Archivi categoria: avvisi

Prima dell’apertura ufficiale, ringraziamenti e avvisi.

Uno speciale (e doveroso) ringraziamento da parte di tutto lo staff ad Aioros, che col suo Splinder Importer ci ha permesso di salvare l’intero database sul nuovo blog e che è stato disponibilissimo (e molto celere) nell’adattare il plugin alle nostre esigenze e a quelle degli altri disperati in fuga daSplinder.

Ricordiamo infine a tutti i possessori di blog su Splinder: la piattaforma pare al capolinea; vi consigliamo di creare un Horcrux nuovo blog da qualche altra parte.

Annunci

MBA, seconda fase.

L’occhio di bue è rimasto da un pezzo l’unica fonte luminosa nella sala, ma il palco è ancora clamorosamente vuoto. A questo punto larga parte del pubblico (che sareste voi, lettori del blog) starà iniziando a porsi domande: ma come, veniamo richiamati sulla pagina da annunci in pompa magna, abbandoniamo al loro destino i camerieri di Restaurant City, le verdurine di Farmville e piantiamo in asso l’avatar del nostro interesse amoroso su Sims Social proprio quando si è deciso ad accettare l’interazione “Fiki Fiki” con il nostro, e questi ci lasciano qua ad aspettare?
Non passa molto tempo e queste domande  iniziano a venir poste anche al vicino di poltroncina, in un crescendo di indignazione.

Finalmente, con uno scatto repentino, l’occhio di bue si sposta per illuminare l’entrata di una losca figura fasciata in un abito nero di Armani (rovinato, altrienti col cavolo che poteva permetterselo. Precisamente ha un fiorellino di pizzo molto poco Armani su un fianco, a coprire un buco). La donna incespica, lancia un’occhiata inferocita al tecnico delle luci che l’ha abbagliata e poi, ricordandosi della folla ormai inferocita, sorride e si avvia con passo nervoso al microfono.

“Buonasera”

Come nella migliore tradizione delle serate iniziate male, il microfono fischia. BellaLestrange (ebbene sì, è lei la donna con l’Armani rattoppato) socchiude gli occhi, attendendo che l’eco finisca. Poi ci ripensa e torna da dove è venuta.

Dietro le quinte l’Amministrazione di “Fastidious Notes on Morbid Fanfiction” freme, nervosa.
“Non capisco perché debba farlo proprio io, il discorso: è assodato che parlare in pubblico non è proprio il mio forte, e detesto stare sul palcoscenico. Non potrebbe farlo Skeight? Lui è così sicuro di sé, è quello impegnato, la persona seria, l’unico amministratore che non soffre di SPM-”
L’elogio a Skeight continuerebbe, ma Hyena zittisce BellaLestrange con fare sbrigativo.
“Capoh, il Capoh sei tu, quindi il discorso lo devi fare TU. E poi Skeight è partito, non può fisicamente partecipare a questa serata!”
“Ma io odio il palcoscenico!” Frigna ancora BellaLestrange, facendosi piccola piccola e sperando di impietosire qualcuno.
Ma siamo su Fastidious,  auto-proclamatosi  la Sparta del Web e popolato da (questa volta il titolo è stato affibbiato da occasionali detrattori) “giacobini asserviti al sistema”, non può permettersi  pietosi amministratori  (o amministratori pietosi); la founder  viene scortata fino al microfono, davanti ad una platea che, grazie ai microfoni accesi, ha potuto sentire tutto lo scambio di battute tra Bella e Hyena.

BellaLestrange fissa la platea.
La platea fissa, basita, BellaLestrange.
Bellalestrange sfodera un tremolante sorriso e, finalmente, spiccica parola.

"Grazie! grazie! grazie! Davvero, grazie!”
Trilla ne microfono, alzando le braccia in cielo in segno di vittoria e poi salutando con le mani il pubblico. Attimi di silenzio, poi la fondatrice torna seria (serissima!) e annuncia con tono grave "Signore e signori, la serata è finita. Ancora grazie, eh!


 
 
E qui mi fermo, perché rischia di diventare veramente una vaccata colossale, questo post, e ho già tergiversato per  un’intera cartella di Word.
Se state leggendo questo messaggio allora ho tenuto buono il quinto incipit; se non lo state leggendo allora vuol dire che ho cancellato tutto per riprovarci (almeno) una sesta volta.
Come potete intuire, spero vivamente che stiate leggendo questo messaggio.

Ora è il momento delle cose serie (no! Aspettate! Non intendevo dire che ringraziarvi è una sciocchezza, e che ci interessa solo passare la seconda fase dei Blog Awards! Avete frainteso!):  come votare (votarci) per la seconda fase (e farmi sfoggiare realmente l’Armani rattoppato).
 
Per rendere valido il vostro voto dovete votare tutte le categorie (la scheda è qua sotto, in fondo al post). Lo so, è una noia, perché nessuno conosce tutti i blog/siti di questo mondo e andare a controllarli uno per uno prende un sacco di tempo. Io in un ora non ho ancora finito di visionare i candidati a “Miglior Sito o Blog 2011”, ed è la prima categoria.

Tirandomi una zappata sui piedi  (perché nessuno al mondo ha voglia di controllare TUTTI quei siti) vi chiedo, quando votate,  di fare una scelta consapevole per tutte le categorie. Sarebbe veramente brutto perdere o vincere (oh, smettiamola con i falsi buonismi:  sarebbe un vero peccato e una enorme rosicata PERDERE!) perché qualcuno ha votato il blog dell’amico in una categoria e ne ha ciccate altre ventisei  a caso.
Perciò, mentre aspettate che qualcuno commenti il vostro stato su Facebook aprite tutti i siti/blog di una categoria e leggete qualche post di ognuno, così per farvi un’idea di chi vi piaccia di più: avete fino al 28 settembre.
 


 

Fastidious for president

Giacobine e giacobini, avidi lettori e insaziabili lettrici,

a luglio, Fastidious Notes ha compiuto 5 anni. Abbiamo alle spalle decine e decine di recensioni, perle indimenticabili e flame altrettanto memorabili, e cosa c'è di meglio per celebrare questo traguardo se non tentare l'assalto al cielo?

No, non abbiamo intenzione di noleggiare uno shuttle e abbandonare il pianeta (anche se a qualcuno non dispiacerebbe); più modestamente, vogliamo mettere alla prova la nostra popolarità partecipando ai Macchianera Blog Awards (MBA), i premi oscar della blogosfera italiana.
Se non sapete di cosa si tratti, potete trovare informazioni esaurienti a questo link. Sempre lì, anche alla fine di questo post, potete trovare il form da compilare indicando, per ogni categoria, il blog che vi sembra più meritevole. Dopo aver attentamente esaminato l'elenco tra una burrobirra e un tiro di erba pipa, abbiamo identificato le quattro categorie per le quali Fastidious ha le potenzialità per concorrere:
– categoria 4: Migliore community – sito collettivo;
– categoria 14: Miglior sito o blog letterario;
– categoria 24: Cattivo più temibile della rete (sembra fatto per noi);
– categoria 28: Miglior sito o blog di satira.
E qui entrate in scena voi, cari giacobini e giacobine: per avere qualche speranza di accedere alla seconda fase delle votazioni – che già di per sé basterebbe a proiettarci nel pantheon della rete italiana – abbiamo bisogno di ricevere tanti voti in una o più di queste categorie. Per questo vi chiediamo di compilare il form e di indicare il nostro nome e indirizzo per le quattro categorie di cui sopra.
Come potete leggere nelle regole, non potete votare lo stesso blog in più di quattro categorie, pena l'annullamento del vostro voto. Per renderlo valido, inoltre, dovete votare per almeno otto delle ventinove categorie, ma supponiamo che questo non sia un problema (già per la categoria "Miglior blog andato a puttane" ognuno può avere numerosi candidati…).
Naturalmente non vi chiediamo di votarci obbligatoriamente in tutte e quattro le categorie indicate sopra: se volete indicarci solo in una o due resta comunque una grande dimostrazione di stima nei nostri confronti. Allo stesso modo, nulla vi impedisce di votare per noi non in queste categorie ma in altre; tenete presente, però, che con ogni probabilità sarebbero voti sprecati.
Detto questo, direi che tutto ciò che c'era da sapere lo sapete. Non abbandonateci in questa sfida, e sapremo ricompensarvi con nuove, abbacinanti recensioni e altre iniziative. Al voto!

 

Recenti casi di propaganda nazista sul blog

Scrivo questa nota per prendere le distanze, insieme a tutto lo staff di Fastidious, dai commenti dell’utente che si firma ChrisisART.

Fastidious non è un blog di propaganda politica e gradiremmo non venir associati ad alcun estremismo.

Ci scusiamo con chi potrebbe rimaner turbato dai commenti di quella persona e, ancora, ci dichiariamo in totale disaccordo con i contenuti d’odio razziale, con le idee politiche e con le congetture esposte nei suoi commenti.
È stata contattata l’amministrazione di Splinder e, presto, verrà avvertita anche la Polizia Postale.

Su questo blog non amiamo censurare nessuno, ma in questa circostanza oscureremo i commenti di ChrisisART appena la Postale avrà fatto i suoi accertamenti.

200.000 e non sentirli!

Giacobini e giacobine, giacobimbi e giacobbone,
si alzino i lieti calici che la bellezza indora e si brindi con assenzio, Rhum dei peggiori bar di Caracas e Burrobirra irlandese!
Le libagioni che inizieranno per festeggiare questo grandioso traguardo saranno accompagnate dalla musica eseguita dal Maestro, che ha composto per noi un’ Ode al nostro essere frigidi strumenti del Demonio (sì, anche i maschietti XD).

I ringraziamenti sono lunghi e doverosi.
A coloro che ci vedrebbero tanto bene in una bara -ma se fosse con un bel paio di aguzzi canini e fuori un bel vampiro tutto per noi…o bella vampira eh! Non dimentichiamoci dei nostri accoliti!-
A quanti continuano a dire che non facciamo niente di utile.
Alle Vestali che si arrampicano sugli specchi dimostrando che sì, sanno ridere di una nostra recensione perché tanto la loro ficcy è comica e noi si siamo dati da fare inutilmente.
A quelle di loro che qualcosa di buono hanno tratto.

Ai nostri Giacobini acquisiti, alle giacobine onorarie, agli amici, a quanti credono che un congiuntivo meriti la vita quanto una caratterizzazione IC.
A quanti passano di qua, leggono e forse riflettono.
Ai difensori del Canon, alle Mary Sue, al linguaggio SMS.
A noi che sicuramente non salveremo il mondo, non raddrizzeremo torti, ma saremo sempre scomodi come pulci e zecche pervicaci che ghigneranno :"GRAMMATICA! CARATTERIZZAZIONE! COERENZA!" con arguzia e satira…

Grazie.
Perché noi resistiamo. Al di là delle mode, degli imitatori, dei copiatori.
Auguri Fastidious!!

Lo Staff.

E ADESSO… BANNATECI TUTTI.

Prima ancora di cominciare con questo editoriale, ci pare di sentire gemiti e grida di sdegno salire dall’altra parte del Passo delle Termopili a causa del titolo scelto. Vi prego di non smarrirvi dietro a sterili starnazzi… non vorrete perdervi il meglio!
Perché noi pochi, noi giacobini, noi piccole persone, noi demoni lussuriosi ma allo stesso tempo repressi sessualmente -un giorno ci spiegherete questa contraddizione, vero?-, noi sadici, noi asserviti al sistema di "mmmmerda" -e anche qui, ci dovete una spiegazione!!- siamo finalmente qui. Con le lance spianate, gli scudi alzati… e il sole dalla nostra. Guardate un po’ la presunzione, eh.

Posto che (ci auguriamo che?) siamo tutti dotati di un cervello funzionante, noi siamo qui per dire le cose come stanno. Non nasconderemo nulla; non lo abbiamo mai fatto, ma sappiamo bene che molti dei nostri lurker più affezionati -a cui dobbiamo il successo del nostro blog- sono convinti del contrario. No, aspettate, forse  la battuta era "leggono A e capiscono Z"? Mah, tanto sappiamo che chi di dovere capirà.

…Forse.

Dunque cominciamo, all’insegna della massima trasparenza. Massima trasparenza in casa nostra, dove possiamo dire quello che vogliamo e come meglio ci aggrada – purché non sconfini nella diffamazione e nel turpiloquio – perché in linea di massima questo è quanto garantisce la libertà d’espressione.
Non negheremo di aver riflettuto su questo editoriale dal momento in cui una nostra collaboratrice ha espresso sul proprio blog cosa pensa del più grande archivio di scrittura amatoriale italiano; lo ha fatto in modo ironico, ma – ci pare – non offensivo, specie alla luce di quanto pubblicato ai nostri riguardi sugli spazi privati di individui non propriamente estranei allo staff. Non lo avesse mai fatto: in soldoni, la discussione che ne è nata si può riassumere con un "se vuoi citare Tizio/Caio su un tuo sito-forum-blog ce lo devi prima chiedere e sta a noi darti o no il permesso."

Come, prego?

Il nostro Paese va a catafascio, ma almeno la libertà di dire la propria non è mai stata negata se non ai massimi livelli e per tramacci che non abbiamo mai trattato qui. Qui si parla di fan fiction e del diritto sacrosanto di dire cosa secondo noi in questa sfera va e cosa no. Io non posso quindi scrivere cosa a mio parere non va bene? Devo informare i diretti interessati? Non mi pare che i grandi quotidiani facciano così. Questa è una pretesa ridicola.
Ridicola.
Soprattutto perché unilaterale. Due pesi e due misure, dice il vecchio adagio. C’è chi sì, se lo può permettere di dire ciò che vuole. Noi forse no.
Ma ahimè, purtroppo siamo gente semplice, e il nostro giro di conoscenze è quel che è…
Da questa vicenda si è sviluppato un lungo giro di considerazioni, tra cui spicca quella che ci ha spinto a scrivere quello che state leggendo.
E’ stato chiesto di prendere una posizione chiara.

Saremo chiarissimi e pronti ai rischi che questo comporterà, perché di rischi ve ne saranno eccome. Le parti in causa non sono bambini all’asilo.
Fastidious Notes esiste perché al momento attuale la situazione fan fictions in Italia è penosa. Dobbiamo forse ripetere all’inifinito i motivi? Siamo seri, li conosciamo tutti. Quello che forse si lascia sempre sottinteso è che tale situazione persevera perché non c’è nessuno che all’interno faccia qualcosa di concreto per far tacere le lamentele.
Lamentele che si fanno più insistenti e che forse sono credute alimentate da gente come noi. Davvero, il vostro amore e l’ardore con cui professate cose del genere ci commuove; ma non sorge mai il dubbio che la gente, l’utente X abbia un cervello e che per quanto si tenti di lobotomizzarlo qualche neurone girerà sempre?

I comportamenti che ci lasciano perplessi sono molteplici: se si posta una recensione negativa ma costruttiva su EFP o su Manga.it si corre il rischio di svegliare il Cane a Tre Teste che dorme in ogni autore, il quale cosa farà? Prenderà una storia a caso del recensore, se questi ha la "sventura" di essere anche autore, e lo ricambierà con una deliziosa recensione di ripicca, colma di livore. Il recensore cercherà aiuto presso i moderatori e gli amministratori che alla fine decreteranno un salomonico pareggio perché il povero autore è stato provocato.
Qualcuno urla inferocito: "Dateci le prove!" Basta andare sul nostro forum, il link è in questa pagina e cercare tra le Segnalazioni cosa è accaduto tra Roxelle, l’autrice recensita su EFP, non sul blog e Valpur.Guarda caso nostra collaboratrice. Guarda caso, con una storia presa di mira da Roxelle per pura, infantile ripicca conservata nello stesso archivio. Qualche traccia è rimasta anche su EFP stesso ma come abbiamo già detto, le recensioni sono state tolte in alcuni casi perché è stato ritenuto che Valpur abbia provocato con una recensione negativa Roxelle e si sia meritata tanto livore.
È forse giustizia, questa? Il non volersi sbilanciare, il tentare di accontentare entrambe le parti puzzano tanto di rifiuto di prendere una posizione decisa per… paura? Paura di che? Di far pestare i piedi a qualcuno e diminuire la reputazione del sito in questione?
Suvvia, un briciolo di severità è d’obbligo!
Se si fa una recensione in pieno “Fastidious style” a un’amica di qualcuno dello staff dell’archivio di fanfiction, state certi che scatterà il ban con trattamento retroattivo e modifica al regolamento tempestiva operata in modo tale da giustificare il ban. Per la serie: finché non tocchi chi conosciamo tolleriamo le citazioni, tolleriamo il sarcasmo, ti vieniamo anche in aiuto se ne hai bisogno; poi però preparati alla Guerra.
Le prove, dite?Qui, sul blog. Recensione a opera di OdiolaRow, la "vittima" era Eos. Il flame che si è scatenato nei commenti c’è ancora tutto, ai lettori l’arduo compito di leggere e di farsi da soli una propria idea.

Ma ce n’è davvero bisogno?
Bisogno di tutti questi sotterfugi e non da parte nostra perché un grande archivio di livello nazionale fose si sta accorgendo che sì, in effetti un po’ di controllo forse ci vorrebbe?
Ci siamo ridotti, temo, ad un’utenza paragonabile a un ragazzino ribelle. Ci sono delle capacità, e anche grosse, dietro il caos e il disordine. Ma questi ultimi due aspetti non vanno assecondati.
Ci vuole fermezza, ma soprattutto coerenza. Uno stizzito provvedimento repressivo sorto dal nulla in mezzo ad un pianoro desolato di silenzio e disinteresse (da intendersi ad ampio raggio, non solo riferito all’operato di chi modera gli archivi ma anche agli autori poco invogliati a migliorarsi e ad essere un briciolo umili) può scatenare un putiferio sul momento, ma cambierà davvero le cose?
Mi sa di no. I dati sono lì, sotto gli occhi di tutti.
Il dialogo è ridotto ai minimi termini, le incomprensioni fioccano come chicchi di grandine.
Andare a puntare il dito è inutile. Di certo, però, un regime rigido (il che non è necessariamente un difetto, anzi) che sorge sul nulla non ha radici per attecchire. Lo dimostrano le reazioni di chi, per far valere la propria autorità, perde le staffe e si sente messo sotto attacco… cosa che, da chi tiene le redini di un sito, proprio non ci si aspetterebbe (ingenuamente, forse?).
Dite che stiamo esagerando? Abbiamo le prove, signore e signori, ve lo ripeteremo fino alla nausea; se volete indicheremo le  altre discussioni qui conservate, che non tocchiamo mai e potrete leggere di messaggi velati tesi a metterci paura perché siamo comunque in pochi, troppo pochi a dire che il re è nudo.
A dire basta alle Mary Sue clonate.
A dire basta allo slash senza senso.
A dire basta allo stupro della lingua italiana.
A dire basta alla continua uccisione del buon senso.
A dire basta… ora aggiungete voi le motivazioni. Perché noi le conosciamo, esattamente come voi. Quanti anni sono che degli utenti, scrittori o lettori appassionati indicano che la strada perseguita è sbagliata?Che tollerare non va bene, che creare regolamenti flessibili -garbato eufemismo- è una lama a doppio taglio?Ci viene detto di continuo che siamo false e bugiade; che sputiamo addosso a chi si fa un mazzo per mandare avanti un sito.
Ma dovevamo essere chiari, giusto?Bene, allora dall’esterno vi diremo che questo mazzo tanto non si vede; non tanto per il cancellare recensioni inutili che sicuramente danno solo problemi e generano guai a volte smisurati ma quanto per un serio controllo sulla qualità delle storie.E non ve lo stiamo dicendo da ieri e sappiamo che i diretti interessati coglieranno i nostri messaggi; spero che anche voi sarete tanto sinceri da smetterla con insulti personali in altri blog o di dirci in faccia quello che pensate.

Si potrebbe fare tanto per portare di nuovo un equilibrio ma cercare d’insultarci, ferirci o legarci e imbavagliarci è controproducente, e non certo per noi. Perché abbiamo anonimi, lurker o flamer che ci vomitano addosso i peggiori epiteti, a volte senza alcun senso; ma noi proseguiamo imperterriti per la strada scelta. È inutile cercare di correggere rotte ormai allo sbando, ma se la volontà di cambiare è sincera, sappiamo tutti che questo comporterà sacrifici. Sta a tutti noi affrontarli e con cuore leggero perché qui si parla di un hobby, del piacere di scrivere.

O meglio, di quello che dovrebbe essere il piacere di scrivere e confrontarsi.
Dovrebbe.

…Forse.

Lo staff di Fastidious Notes.

Blaise

Lo so che questo post in questo blog c’entra come i cavoli a merenda.
Ma una notizia così andrebbe urlata ai megafoni di ogni piazza d’Europa.
Dopo averlo avuto/a come protagonista in qualcosa come 100000000000000 ficcyne slash, crossover, OOC, OC ed anche anche ASL, è stato scritturato il discepolo più devoto del GoS, l’Amanda Lear dell’Universo Potteriano, il Principe Mezzosesso che sottomette purosangue e mezzosangue socchiudendo le labbra umide.
Il Ranma che al primo anno è una donna, al terzo è un gufo, ed al sesto un uomo,
Si vocifera che la Rowling in persona sia intervenuta per porre fine allo scempio di questa mera comparsa dei suoi romanzi.
Miladies, Loui Cordice nel prossimo film sarà Blaise Zabini.
Squillo di trombe (ehm)

Questo ragazzo, anche se avrà mezza battuta nel film, non sa che sta per dare volto a una Leggenda.