Eneide (Prima parte)

http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=160176&i=1

Delicati piumini cipria della zia, sono tornata a voi con una storia che stringerà le vostre viscere nella dolorosa morsa della passione.
“!! Avviso importante !! In questa storia verrà trattano il tema del twincest, se la cosa vi urta particolarmente, potete anche non andare avanti nella lettura. Uomo avvisato, mezzo salvato. Ho messo il rating Arancione perché non penso di descrivere scene troppo scabrose, se devo alzarlo fatemelo sapere. Detto questo, buon proseguimento di lettura!”
Hai capito, ottuagenario asmatico dietro al monitor?
Hai recepito il messaggio, sorella Adalgisa, del sacro ordine delle Vergini Pentite?
Sei uscito a picchiare un coetaneo, delizioso undicenne con coltello serramanico in tasca?
Bene, proseguiamo.
Tanto tempo fa, in un regno lontano lontano… Una coppia di coniugi dedita alle droghe, affibbiò ai propri gemelli gli strambi nomi di Enea ed Elettra, in onore alla mitologia greca.
Siamo loro grati che i piccini non siano Atena e Menelao, Hera e Zeus, Ade e Demetra e vi elencando nomi noti al Fandom di Harry Potter…
Idilliaci paesaggi: “Un’aria profumata di primavera entrava dalla finestra aperta insieme ad alcuni dorati raggi di sole.”
Se ti chiami Enea, non ti svegli in città, con l’aria intrisa di smog, il rumore dei motorini che sfrecciano sulle strisce pedonali ed il vicino di casa che rutta sul balcone; se ti chiami Enea ti svegli nel Valinor.
Amor di fratelli: “Enea si coprì il volto con la coperta. Quella cretina di Elettra ,come al solito, durante la notte era andata ad alzare la tapparella. Molto probabilmente lo faceva perché sapeva che Enea preferiva dormire nell’oscurità totale.”
Elettra, che simpatica briccona!
Sono certa, che Enea non andrà a portare le sue rimostranze alla gentil donzella, ma subirà in silenzio il suo Fato.
Genitori snaturati: “I due gemelli si sentivano continuamente sotto pressione perché dovevano essere perfetti. Dovevano essere belli, impeccabili e portare sempre buoni voti a casa. Se non facevano tutto questo diventavano figli ingrati che non ripagavano i genitori per il loro duro lavoro.”
Il lavoro dei genitori era portarli alle esposizioni canine, senza ombra di dubbio.
Detto in confidenza, pulcini, ma con quale arroganza un genitore chiede al figlio di essere bello?
Il DNA chi l’ha fornito? Il lattaio, per caso?
Sorvoliamo.
Elettra Da Vinci: “Elettra era sempre stata straordinariamente abile nel cambiare atteggiamento. Spesso le piaceva fare finta di essere oca e , se serviva, all’occorrenza sapeva sfoderare la sua immensa intelligenza.”
Sono in mistica contemplazione di codesto splendore di Madre Natura.
*o*
Dovrebbe essere stuprata ad oltranza da Lucius, non credete?
Ha un corpo per il peccato, un cervello per gli affari ed una bocca per le scemenze. È divina.
Si finge cretina, poi lascia tutti di stucco con la pirlata del secolo, vorrei fosse mia amica.
Il Diavolo veste Elettra: “Era consapevole del suo fascino, con cui incantava gli uomini che trattava come zerbini. Li maltrattava, li faceva fare tutto quello che voleva e sapeva quando l’uomo stava per arrivare al limite di sopportazione perché allora , e solo allora, lo riempiva carezze e moine. Ci sapeva proprio fare con gli uomini la cara Elettra.”
Se lo fa Elettra, signore, tutte a maltrattare i ragazzi, ad usarli come zerbini, a comandarli a bacchetta, per poi mollarla al primo colpo: è la formula giusta per trovare l’amore!
Ragazza mia, ma davvero credi, che il genere maschile sia così becero ed inferiore?
Sì, lo è, però, non mi piegherei mai ad onorare dei miei ordini, un ragazzo che non ha una personalità spiccata ed una volontà di ferro.
Che gusto c’è, altrimenti?
Vi faccio notare l’amore della Vestale per “li”, lo trovo commuovente.
L’immancabile descrizione: “Anche la mattina appena svegliata , senza un filo di trucco e con i capelli scarmigliati, Elettra era bellissima. [Non lo è Nicole Kidman e lo è questa scoreggina?]
Aveva grandi occhi color smeraldo, [verde è banale] un nasino piccolo e perfetto, [*o* Il suo nasino] una bocca scarlatta [se la morde a sangue?] carnosa al punto giusto [sarebbe? Tipo canotto? Giubbotto imbottito?] e un viso dai tratti perfetti [che è perfetta è chiaro] incorniciato dai suoi bellissimi capelli color ebano [non neri, scuri, ecc…] che le arrivavano alla schiena. [ci vuole tanto poco]
Era alta nella media, snella e aveva un corpo davvero sodo. [Nella media? 1,65 m? Sodo? Era un uovo?]”.

Queste descrizioni, non so perché, mi fanno immaginare esseri mostruosi, con in naso minuscolo, le labbra gonfie ed arrossate ed i capelli di Loredana Bertè.
Particolari interessanti: “Ci teneva molto alla sua forma fisica, infatti andava in palestra tre volte alla settimana e a tavola non esagerava quasi mai.”
In compenso, tirava di coca. Una domanda: Elettra, aveva la sua naturale regolarità?
“Era un ragazzo molto alto con un fisico armonioso conferitogli dai 9 anni di piscina che aveva fatto.”
Se non faceva nove anni di piscina, diventava Homer Simpson.
JereD Leto: “aveva i suoi stessi capelli neri portati un po’ lunghetti e quel naso uguale al suo. Le uniche cose veramente diverse erano i profondi occhi ghiaccio e quel sottile strato di barba  ben tenuto che gli conferiva grande fascino.”
Era lui.
Image Hosted by ImageShack.us

Psicotica: “Elettra aveva fatto alla madre e al padre una scenata storica. Aveva urlato, bestemmiato e spaccato alcuni oggetti.”
I genitori la portarono da un bravo veterinario. No?
Poi ci meravigliamo se crescono male, vero?
Non so voi, ma se io fracassavo mezza casa imprecando in turco, i miei genitori:
a) Chiamavano il medico.
b) Mi facevano pulire tutto, non uscivo sino a quando non chiedevo scusa.
Una Elettra in famiglia: “Per questo motivo spesso girava per casa con una camicia da notte aderentissima senza reggiseno, [mamma e papà dove erano? Al solito club sadomaso?] oppure si spogliava d’avanti a Enea per cambiarsi i vestiti, [con adeguata colonna sonora] oppure , dopo aver fatto la doccia, rimaneva d’avanti a lui con una scusa qualsiasi con addosso solo un asciugamano ridottissimo.”
Lui, come Lino Banfi, deglutiva ed assaporava il proibito desiderio.
Ogni mattina: “in quel momento sapeva che lui la stava guardando mentre cercava i suoi cereali integrali, per questo motivo “casualmente” fece scivolare la spallina  della camicia da notte.”
In sottofondo: “Sex Colletion ’70”.
I cereali integrali sono importanti ai fini della trama.
I due conversano: lei ha baciato Claudio, perché Enea s’appartava con le galline. Sono certa che la loro mamma era un capra, il padre un pastore.
Il primo capitolo si chiuse con i due perfidi gemelli, intenti a tessere loschi intrighi.
Da uno a dieci, quanto siete arrapati, giacobini?

Advertisements

21 risposte a “Eneide (Prima parte)

  1. *O* ooohhh! Ma sono COSÍ fomentata da tale beltà! *o* come, COME ho potuto pensare che questi fossero una Mary Sue e un Gary Stue?! Mi vergogno di me stessa!!! Vado immediatamente a fustigarmi!
    Ad ogni modo…non è che qualcuno ha un elfo da prestarmi? Temo che il mio Serafino abbia bisogno di un po’ di riposo dopo il superlavoro di questa mattina…u_u

  2. Dieci!
    *O* anzitutto i nomi dei signori – ricordiamoci pure che Enea riporta più all’epica latina che a quella greca – e poi la slavataggine di Elettra, roba davvero da poche.
    Credo inizierò ad andare in piscina, temo per i miei glutei.

  3. …aggiungo: io il consorte lo prendo a pedate, ma ciò non accresce la sua devozione. Nemmeno il suo QI, se è per questo.

  4. Twin Sue da mettere immediatamente nella mia collezione suettesca.

    Non approvo il twincest, sinceramente, ma gusti son gusti.

    La cosa che mi fa accapponare la pelle è la trama!

    Lei: Mary Sue all’ennesima potenza
    Lui: Gary Stue perfetto
    I genitori tiranni ci sono.
    Uomini zerbino pure.

    Conclusione: nulla di nuovo sotto il sole.
    Detto questo…GUSTAV IL CATINO!

  5. Oh GoS, che magnifica Sue! *O*
    Ma ho dei genitori snaturati, che se oso anche solo dire una parolaccia succede un putiferio e una scenata coi controfiocchi non me la leva nessuno?
    Dimenticavo, una Sue tutto può!
    Ho trovato un nuovo metodo per adescare gli uomini: prenderli a frustate e poi dargliela. (mi sovvien or ora una cit. colta u_u “prendi una donna, trattala male…”)
    Arrapante alla massima potenza anche il Gary Stu (io ho fatto anni di nuoto eppure…chiederò indietro tutti i soldi che mi hanno spillato!)
    A me personalmente piace il twincest, ma questo mi sa tanto di “scriviamo twincest per attirare lettori ma freghiamocene delle implicazioni psicologiche”
    Genoveffo! Catino, ORA!

  6. Abbiamo sdoganato le recensioni sulle originali. Figo, mi perdo sempre i momenti migliori (ADSL fottuta).

    Quoto Haruu: lei è una FantaTopa, lui un FantaTopolone, ma la psicologia?

    Scrivere una fic su attori in cui Leto si scopa Haley Bennett?

  7. Dimenticavo: al posto di zerbini avevo letto Zabini. Oramai è onnipresente!

  8. Orrenda davvero questa ficcy 😄 Non riesco a commentare in altro modo so solo che mi sono sganasciata quando ho letto “Una domanda: Elettra, aveva la sua naturale regolarità?” XDDDDDDDD Muiooo!

    Ah poi notare com’è fine la signorina Elettra:
    “- Perché tu non hai le palle di mandare a fanculo quella troia! Enea, possibile che non hai ancora capito che quella li vuole rimettersi con te solo perché le manca il tuo cazzo?!-.”
    Che finezza U_U

  9. Elettra alias boccuccia di rosa

  10. Ho già detto sul forum quello che penso su questa Elettra così perfetta, a parte il linguaggio sboccato che fa tanto donna libera e indipendente. Affiancata da un fratello altrettanto perfetto, ovviamente: e come potrebbero queste divinità cercare anime gemelle tra i comuni mortali?

    Spero che cada in un tombino, sarebbe una svolta interessante per la trama.

  11. – Perché tu non hai le palle di mandare a fanculo quella troia! Enea, possibile che non hai ancora capito che quella li vuole rimettersi con te solo perché le manca il tuo cazzo?!-.
    Mi ricorda Jane Austen…

  12. Che Mary Sue fine e leggiadra, dal tono di voce soave…
    Ma solo io ho dei genitori che, se urlo/sbatto i mobili/ faccio quello che ElettraSue fa, mi spediscono direttamente in un colleggio di suore (dopo avermi fatto quello che io ho fatto ai mobili, chiaro)?
    Moraviola (che ha usato l’altro account), depressa più che mai.

  13. “- Perché tu non hai le palle di mandare a fanculo quella troia! Enea, possibile che non hai ancora capito che quella li vuole rimettersi con te solo perché le manca il tuo cazzo?!-.”
    Beh, ci son motivi peggiori per rimettersi con qualcuno: la tipa rivuole proprio il suo, di cazzo, ergo ci si è affezionata!
    magari non ci può costruire un matrimonio, in ogni caso è meglio di “si rimette con te solo perchè ha bisogno di un cazzo ma le andrebbe bene pure quello di un altro”.

  14. magari non ci può costruire un matrimonio, in ogni caso è meglio di “si rimette con te solo perchè ha bisogno di un cazzo ma le andrebbe bene pure quello di un altro”.

    Effettivamente poteva andargli peggio.

    Questa poetica Sue ha un futuro! La vedrei attorniata da piccoli pargoletti, mentre racconta qualche perla della sua infinita saggezza.

  15. Premetto che non mi ‘disgarba’ (francesismo) il twincest. Premetto che adoro Jared Leto come una sotto specie di GoS minore. (Saranno gli occhi). Premetto che faccio GdR in cui includo un twincest, in allegria. De gustibus, del resto, non disputandum est. Ma il marygarytwincest mi mancava. Dio Santo. Spero che in seguito piazzi almeno una ‘lieve introspezione psicologica’ dove i personaggi si fanno delle sane pare mentali sulla loro anormale condizione. Non è che se hai un fratello topone automaticamente ti scatta il pensiero di farci selvagge scopate con sottofondo di Edith Piaf. Bah…
    Senza contare che basta Donne Ragno e Toponi da competizione che flirtrano con grazia (aehm). Lo capiranno mai, le soffici vestali, che essere sboccati come uno scaricatore di quarti di bue del Bronx non vuol dire essere trasgressivi.
    No, eh?

    Noes

  16. Salve recensori di fastidious,
    sono Oudeis e ho appena aperto un blog di critica negativa.
    Sono interessato ad uno scambio di link.
    Se anche voi lo foste, potete inviarmi una mail all’indirizzo: criticanera@tiscali.it

    oppure visitare il mio blog all’indirizzo: http://criticanera.splinder.com

    Mi dispiace avervi rubato del tempo.
    Ossequi,

    Oudeis

  17. Avete notato come le MS si stiano sempre più dando ai francesismi? E’ commovente, davvero.

    Sempre più amabili e smpatiche, non c’è che dire.

    Ah, unica nota positiva della cosa: Zietta (posso?), all’ultima domanda credo sia impossibile rispondere: il dieci è un numerino inutile e limitato per le proprietà afrodisiache di questa storia (…) *O*

  18. Dannazione, ho bisogno di una doccia fredda.
    Il mio grado di arrapamento è alle stelle ..

    Twincest, umh.
    Non commento, onestamente non mi fa nè caldo nè freddo.

    Ma, accidenti ..
    Una MarySue e un GarySue così .. Così irritantemente perfetti non li avevo mai trovati !
    Commovente.

  19. PiEsse : son Bea_chan, pigra per loggarsi.

  20. Premettendo che da poco bazzico in questi ameni lidi e che trovo il vostro lavoro assolutamente divino, credo di poter affermare di aver raggiunto, con questa avvincente FICCYA, un grado di arrapamento talmente elevato che i miei ex si staranno mangiando le unghie: bastava una fyccina come questa.. e il gioco è fatto.
    Uhm… ElettraSue ed EneaStue.. la cosa è talmente interessante che rimanderò l’epilazione a domattina, sissignore. Ovviamente, ElettraSue quando si sveglia profuma di gelsomini e lillà, alito compreso.. solo noi, comuni mortali, abbiamo una pesante alitosi appena svegli? Per non parlare dei capelli scompigliati.. fanno tanto gattatigre, of course. Ah, certo… i cereali integrali.. poteva mai sbafarsi pan carrè con la nutella? Signornò signor capitano v_v
    Bah… credo che morirò di disgusto prima di raggiungere i vent’anni.. che il GoS mi apra le porte del suo orgasmico harem. Amen.
    Nacchan

  21. Manco da un po’, torno e trovo questo:

    “Ci teneva molto alla sua forma fisica, infatti andava in palestra tre volte alla settimana e a tavola non esagerava quasi mai.”
    In compenso, tirava di coca. Una domanda: Elettra, aveva la sua naturale regolarità?

    Silvia, sposami!
    Sono morta sulla sedia! Questo messaggio te lo scrivo dall’aldilà 😄

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...