Splinder non formatta più come una volta.

 

…con la storia c’entra poco, ma adesso sta iniziando ad irritarmi, ecco.
Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti membri del Ministero,
anche quest’oggi metto da parte la solita caccia a babbani, mezzosangue e infidi babbanofili, poiché in quanto membro decano di questo tribunale ho il dovere morale di sottoporre alla vostra attenzione l’ennesimo caso di marysuaggine entro le colonne del nostro amato Tempio.
È atroce il modo in cui certi delitti continuino a perpetrarsi, nonostante l’impegno che mettiamo nel nostro lavoro.
Inoltre, visto il delicato fandom che stiamo per trattare, io ed il mio fedele elfo del catino Haldir ci siamo scambiati i ruoli: è lui quello che sta male, quello il cui cuore è stato trafitto e i cui occhi versano lacrime defunte. Io, mentre vi scrivo, sorreggo solerte il catino di opale.
Ivi si riprende infatti il discorso lì dove il professor Tolkien l’aveva lasciato: l’opera consiste nel continuo del Signore degli Anelli di Tolkien, tutto ambientato a Eressea, nelle Terre Immortali!
Scripted (sic!!) by: Meky
 
Suvvia, mettete da parte il vostro banale inglese oxfordiano e venite a far compagnia a Legolas e Gimli nel loro lungo viaggio verso Valinor.
Insomma, lo può fare una Sue che spunta all’improvviso (sì, spunta all’improvviso in una barca in mezzo al mare) e non possiamo farlo noi?
Perché, adesso, il viaggio verso le Terre Immortali non solo è low cost, ma anche last minute.
Haldir, lo so che non avete mai aperto agenzie di viaggi, voi Elfi.
Si narra anche che il GoS non abbia mai stuprato una vergine, ma a chi dobbiamo credere?
-Ma tu non puoi! Sei Mortale!- obietta, giustamente, Legolas.
-Anche lui lo è!- disse indicando il Nano (…)
Gimli, invece di pensare “perché, dolce fiore, non ti fai un tegamino di cavoli tuoi? E comunque, a differenza tua, con la Compagnia dell’Anello mi sono fatto un mazzo a tarallo grosso così per guadagnarmi le Terre Immortali. Eppoi, da quale pulpito: mica sei poi tanto più alta di me. Va’ a caghé!”, delira: "Ha qualcosa d’elfico ma anche qualcosa di regale. Perché qui la figaggine la si dà via come il pane! Deve essere d’alto lignaggio quella lì. Che i pezzenti tornino al loro paese! Noi l’abbiamo duro. Oltretutto è molto bella, chissà da quale regno salta fuori. Se sei povero, ti tirano le pietre. Gondor o Rohan? Ma anche Hogwarts."
-Lui ha il permesso di qualcuno più in alto di me, di quelli con molto potere in mano, gente che tu non sai neanche chi sia-
Legolas, stellina: perché parli come un dodicenne che marina la scuola?
Legolas siamo costretti a portarla con noi- gli disse Gimli in un orecchio (immagino Gimli che scivola nelle trombe di Eustachio di Legolas: decisamente, l’immagine non è piacevole)-Non possiamo buttarla in mezzo al mare, affogherebbe!! Il che è esattamente ciò che vorremmo noi. È meglio lasciare discutere con questa chi ha potere-
Gradirei che qualcuno mi facesse capire CHI abbia potere, a questo punto. Saranno mica He-Man e She-Ra?
Legolas è quasi d’accordo con l’amico, anche se puntualizza: alcune cose deve almeno dirmele per farmi un’idea di chi sia.
Legolas Verdefoglia, Inquisitore. *o*
(…) se vuoi mi puoi chiamare Moko-
Il Professore sta rantolando nella tomba, lo sento.
Capisco sia solo un nome in codice… ma, proprio perché nome in codice, non dovrebbe dare meno nell’occhio? Beh, in questo caso, nell’orecchio…
Ad ogni modo, su richiesta del biondo principe di Bosco Atro, la nostra eroina narra la sua impresa dall’inizio.
(…) Sono partita da casa mia…-
-Frena! (Ma cristoddio, Legolas! FRENA?!) Dove abiti?-
-Non so se te lo posso dire… va bene, abito a Gondor- Io abito a Italia. Augh! -E sono andata all’Anduil (la bella la va al fooosoooo…) dove vi ho trovati. La notte in cui tu avevi appena finito la barca, io mi sono intrufolata sotto queste coperte che servono in caso di pioggia (…) Poi ho aspettato, finché non mi avete trovata.
Ora, non per essere pignoli, ma gli Elfi hanno una supervista e un superudito da fare impressione agli X-Men e ad Heroes. Volete forse farmi credere che Leggie non si è accorto di niente?
-Cavolo Legolas, perdi colpi!- rise Gimli.
Dopo frena!, cavolo, perdi colpi!, in effetti, è un manifesto di coerenza.
Nonostante i tentativi di Legolas, Moko non si sbottona (letteralmente) nemmeno un pochino. L’altra piccola informazione che riusciamo a racimolare è la seguente: 
-Potrei sembrare una ragazzina ma non lo sono più da tante estati. So che se te lo dicessi tu capiresti chi sono e io non ho nessuna intenzione di aiutarti a capirlo!-
Mi sembra di assistere a una conversazione sui motorini appostati davanti McDonald’s.
Alle chiacchiere da motorini si adeguano i turbinosi pensieri dell’elfo più effeminato della Terra di Mezzo (Haldir, tu sei il secondo):
"Ha qualcosa di famigliare… ma non so cosa! Sono molti anni che non torno a Gondor, da quando Aragon ha avuto il terzo figlio (Aragorn! Incinto! *o*), se non sbaglio una femmina (sei suo amico! Non dico il nome, ma almeno il sesso dovresti ricordarlo!). Anche un’altra volta vi ho fatto ritorno ma trovai suo figlio a governarvi e mi disse tutto (eh?). Povera Arwen, chissà quanto ha sofferto per le sua morte" pensò Legolas diventando grigio in volto: il ricordo della tomba dell’amico gli era tornata in mente (bella come sei? O forse ancor di più?).
Sbaglio o nell’intreccio della vicenda c’è qualche passaggio che non torna?
Sicuri sia andata proprio così?
Moko, come leggendogli il pensiero, capì ciò cui stava pensando e divenne triste anche lei. Gimli, non capendo più niente… perché è uno stupido nano. I Nani sono brutti, ergo non hanno l’intelligenza superiore di chi è bello bello in modo assurdo.  
"Dunque possiede qualcosa d’elfico (lo ripeti per chi si fosse messo in ascolto soltanto adesso, vero?)" pensò Legolas "Come pensavo non deve essere una semplice ragazza (vedi sopra); né nella saggezza, né nel lignaggio"
Grammatica, questa sconosciuta.  
-Avete finito con le domande? (…) ora tocca a me- disse Moko
-Spara- sbuffò Legolas
OMG, WTF??
In quale universo parallelo Legolas sbuffa e dice spara?!
Il Signore degli Anelli secondo Moko:
Se non sbaglio gli Elfi e i Nani non sono più amici da secoli tranne per quella Compagnia in cui partecipavarono (una chicca degna della migliore Anna Marchesini! *o*) due uomini, Sire Aragon e Sire Boromir, quattro Hobbit tra cui i Portatori dell’Anello Frodo e Sam, gli altri due se non sbaglio sono Meriadoc (se preferite Merry (mettiamoli, i dannati puntini sulle i! >_<)) e Pipino; infine vi siete voi due che avete rivoluzionato la storia dei Nani e degli Elfi con la vostra amicizia.
Sì, mia cara, è andata proprio così.
L’amicizia tra Legolas e Gimli, poi, è diventata la più osannata icona gay dopo Cher, i Village People, il cast di Cats e le Sirius/Remus.
Insomma, Moko non riesce proprio a tollerare che uno come Gimli, basso, grasso, brutto e peloso, possa raggiungere le Terre Immortali senza problemi mentre lei, amabile Mary Sue dagli augustissimi natali (che ancora non ci vengono rivelati, ma sono ben facilmente intuibili) deve sudare sette camicie firmate Vera Wong.  
-Ok signorina! (Gimli! Capisco che sei sconvolto dalla perniciosa insistenza di questa donnaccia, ma… OK?!) Io ho avuto il permesso di Dama Galadriel. Gné-gné.
-Costei gli ha concesso il permesso per qualche ragione ignota- disse Legolas tappando la bocca all’amico per non permettergli di iniziare a sparare notizie sulla bellezza di Galadriel. Perché, che Galadriel sia bella, è top secret. Sparare notizie violerebbe un secreto di stato. Sparare. Sono indignata.
"Se sapessero…" penso trattenendo il riso che le sgorgava dalle labbra: voleva che rimanessero a bocca aperta quando avranno scoperto chi è lei.
Analisi del testo.
Se sapessero, ci sta.
Penso: voce del verbo pensare, prima persona, tempo presente. Errore di battitura per pensò. Vagamente perdonabile.
Il riso che le sgorgava dalle labbra: improprio come il nero sul marrone.
Quando avranno scoperto: strafalcione grammaticale imbarazzante quanto un foruncolo al primo appuntamento.
Signorina Moko, la aspetto nel mio ufficio per scrivere “i libri di grammatica non servono per fare polvere” finché il messaggio non sarà penetrato.
Ma torniamo al nostro Legolas.
Cioè, Legolas è una parola grossa… chiamiamolo Orlando Bloomcon la parrucca bionda e le lenti a contatto azzurre.
E se fosse… (…) veramente figlia di… (…)(dove?!) si spiegherebbe il perché di tutto, anche l’averlo chiamato Sire e non Re, sempre che lei non abbia mentito sul luogo d’origine…
Invece dell’agognata risposta, la nostra vestale lascia un rigo bianco.
Una piccola ellissi per creare suspaaaans.
Il segreto viene così rivelato ai suoi due compagni di barca, ma non a noi, che abbiamo avuto la pazienza di seguirla fino ad ora. Come se noi non l’avessimo già capito…
-Non ci credo! Sei veramente tu?!- rise Gimli
-No guarda, sono te! (ma.che.tristezza.di.battuta.)– disse imbronciata: le avevano rovinato la sorpresa e, oltretutto gliela avevano fatta loro
Ah, ora si svela l’arcano: voleva fare un’entrata ad effetto, da vera Sue, con tanto di damigelle adoranti che ornavano il sentiero con petali di gelsomino e lillà… peccato, sarà per la prossima volta.
-Non te la prendere ci sarà molta gente nelle Terre Immortali cui fargli lo scherzo- disse Legolas
Nelle Terre Immortali sono dei burloni. Immagno i Valar schierati come nell’Olimpo di Pollon. A Maranello, d’altra parte, mettono i ciccioli nel serbatoio delle Ferrari.
Moko-Sue, tra le altre cose, si è portata dietro una piccola tangente per convincere chi di dovere a farla restare a Valinor: alla nostra già provata fiera delle banalità, infati, si aggiunge una bellissima collana in argento con incastonate otto piccole gemme bianche, che assomigliavano più a stelle che a monili.
La collana Sue, non la trovate commovente? ç.ç
E poi, quanto amo le tangenti!
-E’ la chiave per le Terre Immortali! (mi chiedo… cosa ci sarà scritto sul campanello? Ing. Arch. Dott. Terre Immortali?)spiega la ragazza, piccolo regalo della sua mamma.
Occielo, mica tanto piccolo. A detta di Legolas, se quello è piccolo, io sono un hobbit con tanto di cappello!
Basta, Legolas, smettila con le babbanate!
Come precisa la tua tenera amica, il dono è piccolo ma grande nell’importanza.
Era un piccolo grande regalo.
Avevo detto di smetterla con le babbanate o sbaglio?
Seguono momenti di puro nonsense:
-Quello che mi chiedo è come tua madre potesse averlo!Ma per il momento non è importante, godiamoci quest’attraversata (voleva dire questa traversata, magari?) che probabilmente sarà l’unica che faremo e se tu- disse rivolgendosi a Moko (ma non stava già parlando con lei?) -ne farai un’altra te le godrai tutte e due! Nel caso in cui la buttino fuori a calci dalle Terre Immortali? Ci sto!
Il sole tramonta, finalmente, e i nostri cadono addormentati in un sonno profondo.
Pure Legolas.
Intanto mi è apparso il fantasma del professor Tolkien. Professore, metta giù quella corda! Haldir, molla il catino e dai una mano al Creatore, su. No, non l’uno e trino, l’altro!
 
Il giorno successivo, il risveglio dei nostri eroi ha un che di estremamente romantico.
Sveglia pigroni!-li urlò la ragazza emozionata (questa Sue è talmente Sue che riesce a urlare non le cose, ma le persone! *o*)-Siamo quasi arrivati!Da qui si riescono perfino a vedere le Terre!-
In realtà, dunque, Legolas non aveva costruito una semplice barca, ma la Nina, la Pinta e la Santa Maria.
La reazione di Legolas?
-Uao!-
Mes jacobins, la figura nella quale si stanno contorcendo il Professore e il mio Haldir ha un che di apocalittico.
Quel uao! li ha sconvolti più del fatto che una inutile femmina mortale sia riuscita a vedere più in là di un elfo.
Gimli commenta con un rutto, che scuote Moko dalla contemplazione.
-Stupido Nano! (Inutile femmina!) Se fosse per me ti butterei giù dalla barca perché non sai godere lo splendore di tutto ciò!-
Si gode di qualcosa, non qualcosa, Moko. E comunque… sei simpatica quanto un’uretrite gonococcica.
Fortunatamente, la navigata si conclude il terzo giorno dalla scoperta di Moko sulla barca.
C’è chi conta dalla nascita di Cristo, chi dalla scoperta di Moko sulla barca… de gustibus come sempre, ma non viene difficile abbreviare in a.s.d.M.s.b. e d.s.d.M.s.b.?
Solo allora Legolas si rese conto che erano in grossi guai: avevano un Mortale con se (sarebbe … e, Legolas, sei un idiota! Ce l’hai dietro da tre giorni!)! Come avrebbero spiegato tutto? Spero non come lo state spiegando a noi, perché sto entrando in confusione. Cercò di trovare una risposta mentre entravano nel golfo naturale che formava un semicerchio di scogli (cioè, un golfo).
All’imbarcadero, una guardia chiede nome, patente, libretto e permesso di soggiorno dell’inattesa ospite.
Legolas, allora, racconta dell’avventura appena trascorsa, ben precisando che non potevano rispedirla indietro tramite posta prioritaria perché sarebbe annegata a nuoto (perché, si può annegare a piedi?).
-Venite! ordina la guardia. Condurremo questa clandestina davanti ai saggi e al Re-
Ora ho capito: Legolas e Gimli sono due scafisti!  
Attraversarono un ponte che collegava il porto galleggiante (err… come fa un porto a galleggiare? o_O) alla terraferma. (…) c’ erano molte barche attraccate ai numerosi moli, ma nessuna di loro era in partenza
"Forse le tengono per casi come il mio?" pensò
Casi umani, Moko? Forse.
Con la guida di un certo Halen (Van Halen), l’Elfo, il Nano e la Sue attraversano luoghi in cui sbocciano fiori che rendevano l’aria pura e profumata (capisco il profumo… ma la purezza?) e rose d’oro che sfavillavano come stelle di giorno e di notte ininterrottamente e con la stessa intensità (me cojoni!)prima di arrivare alla meta: un palazzo di cristallo, resistente come la Torre d’Orthanc (la Torre di Ecthelion si sta risentendo) ma bella come la primavera (*o*).
Adesso, un po’ di dizionario Moko-Lingua Comune, ovvero ciò a cui Tolkien non avrebbe mai osato pensare:
Perlhen: Castello di Helbim, il Re di Eressea, dagli occhi belli come il mare ma freddi come una spada.
Sheav: materiale feeko tipo marmo che però si trova solo nelle Terre Immortali.Forse il corrispettivo del mithril, ma meno da nani terroni.
Consiglio: raduno del Ku-Kux-Klan, od orgia in pieno stile Eyes Wide Shut. I membri sono incappucciati, oltre che disposti in inquietanti gironi. Ne fanno parte Galadriel, Celeborn, Elrond, Gandalf, Paolo, Francesca e il conte Ugolino.
Professore, la prego, si sieda e si calmi.
Haldir, preparagli del tè alla vaniglia.
 
Dopo un discutibile quanto fuori luogo siparietto sulla Moko-famiglia, il Re solleva la sua prima obiezione: 
-Nome strano non trovi?-
-Se lei la pensa così, allora non pensiamo allo stesso modo-
Non l’avrei detto, sono sconvolta.
Il Re rimase alquanto turbato dalla sfrontataggine (sfrontataggine?) di quella ragazza, era come se fosse abituata ad avere a che fare con autorità importanti come il re (va bene che repetita iuvant, ma questo pare un po’ troppo).
Attraverso un sentiero lastricato di orrori grammaticali e concettuali che, forse, farebbero rabbrividire persino Costantino, tipo parole sgorgate dal cuore come suggerite da un’altra mente,pensieri che fanno di tutto per non essere capiti (non che sia difficile, attenzione), e menti chiuse da cancelli (sic!), Moko mostra al sovrano la collana dell’augusta mamma.
Appena Elrond vede il monile, va decisamente di matto.
Gustiamoci insieme la scena.
"La collana di…" pensò Elrond. Si voltò e vide che anche Galadriel e Celeborn erano sorpresi quanto lui; se sapessero qualcosa, Elrond non lo sapeva ed era troppo turbato per occuparsene.
Più che sorpresa, io mi sento confusa. E non felice, no.
L’intero Consiglio era sbalordito e alcuni elfi incappucciati gridavano in elfico (chissà perché, pensavo parlassero la lingua puffa): -Guardate! Guardate! (Le streghe son tornate!). La Chiave è tornata dalla Terra di Mezzo!-
Qualcosa mi suggerisce che Moko-Sue non sarà rispedita indietro a furia di calci. Peccato.
Moko, che capiva e parlava l’elfico (e te pareva), sorrise soddisfatta del lavoro svolto: il colpo di scena le era riuscito (ah, già, mi ero dimenticata dell’entrata trionfale) e molto probabilmente l’avrebbero fatta rimanere per osservarla meglio (tipo esperimenti alieni? Le infileranno una sonda nel sedere come con Cartman di South Park?).
Il Re, infastidito come un’inutile femmina nel primo giorno di ciclo, congeda tutti per rimanere solo con i suoi fidi Consiglieri. Alla sua ipotesi che la collana possa esser stata rubata, Elrond ribatte con altrettanta veemenza che no, non è possibile, perché se no, non avrebbe brillato così.
-Se quello che dici è vero allora lei è…-gli disse Galadriel
-È lei, ma non diciamo nulla!- disse guardando le facce stupite dei suoi compagni -Si vuole solo divertire un po’, non vi pare?-
Sire Elrond, stai coglionando, vero?
-Hai ragione. Allora è meglio che ci togliamo dalla mente chi è se non vogliamo essere presi per traditori!-disse Celeborn.
Tu quoque, Celeborn?!
Certo, è più grave smontare il gioco a una ragazzina intelligente come Paris Hilton che non tradire la fiducia del proprio Re.
Anche Galadriel ha la sua dose di colpa, comunque:
-Vedo che ti sei divertita con il Re e noi!- disse divertita rivolgendosi a Moko. Mia signora, dica la verità: Gandalf ha importanto clandestinamente dell’erba pipa del Decumano Sud, non è vero? -Non sai in che guaio ti sei cacciata (…) Molta gente cercherà di capire chi sei! Non Gli è proprio andata giù la tua sfida-
Ora, non per essere pignoli, ma, se davvero questo Helbim esistesse, sarebbe il più fyko di tutti i fyki di Valinor, giusto?
E, nonostante la fykaggine e i poteri superminchiapower, non riesce a capire chi è questa robina slavata?? Ma per cortesia!!
Come un’affilata lama delle nostre fedeli ghigliottine, cala la notte sulla testa dei malcapitati di Valinor.
Giusto il tempo, per Legolas e Gimli, di riprendersi dalla traversata, visto che, il giorno dopo, si ritrovano costretti (indovinate da chi?) a fare un giro per i luoghi in cui gli elfi abitavano, ecc. (sic!), tra casette in pienissimo stile Mulino Bianco eboschi argentati, con Moko in testa, ad un ritmo che neanche un cervo la superava.
Il cervo no, ma Legolas?
Manco lui riusciva a tenere il passo?
Ecco, alla notizia, Haldir ha avuto un altro collasso.
E ora chi si prende cura del Professore? Mica sta tanto bene.
Oh, ma di che ci stupiamo. In fondo, Moko, semplicemente camminando, riesce a coprire i 10 km/h. In più, vede persone che gli altri non vedono… tipo la sua mamma, che le ricorda che l’aspetta un duro compito. Che palle, queste mamme, sempre a rompere con i compiti. >.>
No, scusate, mi sono distratta.
Dicevamo, l’elfica mamma di Moko la mette in guardia con un messaggio in codice (ho provato a chiamare Dan Brown, ma si vergogna come un ladro di rispondermi):
Guarda verso il mare, mi raccomando! Il pericolo materiale verrà da quella parte ma guarda anche nel tuo cuore. Non sempre la luce è sinonimo di bene
Meditate su questo, miei diletti purosangue.
E anche su:
Oh, Draconian Devil
Oh, Lame Saint
So dark the con of man.
 
Dopo un siparietto da bruciare sul rogo, con l’immancabile self-insertion, e un inconcludente discorso di Gandalf spinto dal Re ad usare il suo metodo migliore per carpire i segreti di Moko (sì, Haldir, lo so che è avvilente che il Re del Mondo non riesca a fregare una deficiente come ‘sta qui, porta pazienza e porgi i Sali al Professore), assistiamo ad uno dei cliché delle fyccine.
Una di quella roba che è, praticamente, sempre presente, e che viene infilata a forza nel corso della vita di ogni Mary Sue: un ballo. In maschera.
Haldir tiene a precisare caldamente che, gli Elfi, le maschere le indossano in occasioni molto particolari e molto privat… Haldir, ma che schifo!!
Dame e signori ballavano in sontuosi vestiti (alla faccia dell’elfica semplicità), con una maschera al volto (dicevamo, sulle maschere?). Una musica quasi silenziosa attraversava la sala (in quei casi, si alza il volume), mentre i danzatori si muovevano senza emettere o provocare suono (occielo, che palle di festa! °_°). (…) La ragazza indossava un abito bianco scollato ed un giglio fra i capelli neri (grazie al cielo, non abbiamo curve al posto giusto… almeno per ora). Il contrasto era stupefacente (i colori della Juve, ciò mi allieta il cuore), senza contare che gli occhi grigi brillavano come di luce propria (visto il periodo, gli occhi me li immagino come le lucine dell’albero di Natale: se si fulminassero, sarebbe esilarante *o*), fra le mani aveva una maschera come tutti gli altri; lei però non la voleva indossare (perché lei vale, lei è diversa). Improvvisamente la musica cessò (vergogna! L’orchestra del Titanic è rimasta a suonare fino alla fine e qua la musica sparisce per una semplice Mary Sue! Ma un po’ di dignità, per cortesia!). Tutto si bloccò e un gelo (due geli, tre geli, quattro geli) attraversò la stanza. La ragazza rimase immobile, non riuscendo a muoversi (eh, sarebbe stato patologico se fosse rimasta immobile potendosi muovere… ma qui entriamo nell’ambito di avanzatissime ricerche mediche effettuate dalla CIA, non posso mettervene a parte); una velo di ghiaccio coprì ogni cosa, ogni persona, salvando solo Moko (E te pareva… comunque, queste non sono le Terre Immortali: è Narnia). (…) La stanza si trasformò: le persone scomparvero, insieme agli oggetti e a tutto. Rimase solo il bianco (che più bianco non si può? Detta così, sembra la pubblicità di un detersivo) e lei in piedi, senza nulla addosso (mi ricredo sul detersivo); l’unica cosa che rimaneva era il gelo…
Buono, il gelo.
Soprattutto con un pizzico di canella e un po’ di gelsomino.
Segue dettagliata descrizione di uno dei migliori trip acidi mai vissuti.
Poi, Moko si sveglia.
Era solo un incubo, capito?
Niente abiti lussuosi, niente maschere, niente orchestra che affonda del Titanic: era solo un incubo.
Non c’è speranza che lo sia anche questa fyccina, vero?
Ad ogni modo, come ogni suesco incubo che si rispetti, ciò che Moko sogna diventa realtà: il tempo di svegliarsi, infatti, e vede il mare coperto da una lastra di ghiaccio.
-Se il ghiaccio lo ricopre tutto raggiungerà la Terra di Mezzo e chiunque potrà arrivare qua!
Mi ricorda un po’ i tucani paranoici de l’era glaciale (erano tucani, vero?). Suvvia, per un po’ di ghiaccio non è mai morto nessuno. Al più, ci si può organizzare per una pattinata. Ma no, come non detto. Con una velocità che farebbe invidia al signor Flash Gordon, orde di Orchetti residui dall’ultima, devastante guerra contro Sauron, sono già pronti per invadere Valinor.
Non trovate che siano un po’ troppo raggiungibili per essere le Terre Immortali?
Non è che, come Cristoforo Colombo, hanno scoperto l’America al posto delle Indie?
 
Tra sogni che diventano realtà, Moko nuda nel corpo e nell’anima, mani morte (nel senso che appartengono a gente morta, non a maniaci), e sigilli incastrati nei muri, tra bizzarri fantasmi che fanno indovinellie gattini (sempre fantasma) che si trasformano in tigri, apparel’autrice.
Sì.
L’autrice.
Conciata, per capirci alla Chidori in Full Metal Panic 4.
Punizione, signor Potter!
Come sarebbe a dire “perché”?!
Questa storia mi sta frustrando, necessito di uno sfogo.
Di nuovo, tra altri spettri antropomorfi e ricreazione dello spazio, tra rabbia dell’imbroglio che esplodono dentro e luci potentissime che cavalcano le vie dell’aria con la benedizione della Stella del Vespro e della Stella dei Dunèndain (credo la dessero in saldo… anche perché, altrimenti, i meno svegli non sarebbero giunti alla verità sui poco intuibili genitori di Moko, anzi, di Lawy), l’avventura, finalmente, si conclude.
In quanto VIP, Helbim le concede di restare.
Tutto sembra finire a tarallucci e vino, se non fosse che lontano da lì, in una grotta nell’acqua, in una cappa senz’acqua….
-Oh… ce lo hanno portato via… Cattivi cattivi! Ma ora pensiamo noi a loro, vero tesssoro? Ora, però, nessuno ci può battere…
Quindi, o è Winola che sta parlando con Ailoren, e fin qui nulla di preoccupante, o è un ben noto hobbit corrotto che dovrebbe aver fatto la fine di un pollo arrosto.
Onorati Mangiamorte, Dissennatori e corrotti membri del Ministero, io temo sia la seconda. 
 
Annunci

20 risposte a “Splinder non formatta più come una volta.

  1. “[…]pensò Legolas diventando grigio in volto.”
    Sta vomitando anche lui, vero?

    Ma cielo, questa ficcyna mi sta ispirando una fan art delirante.
    Produrrò al più presto, garantito!

    COmunque Legolas è davvero tamarro (persino più che nel film -perchè dubito che la ficcy sia stata ispirata dal libro!-, ma almeno lì parla poco), Gimli sembra sempre sul punto di dire “… ghu?” e Moko è completamente ridicolo come nome, almeno nella Terra di Mezzo.

    Ah, Oscuro Signore, nonno Sauron, dove cacchio sei quando c’è bisogno di te?
    Odio, il tuo stile è sempre delizioso.

  2. Sinceramente?
    Sono confusa… parecchio confusa.
    Sorvolando sui vari “Spara” che mi hanno fatto stramazzare al suolo, insieme agli “ok” e al “uao”, e sul nome Moko che per poco non mi ha fatto collassare (ma è così difficile pensare ad un nome anche solo lontanamente… adatto?), c’è una cosa che mi ha fatto imbestialire.
    Come si permette questa Sue da quattro soldi di insultare Gimli, figlio di Gloin, della dinastia di Durin? Cioè, benchè intamarrito e reso stupido in questa ficcy, rimane comunque un membro della Compagnia, rispettabilissimo e degno di onore. “Stupido nano”. Sono annichilita.
    Ottima recensione per la mysteriosa e fykissima Sue…

    Ps: credo che quelli dell’era glaciale a cui alludi siano i dodo… ma potrei sbagliarmi anche io.

  3. “partecipavarono”

    Imperfetto Remoto! Un classico. 🙂

    ~AsylumGarden

  4. Sono i dodo! ^^
    Mamma mia,che tristezza sta ficcy! Così piena di pathos,sn commossa! 😄
    ELLY88 nn loggata! 😄

  5. Odio le tue recensioni sono spettacolari*-* Questa ficcy mi ricorda il motivo per cui sono anni che non entro nella sezione su LOTR di EFP. Moko il Macaco, palesemente poetico, evoca scenari esotici e inquietanti. Il suo vero nome tolkienizzato, quando lo svelerà tra gli squilli dei corni di Gondor, sarà Mokawen? Che ovviamente non c’entra un bel nulla col fatto che il nick dell’autrice è Meky…

  6. Mioddio.
    Legolas che dice “ok”.
    Legola che dice “spara”.
    Legolas che dice “frena”.
    Non so se riuscirò a riprendermi.
    Queste Terre Immortali stanno diventando più trafficate del porto di Tortuga. Devo ammettere però che la MarySue Profuga ancora mi mancava. Ho passato metà del tempo a sperare che Gimli le aprisse in due la testa con un colpo d’ascia e l’altra metà ad imbrattare il catino nuovo. Io povero Maccus è in stress da superlavoro.

    Non c’entra manco per sbaglio, ma mi pare che gli uccelli paranoici de “L’era glaciale” mi fossero i Dodo.

  7. Ehm… che non ho capito un tubo, nonostante la splendida recensione di Odio, non è solo colpa dell’ora, vero?
    Lo temo.
    E pur non essendo una grande conoscitrice del mondo tolkeniano (ho letto solo Il Signore degli Anelli) mi sono sentita male pure io a leggere come si esprimevano Legolas e Gimli…

    ricreazione dello spazio
    Sapete che leggendo ciò, mi è venuta in mente la “ricreazione” che si fa a scuola? 😄

    Ancora complimenti a Odio!
    Gwin.

  8. Odio sei fantastica come sempre!

    °_° *O* °o° O_O OoO *_* oOo

    Questa Moko-Sue la voglio nella mia collezione. Ho deciso che la impaglierò, perchè da viva è solo un’inutile femmina piena di “sfrontataggine” e la metterò in una teca recante scritta:
    “”Se sapessero…””
    Sottotitolata con una sua frase celebre: (…) “voleva che rimanessero a bocca aperta quando avranno scoperto chi è lei.”
    Sono indecisa però.
    Forse ci starebbe meglio questo pensiero:
    “parole sgorgate dal cuore come suggerite da un’altra mente”
    E’ più profondo, non trovate?

    Scusate devo andare, Gustav, il mio Elfo del Catino, vuole suicidarsi con un coltello da torte, devo fermarlo prima che mi rovini la lama!

  9. Ma leggiti “Il Silmarillion”, per Manwe (tanto per restare in tema)! Non puoi scrivermi di un tizio inventato a capo della baracca dei Valar e che fa la figura dell’incompetente! >.<
    E poi, Legolas parte alla morte di Aragorn ed è ben informato di quanto succede a Gondor, visto che vive in Ithilien, che si trova non molto lontano dalla Città dei Re.
    Moko… che nome di straordinaria invenzione elfica, eh! Ma per favore!
    Un po’ di serietà e coerenza in ciò che si scrive. Un minimo di attenzione per il linguaggio usato da Tolkien: non puoi farmi parlare i personaggi come dei sedicenni davanti a un bar!

  10. Nemmeno io ho capito molto, e dire che sono un Elfo e non di poco conto…ma al solo pensiero che questa Moko-Sue possa essere di nobile stirpe gondoriana mi sento male…

    …Ma non potete capire quanto male.
    Lo scritto va pesantemente rivisto e non solo dal punto di vista grammaticale ma anche dal punto di vista della resa di personaggi NON TUOI, cara Vestale.
    Fa’ parlare così i tuoi amici sedicenni, per favore e non mi si venga a dire che è colpa della trilogia cinematografica: lì dialoghi e la loro stessa resa erano chiaramente ispirati ai tre libri.

    Arwen.

  11. Sento le urla del Creatore [ non l’uno e trino, Odio ti adoro. ] anche da qui, giù nei Sotterranei dell’Opèra Populaire.

    Confermo sui Dodo.
    Inorridisco davanti agli strafalcioni che confermano l’uso del libro di grammatica come decorazione sugli scaffali.

    E ci vuole così poco per scrivere qualcosa di coerente, o almeno leggibile.
    Ma sono l’unica a non aver capito la trama ?
    Suvvia, non importa ..
    Torno a sistemare gli spartiti del Maestro.

  12. “Ha qualcosa d’elfico ma anche qualcosa di regale. Perché qui la figaggine la si dà via come il pane! Deve essere d’alto lignaggio quella lì. Che i pezzenti tornino al loro paese! Noi l’abbiamo duro. Oltretutto è molto bella, chissà da quale regno salta fuori. Se sei povero, ti tirano le pietre. Gondor o Rohan? Ma anche Hogwarts.”

    … E qua ho cominciato a ridere. Una risata piuttosto isterica, in effetti… Ma guarda chi si vede: Ehy Leggy, come ti butta amico? Andiamo a fumarci una paglia? *O*

  13. La Chiave è tornata dalla Terra di Mezzo!-
    Dawn, che cazzo ci fai qua?

  14. Esatto, ho pensato esattamente a Dawn…
    Sempre grazie, mie care frustrate! ^o^ ma anche ^/////^

  15. L’antifurto elfico: far brillare poco la collana rubata.
    Chi ha ideato questo mezzo stupefacente?
    Perché Arwen ed Aragorn quella sera non sono andati a cena fuori o si sono messi a dormire?
    Dovevano proprio dare i natali a Mokocosa?
    Arwen, sinceramente, quattro figli bastavano?
    Non sei Rosie Cotton e comunque Rosie non ha partorito alcuna Cosa simile, guarda persino tuo nonno ti biasima.

  16. “Perché Arwen ed Aragorn quella sera non sono andati a cena fuori o si sono messi a dormire?”

    Perchè non avevano la TV? Potrei aggiungere

  17. potevano leggere un buon libro…
    Scherzi a parte sono una fans dei libri da molto prima che facessero i film…e mi aspettavo quest’ondata di vestali incompetenti che fanno dire “uao” oppure spara ad un povero principe elfico come Legolas.
    Inoltre che problemi ci sarebbero se un pò di orchi vanno nelle terre degli immortali? Non per dire ma se solo avesse sfogliato il Sidmarillion saprebbe che gli elfi… uccidevano i Balrog… che volete che sia per loro qualche orchetto sopravvissuto senza una guida (e gli orchetti non brillano per intelligenza o doti di comando ricordo) e senza una meta che ha attraversato per almeno 3 giori di cammino una lastra di ghiaccio….
    insomma siamo seri… inoltre dimentichiamo i Valar…. che sono dei quindi…..
    T___T questa fyccyna…. ha dato il peggio del peggio mi ero abituata a quelle di HP ma…. A quelle sul signore degli anelli non ero preparata.
    Rivoglio il mio Legolas!Quello che parla poco vede lontano e non si fa fregare da un marysue qualunque…
    Lithis

  18. (Commento in ritardo, mea culpa).
    Spassosa recensione, peccato che l’oggetto sia così… così… così *O*!
    -Oh… ce lo hanno portato via… Cattivi cattivi! Ma ora pensiamo noi a loro, vero tesssoro? Ora, però, nessuno ci può battere…-
    Oh My Gollum!
    Risorto il terzo giorno e rivoltosi alla zia di Hannibal Lecter per farsi degnamente istruire in arti marziali? No? Allora come si spiega la battuta da superkattivo dei comics?
    Attendo che dica “sei la mia preda!”
    Nel frattempo, che altro aggiungere…
    UAO!

  19. OMG WTF l’ho vista solo ora. UAO!
    Questa Moko rulla di brutto eh.
    Ma voi non avete capito una cosa importante: codesta mezzelfa perfetta è stata mandata da Morgoth (caro lui!) in persona per rendere la Terra di Mezzo un’accampamento di sedicenni sedicenti fumati e sgrammaticati, per poterla conquistare meglio al suo ritorno!!! E ci sta riuscendo in pieno!!! GHUH xD

    Ciao a tutte e Buon Natale!!!
    Acchanindeliriocausafycynaassurda ç_ç

  20. Oh Valar! Questa me l'ero persa (beata me)! Moko, deliziosamente elfico, anche se mai come l'aulico linguaggio di Legolas (o del bimbominkia che ne ha assunto le meravigliose sembianze). 
    Non ci sono nemmeno più le terre immortali di una volta e Olwe, sei diventato un sovrano sconsiderato! Ti posso anche perdonare per aver sostituito le banchine di perla di Alqualonde con un porto galleggiante, ma non per aver fatto entrare la prima Sue che passava di lì! Suvvia!

    Se la gente si prendesse la briga di informarsi prima di scrivere sarebbe un mondo migliore… ed io che controllo anche le date sulla cronologia! 

    Chiara la (affranta) tolkeniana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...