Tolkienverse: la Quarta Era del Crossover

Miei cari giacobini mafiosi, come ve la passate?
Inscatolato addobbi, calciato via Magi ritardatari dal presepio?
Avete ripreso a offrire Vestali Grifondoro ai vogliosi desideri del GoS?

Scommetto di sì, quindi non cianciamo oltre. Come Unici Difensori del Perculamento -è bello avere ammiratori che ci forniscono epiteti evergreen- dobbiamo continuare a perpetrare la nostra originalità e alzare fieramente i giacobini nasetti all’ insù  passando oltre a plagiatori e abili copiatori. Ma ammettiamolo pure, per un attimo: questo significa che siamo famosi! *O*
Finita l’ esultazione?
No, perché qui non c’è tempo da perdere.
Dobbiamo essere dinamici e veloci, pronti a colpi di scena serrati, personaggi che spuntano come funghi a ogni riga e a rigogliosi, intricati alberi genealogici tali da far impallidire un certo Docente di Oxford prima e un certo Sirius Black poi.
Ebbene sì; non è ancora tempo di tornare a Hogwarts o ripiombare sul sedile posteriore di nere macchine d’ epoca, scostando da sotto i nostri regali deretani bottiglie di acqua santa e sacchi di sale. Agenti del Mossad e virili esponenti di agenzie governative dovranno ancora attendere prima di dimostrare il loro vero cuore.
Un cuore di ficcynesca panna.

Rinnovate le scorte di Lembas, di Erbapipa e affilate le spade.



Prego l’ angolo slasher del blog di non ridere troppo, perché qui la vicenda è seria! E quando mai qualcosa non è minimo serio nella Terra di Mezzo?
Stiamo per addentrarci in una terra di magia, mistero e battaglie. Una terra che LadyArien (http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=264970&i=1) ci propone con una marcia in più.


Ok, ok. La battuta stavolta ci stava tutta. Chiedo venia.

Noi tutti inutili recensori malefici e senza cuore abbiamo conosciuto le razze che popolano l’ immaginario creato dal caro Professore: Elfi, Uomini, Numenoreani, Hobbit, Orchi…ma dimenticavamo un importante tassello della piramide sociale.
Parliamo del popolo girovago per eccellenza. Degli zingari.
Sono ben conscia che mai, in tre libri, centinaia di appendici, un Silmarillion e svariate altre opere, Tolkien non abbia menzionato qualcosa di simile; e non vale dire che gli Esterlings nella trilogia filmica sono stati caratterizzati da una bella passata di kajal sugli occhi. E per una volta, miei machiavellici malpensanti, non possiamo fare ironia  a buon mercato.
No.
Proprio no.
…Ameno non subito.

Perché, incredibile a dirsi, questa storia presenta qualcosa di raro, rarissimo. Più raro di un congiuntivo usato correttamente.
Insomma, parliamo dell’ Arca dell’ Alleanza del ficcyverse.
Il disclaimer.
*Il Maestro, coinvolto per l’ occasione, fa partire una overtoure d’ uopo con l’orchestra al completo*

Un tempo obbligatorio, questo doveroso avviso è dovuto soccombere causa aumento di Vestali, Merisiù, Gheristiù e siti che mirano più alla quantità che alla qualità. Tra parentesi: meno male, miei cari. Altrimenti noi non potremmo fare il lavoro sporco e non avremmo rivelato al mondo l’ esistenza di Dio! Lucius Malfoy. Tanto per citarne uno. Ora però, diversi esemplari affiorano coraggiosamente; che sia merito di alcuni pazzi, pochi e sparuti, a cui nessuno dà retta quando dicono che il 90% del Tempio dovrebbe venir svuotato di tutti gli altari?
Ma non è il momento di divagare.
 Dicevamo: il disclaimer. Veniamo a sapere che i gitani alle porte di Gondor sono lì grazie a un crossover con un manga pubblicato molto tempo fa su una rivista famosa per rivendere come fumetti nipponici prodotti dell’ italico genio imbrigliato dal Moige. L’ opera in questione si chiama "La storia di Luna".

Bene, benissimo! No, dico davvero. Ma tali presupposti non devono farci dimenticare che, anche se debitamente avvisati, dei lettori che nulla sanno di Tolkien o del perché di un simile Crossover tra due realtà completamente all’ opposto si aspettano uno straccio di spiegazione. Un alito di vento appena accennato d’ introduzione.
Niente di niente.

E con questa granitica certezza, andiamo a cominciare a conoscere questa Corte dei Miracoli declinata nella Quarta Era del regno di Gondor.
In un campo gitano nelle pianure di Gondor una giovane si aggirava cantando, era allegra e spensierata. Era vestita come una zingara, ma la sua grazia e la sua bellezza la facevano sembrare una principessa. Aveva lunghi capelli neri, pelle chiara, occhi verdi e lineamenti delicati, al collo aveva un antico medaglione color ambra. La ragazza si chiamava (…Esmeralda) Aranel ed aveva sedici anni.
…Aranel? Ma siamo sicuri? Sicurisicurisicuri?
Allora metto via "Notre Dame de Paris" del Maestro Hugo, eh…
La fanciulla in questione trova nei pressi di un albero la sua cara zia, che piange. Brillantemente, Aranel deduce che tali calde lacrime sono dovute al peso di ricordi terribili per l’ anziana parente…e da qui in poi, la vicenda ingrana una figurata settima marcia e vola a vincere il Gran Premio di Montecarlo staccando Ferrari e McLaren di sette secondi buoni!
Pronti?…Via!
A quel nome la zingara si riscosse, fissò Aranel con i suoi profondi occhi neri e le disse: “Aranel, devi sapere che Lyrith non era veramente mia figlia!”
Ma come? E lo dici così, senza preavviso, senza comprensibili ritrosie, reticenze e quanto altro? E il seguito non è da meno.
“In una piovosa sera di sedici anni fa (Era una notte buia e tempestosa…), negli ultimi anni del regno di Re Elessar, una bellissima signora molto giovane venne verso di me piangendo, con una bimba in braccio. Prima di morire me l’affidò, perché la crescessi come figlia mia: quella bambina era Lyrith.” Ah, non Georgie? Ma…ma…la pioggia. La donna bellissima…
Lo stupore di Aranel cresceva:
“E chi era Lyrith in realtà, zia?”
“Era Luthien, la figlia del principe dell’Ithilien!”
->*O*!!!!!
Alt. Fermi tutti. Proviamo a ragionare. Sinisfildo, il mio fido Elfo del Catino, mi assiste porgendomi la mia copia del Signore degli Anelli. La sfoglio pure, al colmo del masochismo. Ah, ecco: Regno di Re Elessar. Quindi, nell’ Ithilien regnava Faramir con la sua signora, tale Eowyn sorella del sovrano di Rohan. Un certo Eomer. Li conoscete? A me sono famigliari, lo dico con modestia. Ora. Ce lo vedo  Faramir far abbandonare la propria progenie.
Forse sbaglio; ma ho il Fido Tomo con la trilogia completa al mio fianco! Consiglio a tutti di fare altrettanto, specie da questo momento in poi.
Aranel incassa con filosofia la notizia e torna alla vita di sempre ma il giorno dopo sua zia decide che ci vogliono ancora colpi di scena altrimenti, non si riesce a mettere on line un capitolo senza un minimo di un milione di svolte iiiincreddibbilii. Il milione è una cifra stimata dopo diverse statistiche e numerose esperienze nel ficcyverse.
Come ormai mia abitudine, sto per far partire l’ angolo più amato delle mie recensioni.
…Avete capito bene. Preparate le mascherine per l’ ossigeno…
Nel giro di poche righe la zia ciarlona rivela ad Aranel che pure lei è principessa dell’ Ithilien causa AnticoMedaglioneClassico che lei aveva da picciridda; Aranel frigna e ci regala un momento di puro "SonoUnaRagazzaLiberaEtSelvaggiaIo!"  fornitoci senza alcuna spiegazione -perché amava vivere come una "zingaaaaraa di cui nessuno sa nulla di lei?" – quindi fugge dal campo gitano e senza saperlo s’incammina lungo la strada che porterà a Minas Tirith che mille dolori inflisse alla cugina-che-cugina-non-era.
Piccolo momento di pausa, mentre vi cambio le bombole.
 Minas Tirith. Focalizzatela.
Una città su sette livelli scavata nel fianco di una montagna. Una enorme, colossale, gigantesca torta nuziale su sette piani, per dirla con l’impietosa descrizione di una Giacobina Onoraria. Stravisibile dalle pianure del Pelennor, figuriamoci da Osgiliath che è la città da cui poi si estente l ‘Ithilien.
…E Aranel non la vede. Manco una lucetta piccina picciò accendono questi Gondoriani! In fondo il capisco, dopo quella faccenda dei Fuochi di Segnalazione sono rimasti scottati.
Aranel vaga disperata lungo la strada e per poco non muore.
Perché, se si finisce sotto le zampe di un cavallo in corsa, la morte è sicura eh! Ma lei no. Cade e basta, subito soccorsa dal cavaliere che era in sella. Lui nota subito, al buio pesto solito citato poco prima, il medaglione.
 Nel giro di poche parole Aranel informa lo sconosciuto -che potrebbe essere un bruto ma oh, son pareri!- che ha il gioiello fin da piccola, che sua cugina-non-più-tale ne aveva uno uguale, che quest’ultima si chiamava Lirith e lei, a proposito, si chiama Aranel. Il nostro eroe per non essere da meno si presenta, si chiama Elboron e quale meraviglia!, lo stesso nome dell’uomo che avrebbe dovuto sposare la vera madre di Lirith il cui  nome è Laurelin che aveva un’ altra bimba di cui disgraziatamente l’appena conosciuto Principe dell’ Ithilien -…sì. Un altro – non ricorda il nome. Il tempo di prendere sotto la propria protezione la fanciulla zingara che-tale-non sembra- e scortarla a Gondor che veniamo a conoscere tutte le puntate di Beautiful- ehm, la complessa araldica dei regnanti della ridente regione che pullula di principi e principesse.
Il principe -arridaje!!- Minardil amava  Laurelin e per lei aveva scaricato la sposa designata, Elfwing Dama di Rohan; quindi la felice coppia aveva avuto due piccine, ovvero Luthien e una senza nome ma Elfwing, rancorosa e umiliata, voleva una strage e mandò i suoi sicari a perpetrarla così Laurelin, Luthien e SenzaNome sparirono dalla vicenda con grande sgomento del fratello minore di Elfwing, Elboron appunto. Principe sia del Mark che dell’ Ithilien -ancora??- . Minardil sposa Elfwing ma lui muore consumato dal dolore, da qui inizia la sfiga perché muore poco dopo pure il principe Faramir -cicciato fuori così per tentare di dare un senso a tutto ciò-, muore il figlio maggiore di questo, Elboron e il nipote figlio dell’ ultimogenita Silmariel, un altro Minardil, perciò il potere passa a quest’ultima.

…Ci siete ancora? Sappiate che vi ho privato della citazione in toto del blocco in questione per darvi modo di prendervi diversi emboli nel leggere tutto d’un fiato informazioni tali che di ficcy potevano nascerne dieci. E non è ancora finita…no. E questa volta…citiamo per un raffronto.
Poi, tre anni prima, era corsa voce che una delle bambine, (ovviamente. Chi è stata la Talpa?!) Luthien, era sopravvissuta, cresciuta in una famiglia di zingari con il nome di Lyrith,(Pure il nome falso sapevano! *_*) e che si trovava a Minas Tirith, ospite di una nobile famiglia. La principessa Silmarien aveva voluto incontrarla ed era avvenuto il riconoscimento, dopo di che Lyrith era andata a vivere in Ithilien. Lì Elboron aveva conosciuto Lyrith, si era innamorato di lei e l’aveva chiesta in sposa. Elfwing, la sua crudele sorella, avrebbe voluto opporsi alle nozze del fratello con la figlia della sua rivale di un tempo, ma in quei giorni era anche lei molto ammalata ed era morta poco tempo dopo. (In tutto questo, Elfwing è rimasta a far la zitellona in una Corte non sua?) Le nozze così erano state fissate. Nessuno però sapeva che Lyrith in realtà amava il giovane nobile che si era preso cura di lei a Minas Tirith, Artamir. La notte prima delle nozze, Artamir e Lyrith fuggirono dall’Ithilien a Minas Tirith, dove la principessa madre li ritrovò (…quanto ci mise, dal momento che da Osgiliath a Minas Tirith ci sono poche ore a passo di cavallo?) e li condannò a tre anni di esilio. Alla fine di questi tre anni Artamir era ritornato nella Città, ma senza la sua Lyrith, morta di febbre pochi mesi prima. (poche parole per liquidare un personaggio tanto importante. Comincio a credere che tale ecatombe serva a qualcosa. Cosa? …A dar luce solo alla protagonista, magari?) Il terribile colpo aveva indurito e invecchiato anzitempo la principessa Silmarien. Non avendo altri eredi diretti, la Dama aveva deciso di lasciare il regno a Elboron, che non assomigliava per nulla alla sua malvagia sorella (…ed era principe del Mark. Gondor perde i pezzi!), aveva tanto amato la defunta Lyrith e inoltre per uno strano scherzo del destino portava lo stesso nome del suo perduto fratello!
Non siete sconvolti da tutti questi stravolgimenti?
Non siete sorpresi che, a conti fatti, l’unica erede diretta è rimasta una certa Miriel? Sì, è il nome dell’ altra bimba! E anche lei forse è stata messa in salvo nella stessa tribù di zingari della sorellina!
E chiunque stia dicendo che forse siamo un po’ saturi di colpi di scena e siamo già giunti all’ovvissima conclusione, va punito perché sono inutili cavilli!
I pensieri del giovane si interruppero quando il suo cavallo giunse a Minas Tirith, e nella Città si recò subito verso il palazzo nel quale era stata ospitata Lyrith per studiare musica. Dopo la morte di Lyrith il comune dolore aveva avvicinato Elboron alla famgilia di Artamir e i due giovani erano diventati buoni amici.
Ovviamente. Sia mai che questa ficcy possa venir turbata da qualcosa che si possa definire "complessità dei personaggi", eh.

Annunci

20 risposte a “Tolkienverse: la Quarta Era del Crossover

  1. Ma posso dire che della trama non ho capito niente? Dubito che sia colpa della recensione… se avessi un elfo … lo chiamerei subito…

  2. San Pancrazio e Santa Berengaria, che assurdità! Il mio fido Dagoberto tituba, tituba assai… intende rivolgersi ai sindacati elfici per la quantità di catini che deve trasportare…
    Diff, sloggata.

  3. Ehm… O.O (diciamo che era più o meno la mia faccia durante tutta la lettura) Nemmeno io a dire il vero ho capito molto. Andrò a guardare qualche puntata di Beautiful, magari aiuta; ma nel frattempo… non c’è mica un elfo del catino anche per me?Aki

  4. La macedonia di nuovi PG mi ha devastata. E ha devastato anche lui:

    I credits danno quel tocco così chic! *w*

  5. Da accanita fan di Beautiful in verità vi dico: questa ficcy è ben più incasinata.

  6. Odio, lollo e lovvo.
    Per quanto riguarda la recensione, complimenti a Arwen perché è scompisciante.

  7. Scusate… sto ancora a farmi due conti per capire i collgamenti fra i pg… manco biùtiful è così contorto, lì sono sempre le stesse persone che si sposano fra loro!
    Tesorina, bellissima recensone, come sempre! *__________*

    *Cive no-log, perennemente in lite con splider*

  8. Sono oltremodo confusa.
    Sarò polla io, ma non ci ho capito niente dei nuovi personaggi, della loro famiglia, che cavolo è successo tra tradimenti, fughe, figli uccisi ma sopravvissuti…

    Ho meno problemi a tenere a mente i drammi inutili di Beautiful: hanno decisamente più senso e più logica @__@

    Katerina

  9. Odio, pacs.
    Maddi, ti amo, anche se non ho capito una big candy degli intrecci dinastici. E dire che guardo Biùtiful da almeno dieci anni, dovrei essere abituata. (Ma i Centocretini non li guardo, giuro).
    Steel dal pc del papo.

  10. Sappiate che al Quartier Generale di Fastidious (che per ora direi che è camera mia) è stato steso un enorme foglio dove, con pazienza ed un po’ di masochismo, sto cercando di dare un senso alle parentele in questa ficcy.
    Arwen ti lovvo…

    E, Odio, i credits incrociati hanno fottutamente stile.

  11. Per la complessità dell’intreccio familiare sembra il Genji Monogatari, mancano solo i personaggi che piangono lacrime al tramonto asciugandole con le ampie maniche del kimono.

  12. Giuro, anchee sfogliando tutte le opere di Tolkien non sono riuscita a trovare intrecci familiari così complessi come quelli della protagonista zingara! °_°

    *Si preme la mascherina dell’ossigeno contro la bocca*

    Che poi… zingari sulla piana di dove?! Avete presente la piana di Gondor dove si sono combatutte certe battaglie assurde in quel picciolo libro chiamato “Il Ritorno del Re”?
    Non penso abbiano subaffittato la piana… u.u”

  13. Ciao Arwen, sono Arien,sì, proprio l’autrice di quell’ambaradan che ti sei data la pena di recensire.
    Ti aspetti forse che mi arrabbi o cose simili?
    Anzi, ti devo ringraziare, perchè mai in tutta la mia vita avevo letto una recensione così divertente e articolata della mia fanfic. Si capisce proprio che l’hai letta con attenzione e ne hai colto tutta l’assurdità e la demenzialità! Questo mi fa molto più piacere di quelli che scorrono appena quel che scrivono e in base a ciò dicono “Bella” o “Brutta” senza neanche sapere.
    Questa mia fanfic era una sorta di provocazione, volutamente incasinata e con una Mary Sue per protagonista. Ci voleva una persona come te per analizzarla e demolirla, ma in tanto tempo che è online nessuno lo aveva ancora fatto.
    Spero che continuerai a leggerla e a recensirla fino alla ovvissima e lacrimevole conclusione.
    Non ho mai riso tanto in vita mia e spero anche che vorrai recensire altre mie sciocchezze.
    Grazie per le sane risate che mi sono fatta!
    A presto.
    Arien

  14. Credo di parlare a nome di tutti…

    Ti aspetti forse che mi arrabbi o cose simili?

    No, francamente non ci aspettiamo mai nulla da nessuno.
    Abbiamo conosciuto autrici che hanno imparato dai loro errori, autrici che sono andate avanti con le loro idee ma che hanno comunque commentato civilmente e con le quali è stata intavolata una buona discussione ed autrici che hanno sputato fuoco fiamme.

    Lieta di sapere che tu non sei del terzo gruppo.

  15. Ah, quindi era tutto voluto? Be’, complimenti all’autrice, perché per cercare di mettere ordine in quel marasma di parentele mi si sono incrociate le sinapsi! XD

    Daphne, ora Giliath intenta a ripassare le intricate genealogie del suo mondo

  16. Anch’io ho provato a dare un senso a questo macello di parentele, ma mi sono persa miseramente. Attribuirei la colpa di questo insuccesso alla mia ignoranza dell’universo tolkeniano se non vedessi anche voi giacobine più esperte brancolare nel buio O.o

  17. uhm… perfetto sisi! tutto chiaro fin nei minimi particolari, mi stupisco del perchè nessuno sembra verci capito un tubo! suvvia! applicatevi un pochetto no?!?!

  18. Complimenti all’autrice, un vero genio! Io non sarei mai riuscita ad inventarmi una situazione così intricata… :D. Complimenti anche per la reazione dignitosa! Sembrerà scontato, ma non è da tutti prendere così alla leggera una recensione negativa…

  19. Ciao, sono ancora Arien, la mitica autrice dello strazio di cui avete fatto la recensione. Devo dire che mi sono divertita molto, ma sono rimasta delusa dal fatto che non avete continuato a recensire la ff fino all'ultima puntata (dove si cade ancor più in Beautiful!) e perché non ho trovato altre mie 'opere' così ironicamente fatte a pezzi.Sarei contenta di legere altre vostre recensioni, davvero, anche perché questo aiuta a capire quando si scrivono assurdità senza farci caso.Come si fa a sapere se una ff è stata scelta per la recensione?Posso chiedervi un favore? Nel caso ne sceglieste un'altra delle mie, potreste mandarmi un avvertimento al mio indirizzo e-mail:halba1973@alice.itVi sarei davvero grata, un saluto e a presto, spero!Arien  

  20. @Arien:Mi fa davvero piacere constatare che questa recensione ti è servita, è sempre bello quando un autore si mette in gioco e non strepita. Non sono io che ti ho recensito e non so se Arwen voglia continuare con una seconda parte questa recensione, ma visto che è passato più di un anno dalla pubblicazione presumo sia finita qui. Quanto al recensire altre tue ff, mi spiace, ma non credo succederà.Di norma un autore viene criticato solo una volta, al massimo, se la ff è molto lunga, la recensione viene suddivisa in più post. Per di più non recensiamo mai su commissione, quindi è inutile autoproporsi.Per rispondere alle altre domande. non hai modo di sapere in anticipo se una ff verrà recensita, ma avvisiamo gli autori al momento della pubblicazione sul blog, usando -in genere- in form contatta di EFP o inviando una mail (se abbiamo l'indirizzo). Quindi, anche se dubito  possa succedere, se per caso venisse criticata qualche altra tua storia, verrai certamente avvisata.*Winola che spera di essere stata almeno comprensibile*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...