la ficcy ci ripropone l’annosa domanda: Quale  regina?  
Una domanda che resterà ancora senza risposta, poiché dal nulla appare Caramel che unendosi alla follia generale comincia a parlare in frasi senza senso <   Tu tu non puoi essere arrestatela svelti> 

Sono d’accordo che Hermione non possa essere un’arrestatela svelti, propendo ancora per l’opzione studentessa di Hogwarst!
Ma se i vampiri non avevano obbedito a Voldemort figuriamoci che glie né frega degli ordini di Caramell, al povero ministro non resta che affrontare con le proprie mani Hermione, ma viene intercettato ed ucciso  dal vampiro che prima aveva sporto i canini gli occhi color topazio infuocati.

Insomma, sembra che TUTTI, meno che noi, sappiano chi è questa divinità.
Ebbene, inizio a trovarlo un po’ seccante, facciamo un salto in avanti!
Hermione persiste nel suo rifiuto alle avances del Lord Oscuro, quindi è guerra!

Restava solo lei davanti ai  mangiamorte Voldemort e quell’orrendo mostro , il lord oscuro accarezzò il capo della creatura  congiungendo le mani

 Avrei qualcosa da ridire sulla concordanza tra ai mangiamorte e Voldemort, o forse è semplicemente l’assenza della virgola a far perdere di senso la frase.
Ma la cosa che mi chiedo è: come si accarezza un serpente a mani congiunte? Non vorrei essere volgare ma credo devremo chiderlo a Draco. A furia di lavorare nei night club avrà pure imparato qualcosa!

La battaglia prosegue, con l’agilità di un felino Hermione  balzò in aria , atterrò in ginocchio girandosi di colpo e scagliando dal palmo della mano una sfera rossa che lo colpì facendolo cadere sul prato e lì rimase.

Azione autoconclusiva! Tiè!
Non riesco a seguire perfettamente il passaggio logico, tuttavia la scena si sposta subito dopo nella foresta proibita dove mamma Malfoy e mamma Zabini sono indifese e i loro mariti cercano di farle fuori.
Ma Narcissa si dimostra nuovamente dura da battere  e mandando al diavolo il contegno Malfoy così rigidamente tenuto in sette libri
si gettò sul marito prendendogli la testa tra le mani , un rivolo di sangue usciva dalle labbra di Lucius.

 E ora accade l’inevitabile, tanto lo avevamo capito dal titolo, giusto? Ci eravamo ingannate a lungo affogando il sospetto tra Champagne e antidepressivi. Ci siamo tutte bevute cinque aspirine effervescenti per sperare che le bollicine confondessero il ricordo ma…la ficcy si chiama “L’amore tra il drago e il serpente”, come si può dimenticare?

 Draco Malfoy strinse tra le lunghe dita affusolate la bacchetta portandosi affianco di Hermione.

Anche al colmo della virilità, puntando l’arma contro il mago più temuto, Draco viene definito bel biondino, che  può risultare un po’ imbarazzante e destabilizzante se si sta per affrontare la morte.
Diciamo pure che sta commettendo suicidio volontariamente, visto che chiama con strafottenza “mezzo sangue” l’oscuro signore. Che non è mai una buona idea!
E infatti l’ira di Voldemort non tarda ad abbattersi sulla neocoppietta, e mentre Draco aspetta il colpo di grazia la bella Hermione si interpone tra lui e la spada.

Preparate fazzolettini e lacrimatoi,  le pastigliette gialle di cui abbiamo già parlato sono a vostra completa disposizione.
davanti a lui stava Hermione con  la spada conficcata nel ventre  , per la prima volta il suo cuore di ghiaccio perse un battito , Harry  e gli altri guardarono Hermione chiudere gli occhi e scivolare lentamente sul prato , il viso coperto dai lunghi boccoli bruni.

E con la morte di Hermione le condizioni precarie degli altri diventano tragiche:
Harry torna ai suoi deliri di onnipotenza
 rabbia antica si risvegliò dentro il bambino sopravvissuto  , urlò con tutto il fiato che aveva in gola e come una bolla di sapone la barriera che li proteggeva scoppiò via , un fulmine verde occupò il cielo cupo così come passò negli occhi di Harry

Draco torna ad essere l’angelo caduto e incompreso, mentre riscopre l’essenza dell’amore sentì un buco nero aprirsi all’altezza del cuore , quasi venisse attirato dal nulla , la prese tra le braccia, non l’aveva mai toccata in vita sua ed ora in ginocchio con lei in braccio sentì come se il tempo si fermasse , come se non ci fosse nessuno oltre a oro due.

 E un anno di cure e molte migliaia di galeoni vanno in fumo così, nel giro di qualche riga.
Ammetto di essere piuttosto contrariata! Insomma, i legali dei Malfoy sono qui una volta al mese, recriminando sull’inefficacia delle cure!
Ma Giacobine, cosa ci posso fare io? Spero comprendiate che io faccio davvero del mio meglio per riportare la tranquillità mentale nella vita dei miei assistiti!

Ho già tanti problemi a frenare la ninfomania di Ginny Weasley, le tendenze suicide di Draco Malfoy e i deliri di onnipotenza di Harry Potter.
La mitomania di Hermione Granger potrebbe fare sì che la prossima paziente della mia clinica sia proprio io!

E mentre Draco piange e si dispera sentendosi morire dentro, Potter affronta il terrore del mondo magico a viso aperto e lo ferisce mortalmente.
Ma stiamo parlando del più malvagio mago di tutti i tempi, se muore lui…se li porterà tutti nella tomba.

…nessuno aveva la forza di parlare, troppe persone erano morte quella volta e con loro anche se non con il copro Harry potter , con la mente e il cuore spezzati dalla morte di Hermione , nessuno perciò si aspettò di vedere il corpo di voldemort prendere fuoco , la terra cominciò a tremare e alcune crepe si aprirono nel prato.

La lettura è già abbastanza ostica senza le virgole, figuriamoci con incisi ed errori di battitura.
Mi permetto di tradurvi il pezzo sopraccitato:

Nessuno aveva la forza di parlare. Troppe persone era morte quella volta e con loro, anche se non il corpo, Harry Potter. La mente e il cuore spezzati dalla morte di Hermione.
Nessuno perciò si aspettava di vedere il corpo di Voldemort prendere fuoco. La terra cominciò a Tremare e alcune crepe si aprirono nel prato.

Questo per dimostrare che, anche se con una trama banale e una Mary Sue terribile, una storia come questa può essere leggibile se scritta in italiano corrente.
Forse avrà solo un pubblico vestalico, ma a parte i dragoni scintillanti e i boccoli di caramello, non avrebbe motivo di finire su Fastidious.
E non ci vuole molto per comporre un periodo sensato…

Ma giungiamo finalmente al termine di questo primo capitolo (ce ne sono ben 17, volevo avvertivi), una nube nera emerge dalle crepe nel prato ma viene sconfitta da Hermione, che resuscita (ebbene si) e canta finchè la nuvola non agonizza.
Viene da chiedersi quanto sia realmente intonata Hermione Granger. Al pari di un campanaccio, sembrerebbe!
il bambino sopravvissuto come in trans si avvicinava ad hermione traballando ma con un sorriso sereno sul volto.

Ehm…in TRANCE.
Non credo che Harry con parrucca e minigonna avanzi sul prato traballando sui tacchi.
C’E’ sicuramente una ficcy del genere, ma non è questa!

Dossier 0001: Rapimento dal Potter Manor *__*

Lunedì. Tempo variabile, sta cominciando il freddo.
Trovo giusto ora il tempo per scrivere qualche nota, la giornata è stata decisamente movimentata.
Nella mattinata siamo finalmente riusciti a ritrovare Draco: venerdì il giovane Malfoy era riuscito a forzare la sicurezza della clinica promettendo favori sessuali ad una giovane ed ingenua infermiera.
Sono stati giorni di panico, tuttavia quando l’abbiamo trovato era in discrete condizioni: nessun piercing ai genitali, niente meches rosse e, stranamente, non è entrato a far parte di un gruppo Rock.
Ma non divaghiamo, il povero Malfoy era prostrato e ho scoperto il perché esaminando gli oggetti che i miei infermieri gli hanno trovato addosso.
Probabilmente mentre vagava per strada qualche giovane vestale l’ha riconosciuto e, sicuramente pensando di fare un opera benefica, gli ha messo in mano questa ficcy    

-http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=161796&i=1%20- ,
Rapimento dal Potter Manor *__* di Gokychan.

Mi è bastato leggere il titolo per capire che le dosi di calmante che ho prescritto al paziente sono meno che niente.
Ugo, il mio caporeparto, si è recato allo zoo per avere la dose che danno agli elefanti.
Vi devo avvertire, questa ficcy non è per animi sensibili, ma leggete pure miei cari minorenni: posto in clinica ne abbiamo quanto basta!

Veniamo introdotti alla storia tramite uno scorcio di vita quotidiana.
Harry, perfetta mogliettina, sta cucinando il brodino per il suo amoruccio Dracuzzolo, quando una chiamata inaspettata rompe la quiete familiare: chi sarà mai che disturba i nostri protagonisti ALL’ORA DEI PASTI?!
L’educazione proprio non esiste più, bisognerebbe insegnarla ai giovani a suon di psicofarmaci e camicie di forza!
Ma Harry, anima candida, ancora non sa che la tempesta sta per abbattersi sulla sua vita apparentemente perfetta.
In realtà non sa nemmeno che convive conun giovane dalle gravi turbe mentali: all’improvviso Draco cominciò ad urlare come un forsennato tutti gli insulti che conosceva( ed erano molti)contro il poveretto dall’altra parte del telefono. Harry, preso alla sprovvista,invece di sorseggiare il brodo si ingoiò tutto il cucchiaino
Per il GOS, presto presto, chiamate l’ambulanza!
Un cucchiaino! Potter, ma che gola profonda hai?
Certo, se parliamo di anatomia posso immaginare come sia cambiata la conformazione della gola di Harry Potter da quanto convive con Draco Malfoy(degno erede del GOS, perdiana!)

La scena successiva è un misto di pathos e risate, o almeno, credo che l’intento fosse quello.
Purtroppo Harry non possiede un elfo domestico abile come il mio Rodolfo ed è quindi costretto a improvvisarsi mimo per fare capire al povero Dobby cosa realmente gli sia successo.
Potter infine infligge la giusta punizione al suo elfo: lo chiude nel forno.
Che io ricordi Harry non era particolarmente entusiasta delle teste impagliate della cara zia Elladora, ma si dice che il tempo cambia le persone anche se io prenderei come più attendibile l’ipotesi della schizofrenia!
In ogni caso personalmente preferisco chiudere Rodolfo nella camera di Pansy, quando ne esce è incredibilmente sottomesso e obbediente.
Ma poco importa, so che tutti attendete di sapere CHI era al telefono.
Ma procediamo con calma, non amo andare di fretta, se avete dei tic nervosi o state andando in iperventilazione i calmati sono le pastiglie gialle poste affianco a voi. A stomaco pieno, mi raccomando.
Drachino tesoruccio è sconvolto(e anche io, se devo ammetterlo) ed Harry capisce al volo che cos’è successo, alquanto strano, non trovate?
” era lei amoruccio ” disse Draco leggermente più rilassato ora che c’era il suo pussipussi vicino a lui.
Harry impallidisce tanto da sembrare uno straccio da buttare, e la sua voce gracchia come quella di un uccellaccio.
Sono i primi sintomi dell’influenza che si sta per abbattere sulle nostre città: un’aspirina e un letto caldo e passa tutto.
O forse Harry Potter se la sta facendo nei pantaloni, come possono dimostrare la sua improvvisa balbuzie e le domande serrate che rivolge al suo compagno in preda al panico?
Cosa voleva, cosa le hai detto, cosa le hai risposto, hai buttato la spazzatura?
Le ha risposto picche, naturalmente, perché i Malfoy non si mischiano con certa gentaglia(e allora qualcuno mi spieghi perché convive con Harry Potter).
Come tutte noi ben sappiamo i Malfoy, oltre a selezionare le proprie amicizie, sono spesso colti da attacchi di marpioneria improvvisa.

Tuttavia se il nostro divino GOS è l’uomo, pardon, il dio che non deve chiedere, il suo seme ha qualche problema in più e spesso utilizza espedienti per avere ciò che desidera.

Ecco, forse di solito ha delle trovate più originali di quella sottoriportata, questa è un po’ una caduta di stile, direi!
“Il biondo cogliendo l’occasione al volo disse ” non ti preoccupare ciccino(blea!ndme >__<)ti proteggo io da quella sadica
Questo si che è rassicurante! Se Draco Malfoy mi chiamasse ciccina inizierei ad avere DAVVERO paura!
Come volevasi dimostrare la luce salta e una risata malefica spezza il silenzio: i nostri baldi giovani svengono come gentili fanciulle alla vista del sangue.

Ma cerchiamo di indagare a fondo su chi sia LEI:
Dalle poche informazioni di cui disponiamo possiamo capire che la persona di cui parlavano amoruccio-uccio e ciccino-lovelove è:
una donna, che è sadica e che a quanto pare fa svenire la gente.
Non è molto ma ulteriori informazioni non si fanno certo attendere!

Addentriamoci nel chappy due: rivelazioni.
Dun tratto l’armadio si aprì e una persona ne uscì fuori di botto.
”HUAAAAAAAAAAAA” urlarono di nuovo Harry e Draco, ma stavolta lo shock era troppo e bianchi da far paura, svennero cadendo, Draco sul pavimento, e Harry sul morbido letto

Dun tratto mi sento confusa: come si fa svenire cadendo? Mentre stanno svenendo cadono? Cadendo Svengono? Credo che farò qualche prova sulla dinamica dello “svenire cadendo” utilizzando uno dei pazienti come cavia.
Magari Blasie, tende a dimenticare anche i connotati della sua faccia, ultimamente.
Non ne avrà a male, ne sono sicura.

Probabilmente se ne dimenticherà con la stessa rapidità con cui si scorda di essere un energumeno di colore e si crede un fragile irlandese dai capelli color dell’oro chiaro e gli occhi blu cobalto( cosa che , credetemi, capita anche più volte nel giro di mezz’ora).

La figura misteriosa esce allo scoperto e scuote la testa fissando le figure dei ragazzi svenuti

Accidenti, non so se sono più sconvolta dall’apparizione della figura misteriosa o dal fatto che così, di punto in bianco, siamo passati al presente.
Il povero Potter(non credevo l’avrei mai detto) si desta dallo “svenimento a caduta libera” per primo, e la sua sorte è quella di venire legato a una sedia.

Immagine che in me rievoca i bei tempi andati, quando Lucius sfoggiava tutine di latex e percuoteva le virili natiche di Severus con un frustino.

Ma l’attesa si è fatta snervante anche per me, ormai è il caos: Draco grida disperato, Potter è ancora legato! Smascheriamo chi ha compiuto quest’attentato alla routine quotidiana!
“ Ma si ,si che dico sul serio!!! Parola di Gokychan “ (OHHHHHHHHHHHHH!!! Nd lettori O___O ebbene si! La persona misteriosa sono io!!!ndme^___- ).

Mie carissime consorelle, non è Just *O* ?
L’autrice ha rapito i suoi personaggi! Devo dire che è la prima volta che mi imbatto di una cosa del genere!
Segue animato dibattito in cui il sig. Malfoy difende strenuamente la sua posizione di purosangue dissentendo apertamente come le idee di pairing(Draco/Ron) che il personaggio dell’autrice gli propone.
Draco, forse per te c’è ancora speranza!

Non sei attratto dai pettorali scolpiti dal “Kuiddic” di Ron?
I suoi capelli color pel di carota ancora ti fanno sbottare nel tanto amato : “Lurido babbanofilo straccione” ?

E una domanda sorge spontanea: perché un’autrice dovrebbe rapire i propri personaggi?
Forse ho qualche teoria, ma sono solo teorie.
Spero che lo svilupparsi della ficcy mi illumini a riguardo!

Lo stesso giovane Malfoy esprime le sue perplessità(in un momento di lucidità): perché sono stati trasportati nella stanza dell’autrice? Un altro punto per te, giovane Malfoy!
“ Vi ho portato qui per intervistarvi miei cari!!”
Ma allora è tutto chiaro!
Come vuole il regolamento del Tempio:

CITAZIONE

E’ vietato pubblicare testi che non siano storie/racconti/poesie. Si accettano le ‘interviste’ ai personaggi, purchè esse abbiano una trama.


Che brillante escamotage per intervistare i propri personaggi!

L’alternanza di imperfetto e presente continua a imperversare nel testo e le virgole, indignate, hanno infine abbandonato la ficcy per recarsi in luoghi più gradevoli, tipo il libro di grammatica.
Un leggero senso di nausea potrebbe cogliervi, ma non preoccupatevi, la clinica ha messo a disposizione antinausea per tutti.

Basta rivolgervi a uno dei simpatici addetti col camice bianco, non abbiate paura!
La stanza in cui ci troviamo inizia a dilatarsi, spuntano spalti e spunta il pubblico, spunta anche una scrivania e spuntano le immancabili sedie per gli intervistati.
Sento che inizia anche a spuntarmi un po’ di orticaria, ma niente paura, antistaminici e si va avanti!
Il nuovo cambio di scenario mi ha provocato un certo mal di testa, ma ci sono cose come i dialoghi sotto forma di copione che risollevano sempre lo spirito!
E Draco rivela a tutti un’inquietante realtà…
D: “Andiamo amore riprenditi a casa ti darò la tua dose di psico-farmaci”

Mie care consorelle, non occorre certo che vi dica che gli psico-farmaci devono essere prescritti da un medico in seguito a una diagnosi. Se si prendono senza aver consultato il proprio dottore il risultato non può essere che:
H: “ Nooooooo non dirò più bugie lo giurologiuuuuurooo buhaaaaa!!! Non mi faccia del male ! confesso sono stato io a fare delle foto a Ron nudo e a metterle su tutte le pareti della stanza di Draco “
E capirete che, a questo punto, nemmeno il fedele Ugo o tutto il corpo infermieristico della mia clinica potrebbe fare qualcosa per aiutarvi.  
Le foto di Ron nudo al momento mi stomacano, tuttavia il colpo di grazia lo da questo mirabile esempio di periodo che se ne frega della consecutio.
Un bel respiro, prego, non vorrei che l’apnea uccidesse qualcuno di voi, purtroppo l’unica virgola che è non è scappata si trova in una posizione del tutto casuale. Colpa degli psico-farmaci di Potter, sicuramente.
Il biondino sentendo queste parole si gira di scatto verso l’amante e preso da una rabbia omicida, si libera con uno strattone delle cinghie che lo tenevano imprigionato e prende per il colletto Harry cominciando a strattonarlo malamente.
Il chappy si conclude con frasi allusive a proposito di tu-sai-cosa (si, noi lo sappiamo benissimo) tuttavia la giornalista in erba non manca di invitarci alla lettura del prox chappy dove i due baldi giovani, una volta finito di copulare, si lasceranno intervistare.
Starei davvero qui a congetturare a proposito di che cosa ci aspetta nei prossimi chappy, ma si è fatto tardi e devo fare un giro di controllo dei pazienti.
Hermione era molto inquieta, oggi.
Sosteneva di dover andare a una gara di macchine e ha cercato in ogni modo di procurarsi un tubino rosso.
Sarà il caso che vada ad accertarmi che si trovi ancora nella sua camera.