Il destino di un cavaliere

Sorelle sgualdrine, compari Mangiamorte, Auror e Giacobini di merda all’ascolto, è con la morte nel cuore ed i Blind Guardian a palla nelle orecchie che mi accingo a recensire una (l’unica, grazie al Sommo) ficcy su “Il destino di un cavaliere”, film discreto con Heath Ledger come protagonista e Paul Bettany nei panni di Geoffrey Chaucer, scrittore realmente esistito soventemente definito il padre della letteratura inglese.

L’unica cosa da tenere a mente per questa ficcy è che Chaucer, l’araldo del protagonista, e Wat Falhurst, amico collerico oltre ogni limite, non si sopportano. O meglio, Geoffrey lo provoca, e l’altro non vede l’ora di poter reagire e spappolare il naso del povero scrittore.

Questo dovrebbe farvi immediatamente capire che genere di ficcy mi accingo a recensire. Esatto, una slash!

Lo sappiamo tutti qual è il ragionamento delle Vestali, no? “Ti odio oltre ogni limite e ti vorrei morto, ergo non posso non desiderare di infilarmi nei tuoi pantaloni con la stessa forza e determinazione”.

L’opera è di Siz, il titolo “Una notte speciale”.

Non siete emozionati? No? Nemmeno un pochetto? Bah, io ci ho provato.

Veniamo anzitutto illuminati sul fatto che “NdS” = “Nota di Siz”. Cosa capiamo da questo criptico messaggio? Esatto! Interruzioni nel mezzo della narrazione.

Piacevoli come una martellata sui denti o come una coltellata nell’arteria femorale, che dir si voglia.

E uno… : “Dio, quanto mi piacerebbe accarezzare quei suoi bellissimi capelli rossi!” (io ADORO i capelli rossi!!!!! NdS)

Tanto piacere, zucchero, mi spieghi l’utilità di palesare i tuoi gusti in fatto di capelli ai fini della narrazione? Potevi mettere una notina in fondo alla ficcy, sarebbe andata bene uguale.

…E due… : “ora lui è un cavaliere e di certo il padre di Jocelyn preferirà dare sua figlia a Sir William che non al perdente conte Adhemar. (ricordate quando Adhemar dice di essere in trattative con il padre?NdS)”

Giusto una spiegazioncina piccina picciò: se non avessi visto il film, sta’ pur certa che non mi metterei a leggere ‘ste cose. Non ho il gusto dell’orrido, io. O meglio, ce l’ho, ma almeno mi concentro su cose che conosco.

Per il resto. Il caro GeoffreySue ci delizia con tante pare mentali ed altrettanta melassa. Ci manca solo che sospiri e che disegni cuoricini al posto dei puntini sulle “i”, ed abbiamo riempito l’album.

Poi arriva il diretto interessato, e lui Non nascondo il diario perché tanto so che lui non sa leggere…se così non fosse lo avrei eclissato in fretta e furia.

Complimenti, Chaucer. Wat è una nevrosi ambulante, se ti avesse visto reagire da donnetta isterica come minimo ti avrebbe fatto sputare tutti i denti a calci in un tentativo di estorcerti le informazioni (perché tu non saresti stato così idiota da dirgli tutto, vero? Vero?!), in caso di un tuo nuovo rifiuto ti avrebbe picchiato a morte e poi avrebbe convinto qualcuno a leggergli i tuoi sproloqui.

Furbo.

Delirio, chiacchiere, birra, sbronza di proporzioni bibliche, un parco illuminato da nient’altro che dalla luna.

Che a me sembra più l’ambientazione di un film horror, piuttosto che quella di un porno di bassa lega, ma tant’è…

Ci informano che L’erba era alta e umida, ma soffice. I reumatismi ringraziano.

Ma soprattutto, sfatiamo il mito dell’erba morbida! Sotto il manto c’è terra. Dura, secca, terra. O fangosa, come in questo caso.

Rotolarcisi sopra e fare le proprie porcate non è come usufruire di un materasso, lo sapete? Idioti.

…E tre… : Restammo qualche secondo così: a sentire il lieve venticello estivo (facciamo che è estate, ok? NdS)

Lo sapevo che sarebbe arrivato!! Lo sapevo!!

“-Conosci qualche costellazione, poeta?-

-Mh? Costellazioni?…- ero sorpreso, non sapevo gli interessasse l’astronomia, oppure era solo affascinato da quella miriade di piccole luci nel firmamento?”

…Ma qual è la differenza tra le due cose?

“Guardò la parte di cielo dove indicavo

-???…Mah…si vede che le stelle non fanno per me!-“

No, si vede che sei ubriaco pappo e che non riesci a capire dove indica quel poverocristo di Chaucer, Dio l’abbia in gloria.

Blablabla, carezze fugaci, baci mozzafiato, lingue danzanti, il (ci tengo a precisarlo) padre della letteratura inglese che commenta con un “naa”…Finalmente i due decidono di far roba. E sorvolando sul fatto che il mio adorabile GeoffreySue perde la sua verginità anale senza nemmeno uno stramaledetto lubrificante (signorine, fate un piccolo calcolo e rendetevi conto che per certe cose ci vuole un “aiutino” esterno. Altrimenti fa male.), io vorrei farvi ragionare su questo:

“Le mie mani gli slacciarono in fretta i pantaloni e quella destra si infilava nei suoi slip”

Zucchero, chiariamoci. Nel 1370 circa, non esistevano slip (ringrazio Dio che tu non abbia chiamato in causa i boxer), esistevano mutandoni immensi, ma quelli erano per i ricchi. Se tutto andava bene, la povera gente poteva beneficiare di un paio di pantaloni di lana grezza. Al massimo.

Gli slip, non sono compresi nel guardaroba.

…E quattro! : “-Ora non puoi più dire che sono una donna…- (Geoffrey l’ha detto quando stavano insegnando a William a ballare NdS)”

Certo, perché dopo essere stato penetrato senza lubrificante, nel bel mezzo del nulla cosmico indefinito dove potenzialmente nessuno dei due riuscirà ad orientarsi una volta finito di far porcate, con le zanzare (è estate, no?) che stanno banchettando sulla sua pelle scoperta…Il suo unico problema & pensiero è venirti a ribadire che sei una donna. Wat, ma i tuoi genitori, quella sera, non potevano giocare a carte?

“venne anche lui, dentro di me. Una parte di lui, il suo frutto era dentro di me ora…la sensazione di benessere procuratami da quel pensiero è indescrivibile.”

Ussignur, Chaucer, amore di mamma tua, non crederai veramente di poter restare incinto?!

Babbe’, epilogo pucci-pù in cui i due si dichiarano eterno ammmmoreh (MELPOMENE! SCANSAFATICHE!! IL CATINO!!) e se ne tornano mano nella mano all’accampamento.

Sono due uomini, eh.

E siamo verso la fine del ‘300.

In pieno medioevo, con la chiesa che dice cosa pensare e tutti che obbediscono.

Posso ricordarti, zucchero, che i sodomiti (e, come hai detto tu stessa, lo sono) vengono impiccati finché morte non sopraggiunga? Posso ricordarti che, per quanto amici, tutti quanti li schiferebbero come la peste se li scoprissero?

Posso ricordartelo, ed intendo farlo. Io non ho pregiudizi di sorta, penso sia stato abbondantemente dimostrato.

Ma, Onnipotente GoS…Si tratta di un’epoca in cui le donne venivano bruciate vive su pire, impalate, affogate, sottoposte a torture indicibili…Perché accusate di stregoneria. La stregoneria, capisci?

La gente era paranoica.

Se mi scrivi di due povericristi che tornano in un posto dove tutti, potenzialmente, potrebbero vederli, mi salta la mosca al naso. Ok, sono gay. Dovrebbero cercare in tutti i modi di dissimularlo, perché è un peccato mortale ed un reato. Non dovrebbero comportarsi come due adolescenti idioti che dopo aver fatto l’amore in un parco se ne tornano a casa facendosi le coccole strada facendo. Lo capisci questo?

Informati, prima di scrivere certe cose. Io stessa mi sono andata a spulciare la biografia di Chaucer, per avere un timeline un po’ più preciso del tuo “si svolge la sera dopo la vittoria di Will al torneo”.

“Speriamo il vero Geoffrey Chaucer non si rivolti nella tomba…”

Geoffrey Chaucer non si sta rivoltando nella tomba. E’ uscito, mi è venuto a trovare, ed assieme abbiamo deciso di iniettarci vicendevolmente sedativi via endovena.

“Io ho solo cercato di fare un ff sui miei due personaggi preferiti del film…ci sarò riuscita?Mah…”

No.

 


Annunci

50 risposte a “Il destino di un cavaliere

  1. Anch’io adoro i capelli rossi!!
    NdO.
    Povero, povero, povero Paul (perchè è ovvio che è di lui che si parla, e non certo del vero, intoccabile Chaucer).
    Perdere la verginità così, senza lubrificante…
    Quando ho letto degli slip, ho fatto la ola. La chicca del Chaucer incinto mi ha shockata. Temo chiamerà il figlio Drake.

  2. Povero Geoffrey Chaucer.
    Domani riprendo in mano The Canterbury Tales e gli domando perdono per quello che gli hanno fatto.

    Giuro, soffro nel vederlo trattato così.

  3. Sono l’autrice della ff…Beh che dire, ti devo dare ragione su tutto. E’ una fic orrenda sia nello stile che nei contenuti, di cui non vado affatto fiera, mi chiedo come potessero esserci recensioni positive. L’unico motivo per cui è ancora online è che non cancello mai i miei vecchi lavori. MA quand l’avevo scritta? Nel 2005, Dio ero una bambina! Spero ora di non scrivere certe stupidaggini, a rileggere le parti che hai riportato mi sono venuti i brividi. Comunque bisogna rassegnarsi, nelle slash yaoi shonen ai, quello che vuoi se ne trovano di stupidaggini simili. Nelle etero non so, non mi sono mai avventurata. Quoto su tutto, grazie per i brutti ricordi

  4. Toh, ecco un’altra autrice che si comporta da persona adulta. E’ una specie rara che si merita tutto il nostro rispetto, gente!
    Ah, gli slip nel 1300 mi hanno fatta sbellicare! 😄

  5. Ehi! Lei non ci ha detto “Giacobine di merda, fanculo voi e wikipedia!”.

    Scherzi a parte, benvenuta autrice 🙂

  6. Grazie GoS, finalmente qualcuno che riesce a riconoscere i propri errori!!!!!!!

  7. Ih ih ih effettivamente gli slip sono stati il top… Oddio mi sta venendo il terribile dubbio di averli messi in alttre ff AU….andrò a controllare, non si sa mai O_o Comunque ragazze, dopo aver guardato il vostro blog devo farvi i complimenti, ce ne vuole di coraggio e di fegato per leggere fanfiction spazzatura e poi commentarle per benino come fate! State attente, alla lunga possono creare danni permanenti al cervello 😄 😄 Un bacione a tutte! Siz

  8. Ohé, ciao ragazza! Complimenti per lo spirito e la presa di coscienza, che sono entrambe cose rare tra le recensite.
    I Blind Guardian a palla sono l’accompagnamento migliore per iniziare una recensione, nonché la giornata.
    Gli slip di Chaucer…
    Poetry.

  9. “Geoffrey Chaucer non si sta rivoltando nella tomba. E’ uscito, mi è venuto a trovare, ed assieme abbiamo deciso di iniettarci vicendevolmente sedativi via endovena”
    XDXDXD…
    mamma mia..ho i brividi…DEVO assolutamente far leggere questa fic alla mia prof di inglese…giusto per vederla stramazzare 1 pò al suolo in preda alle convulsioni!!!

  10. Siz, credimi, i danni al nostro cervello sono ormai irreparabili…
    credo tu te ne sia già fatta un’idea! 😄

  11. Ora che ci penso…se andassimo a dare un’occhiata alla sezione “originali” del Tempio, vi immaginate quanti strafalcioni potremmo trovare nella sezione “storica”?
    Ne ho seriamente paura.

  12. Noi, una volta, abbiamo trovato una storia bellissima ambientata nell’Antica Roma dove, se non ricordo male, si facevano sacrifici umani di bambini.
    Una cosa del genere.

    Geniale.

  13. ho linkato per il puro piacere di diffondere il verbo. Anche io scriverò una ficcy oscena con una Marysue peggio delle altre, lo giuro! cosa direte se non *o*?
    Vi adoro *____*
    (e sono diventata una fan del catino)

  14. Gli slip? 😛
    Idea geniale, ma non può certo competere con la Sue sboccata che cavalca nuda nei sogni di Dumbo.
    Abigale

  15. Gli strafalcioni storici sono una cosa magnifica, ce ne sono alcuni che meritarebbero una statua per i livelli di idiozia che raggiungoo 😄

    Comunque felice di vedere un’autrice tranquilla matura, stavolta!

  16. °-°
    Gli slip, il finale romantico, il sesso in un luogo dove ti possono vedere… Envie è provata dal duro lavoro.

  17. Gli slip sono fantastici.Chaucer si è rivoltato tanto nella tomba a causa mia,di una mia amica e di Paul Bettany ed è riuscito a scavare una galleria e fuggire…dovreste ringraziare me se è uscito da lì… *o*

  18. Sono di nuovo siz, vi avverto solo che vi ho linkato sulla pagina della fanfiction, non sia mai che qualche povera sfortunata malcapitata legga e poi non si possa fare una risata con la recensioneCiao “Giacobine”

  19. “Una parte di lui, il suo frutto era dentro di me ora…la sensazione di benessere procuratami da quel pensiero è indescrivibile”

    Frutto del buio il tuo seme cresce in un mondo di malinconiiiiiiiiiia

    Ecco, hai nominato i Blind Guardian ed ecco l’orrendo collegamento che ha fatto la mia mente. Poveri Blind. Vorrei anch’io un elfo del catino.

    Comunque sia, anche io da umile lurkatrice voglio fare i complimenti all’autorionia di Siz.

  20. Quando la lucce esce fuori dal cuore, aaaaaaaaaaaaaaaaaaaah.

  21. Tornare dalle vacanze e trovare simili recensioni è delizioso. Ho amato Chaucer incinto, si divertirà a fare aquisti da premaman insieme alla Piton. Complimenti xD

  22. Sono il genio dei commenti, non solo faccio errori di battitura, ma neanche mi firmo. Ero Evan^^’

  23. E siamo verso la fine del ‘300.
    In pieno medioevo, con la chiesa che dice cosa pensare e tutti che obbediscono.
    In Inghilterra, specialmente, dove il capo dello stato è anche il capo della chiesa.

    Oddio, nel 1300 erano ancora sotto al Papato…

  24. Sapevo sarebbe successo, dannazione, sono proprio una capra. >_

  25. Splinder vigliacco >_> Riproviamo: Sapevo sarebbe successo, dannazione, sono proprio una capra. >_< Ho commesso un errore clamoroso, credevo che i Tudor fossero già saliti al potere (ho sbagliato di qualcosa come due secoli, sono messa male)…Devo andare a spulciarmi un libro di storia, anzichè affidarmi alla memoria. Grazie per avermi avvisato, correggo subito ^^

  26. Cominciamo col dire che tra tutte le “Vestali” o come vi fate chiamare su questo blog, Lei666 è la peggiore.

    Non solo il suo commento era divertente come un morso sul didietro, ma è lei stessa la prima a commettere errori odiosi.

    L’espressione “Va bene uguale” dice niente?

    Ok, ora una cosa devo ammetterla. Lei666 mi ha fatto ridere, non capendo la differenza tra “puntini luminosi nel cielo” e “costellazioni”. Ma dai, piccola, è una cosetta alla Timon e Pumbaa, hai presente?

    Quando Timon afferma con convinzione che nel cielo ci sono delle lucciole appiccicate a “quella cosa nero-bluastra”, mentre Punbaa dice di credere che siano delle masse gassose che bruciano a milioni di km di distanza?

    Senza dubbio tu saresti daccordo con Timon.

    Ora passerò a decantare le gesta offensive della suddetta “autrice”.

    Hai dato degli idioti ai due personaggi della storia. Non si dice, è offensivo, ed è come se avessi detto “idiota” all’autrice.

    (Che tra l’altro si è comportata da debole dando la ragione totale a questo commento. Una persona che lascia che i suoi sogni vengano presi in giro non merita rispetto secondo me)

    Poi, Lei666 hai esclamato che i genitori di uno dei due personagi avrebbero fatto meglio a giocare a carte invece di copulare per averlo. Ancora una volta un commento offensivo, che assolutamente non farebbe ridere persone normali.

    Poi, ancora, ha preso in giro il pensiero di uno dei personaggi della storia, quando spiega di trovare bello sentire una parte del suo amante detro di sè.

    Di certo non resterà incinto.
    Ma mi sorge spontanea una domanda.

    Per l’autrice del commento, e tutti quelli che le hanno mandato ragione: avete mai fatto l’amore con qualcuno che amate? No? Provatelo e ci sapremo ridire. Sì? Allora vi siete dimenticate cosa si prova.

    Botta in testa? Obliviatus? Mah, chi lo sa.

    Ora passerò alle imprecisinoni. (come può una persona che sbaglia in primis, commentare errori altrui?)Leggi e impara da chi fa questo mestiere da più tempo di te.

    1. L’erba alta, soffice, NON esiste in Inghilterra. Ti sei preoccupata di ribadire che si sta scomodi sull’erba, e hai trlasciato di correggere ciò. Noto che hai lo straordinario dono di puntare l’ovvio.

    In Inghlilterra esiste la BRUGHIERA. Che consiste in fili d’erba radi e spesso tendono al colore giallo. Insomma un panorama quasi desertico.

    2. NON ci sono zanzare in Inghilterra. Senza offesa, ma il clima inglese è freddo, ventoso, e piovoso perfino in estate. Quindi le zanzare, ed i serpenti non esistono in quel paese, o se ci sono sono davvero pochissimi.

    3. I due che se ne vano mano nella mano. Molto carini. Però ricorda che Oscar Wilde ha fatto lo stesso durante l’età vittoriana. Non prndere in giro il modo di fare di un genio che di sicuro ti berrebbe come un bicchier d’acqua.

    4. Chi sta sotto nel rapporto omosessuale NON è sottomesso all’attivo, sono solo ruoli, e non hai diritto di giudicare in questo modo.

    Lo stavi facedo solo per far ridere le tue lettrici? Brava. Goditi certi commenti condiscendenti, e vivi col paraocchi, e la convinzione di essere migliore.

    Sappi solo che Chaucer, lo scrittore, non si abbasserebbe mai a venirti a trovare.

    Alla Prossima!

    XxX.Lexxy.XxX

  27. Hai dato degli idioti ai due personaggi della storia. Non si dice, è offensivo, ed è come se avessi detto “idiota” all’autrice.
    Balle.
    Per l’autrice del commento, e tutti quelli che le hanno mandato ragione: avete mai fatto l’amore con qualcuno che amate? No? Provatelo e ci sapremo ridire. Sì? Allora vi siete dimenticate cosa si prova.
    Uh?
    C’entra cosa, esattamente?
    Noto che hai lo straordinario dono di puntare l’ovvio.
    Una piaga dilagante.
    NON ci sono zanzare in Inghilterra.
    Allora le non sono punture, ma stigmate.
    due che se ne vano mano nella mano. Molto carini. Però ricorda che Oscar Wilde ha fatto lo stesso durante l’età vittoriana. Non prndere in giro il modo di fare di un genio che di sicuro ti berrebbe come un bicchier d’acqua
    Quanti secoli sono trascorsi da Chaucer a Wilde?
    Sappi solo che Chaucer, lo scrittore, non si abbasserebbe mai a venirti a trovare.

    E’ difficile che un mucchietto di polvere possa muoversi per andare a trovare chicchessia.

  28. “Balle.”

    Non sono balle, e comunque anche se lo fossero, guarderei prima le balle dell’autrice del commento che le mie.

    “Uh?
    C’entra cosa, esattamente?”

    C’entra il fatto che prima di criticare la decscrizione di un sentimento realmente esistente, bisognerebbe pensarci meglio.

    “Allora le non sono punture, ma stigmate.”

    Le cosa? Mio zio è inglese.
    Gli zii della mia migliore amica sono inglesi.
    Gli zii del mio fidanzato sono inglesi.
    Io ho vissuto per un lungo periodo in Inghilterra.

    Zanzare? Mai viste.

    “Quanti secoli sono trascorsi da Chaucer a Wilde?”

    Numero uno stavo spiegando il fatto che l’autrice abbia criticato un gesto. Non la collocazioni temporale.

    Ma se vogliamo mettere i puntini sugli “i”, allora sappi che l’età vittoriana ed il Medioevo hanno pochissime differenze, che risiedono nei costumi, e nell’uso dei roghi.

    In quanto a mentalità siamo allo stesso livello, se non peggio.

    Studia.

    “E’ difficile che un mucchietto di polvere possa muoversi per andare a trovare chicchessia”

    Dillo a Lei666, non a me.

    Tanti complimenti per l’eloqueza (che sembravi avere quando dovevi criticare le ff altrui), e alla prosima.

    Baci!

    XxX.Lexxy.XxX

  29. Mia cara Lexy, stai affermando che dire che il protagonista de “il pendolo di Foucault” è un nevrotico equivalga a dire che lo sia il professor Eco.
    Ecco cosa intendevo per “balle”.
    C’entra il fatto che prima di criticare la decscrizione di un sentimento realmente esistente, bisognerebbe pensarci meglio.
    Ci rendiamo conto che il sentimento è omosessuale, vero? E che, nonostante la profondità del sentimento sia la stessa di un sentimento eterosessuale, possano essere diverse le dinamiche, le sensazioni? Erudiscici.

    Quanto alle zanzare… volendo proprio spaccare il capello, possiamo concederci di immaginare che, illo tempore, le zone non fossero bonificate?

    E soprattutto, come noi non diciamo “vatti a chiudere” nemmeno alla peggiore delle autrici (io non l’ho mai fatto, perlomeno), non tollero che qualcuno venga qui a dirmi “studia”.
    So BENISSIMO quali sono le differenze tra epoca vittoriana e Medioevo.
    Andiamo al principio della questione, dunque: perché non ci chiediamo perché il Medioevo non abbia mai partorito un Wilde, se le differenze non sono poi tante?
    Rifletti.

  30. Carissima OdiolaRow, visto che parlare con te è, come si dice dalle mie parti “come fare a cappellate con i passeri”, ho deciso di essere un tantino più diretta.

    “Rotolarcisi sopra e fare le proprie porcate non è come usufruire di un materasso, lo sapete? Idioti.”

    Ok. Adesso abbi il coraggio di dirmi che quella sopra riportata ti sembra una frase intelligente. Davvero, non è per niente simile all’esempio che hai fatto tu.

    “Ci rendiamo conto che il sentimento è omosessuale (…) possano essere diverse le dinamiche, le sensazioni? Erudiscici.”

    Certamente! Secondo te, in un rapporto omosessuale la parte attiva non viene dentro quella passiva? E secondo te la parte passiva non se ne accorge?

    Ed appurato il fatto che sì, se ne accorge, allora secondo te non c’è anche da parte sua il desiderio (comunissimo alla donna) di voler sentire dentro di sè proprio “tutto” da parte dell’uomo che amano?

    “Quanto alle zanzare (…) illo tempore, le zone non fossero bonificate?”

    Assolutamente, fra tutte, questa è la frase che mi ha fatta ridere di più! Sono convintissima, infatti, che in questa ff, i due siano andati a fare l’amore proprio vicino ad una palude!

    “non tollero che qualcuno venga qui a dirmi “studia”.”

    Carissima, se hai quella che si suole chiamare una “coda di paglia” non è colpa mia. Da quello che ricordo, “studia” non è un insulto.

    Non intendevo dire che sei ignorante, ma solo che prima di dedicarsi ad attività del genere, bisognerebbe dare una ripassatina.

    Ma d’altronde le cose fatte tanto per farle ormai sono una moda…

    “(…) il Medioevo non abbia mai partorito un Wilde, se le differenze non sono poi tante?”

    Sì, e perchè è nato un solo Leonardo Da Vinci? E perchè è stata dipinta una sola Cappella Sistina? E perchè non abbattiamo la muraglia cinese, visto che siamo in tema di cose dette senza riflettere? Ma che domanda sarebbe la tua?

    Baci, alla prossima!

    XxX.Lexxy.XxX

  31. L’erba soffice non esiste in Inghilterra?
    Ah no?
    Infatti il “prato all’inglese” è fatto di erba secca…

    Io non credo che l’autrice sia una debole, ma una persona dotata di autocritica.
    E basta con questa storia dei “Sogni distrutti”!

    Una recensione negativa non distrugge nessun sogno: esiste anche la possibilità di ignorarla, sai?
    Nessuno qui fa parte del Tribunale dell’Inquisizione, che decreta la morte al rogo dell’autore. Nessuno di noi, oltretutto, è nello staff di EFP, quindi ha la possibilità di operare concretamente su queste storie.

    Hai ricevuto una recensione su Fastidious? [Tu impersonale, anche se tu sei stata recensita]
    Puoi benissimo ignorarla e andare avanti per la tua strada, di certo nessuno impedisce a nessun altro di scrivere.
    Ci si limita a dare un “parere”. Poi uno il parere può accettarlo oppure no, ma non per questo è un debole o un cretino chi decide di rifletterci.
    Di nuovo mi chiedo chi sia TU per sparare giudizi sulle persone.
    E non sulle storie, come fa Fastidious, ma proprio sulle persone che scrivono le recensioni (come hai fatto con Odio, altrove) o sugli autori, come adesso.

    Mi sfugge, poi, il tuo concetto di “offensivo”.
    E’ offensivo nei confronti dell’autore dire che un personaggio avrebbe fatto meglio a non procreare, quella notte? Noi avremmo una visione distorta delle cose, ma anche tu non sei da meno se consideri “offese” cose del genere…

  32. Carissima pinguinetta!

    Appena letto il tuo commento, mi sono detta “Oh! Rieccola! Si sta affezionando allora!”

    Dunque, ancora una volta sorrido in modo materno mentre prendo il mio bitchy book, anche se nel tuo caso, non ne avrei nemmeno bisogno.

    Il prato all’inglese è, spesso, fasullo. Esattametne come quelli degli stadi. E nel raro caso che non lo sia, sii sincera: hai mai visto un “prato all’inglese” alto trenta centimetri? No? Lo vedi allora che ho ragione io?

    Prendi un atlante, un dizionario, e cerca la parola “brughiera”.

    “Io non credo che l’autrice sia una debole, ma una persona dotata di autocritica.”

    L’autocritica va bene fino ad un certo punto carissima cucciola di Labrador! Non tutte le critiche che le sono state mosse erano esatte.

    Consigli l’autocritica con discriminazione, vedo. Alcuni nella tua visione del mondo ne sono esonerati?

    No perchè se io mi sto lamentando, un motivo ci sarà, no?

    “E basta con questa storia dei “Sogni distrutti”!”

    Allora, questa è molto divertente: immagina di essere una scrittrice agli esordi, non sei molto abile, (anzi mettiamo, come nella maggior parte dei casi, che fai quasi schifo).

    Sai che per migliorare hai bisogno di qualcuno che ti commenti e ti dia consigli. Pubblichi la tua prima ff.

    Che emozione! Chissà cosa risponderanno! Piacerà la mia storia? Quando scrivo ci metto i sentimenti!

    Poi ti arriva una mail che ti dice di leggere una recensione su un sito. Ci vai, e vedi che secondo le commentatrici, avresti fatto molto meglio a non scrivere per niente, perchè la ff nella quale ti eri impegnata è solo degna di quattro risate.

    Avresti il coraggio di provarci ancora? Io ne dubito. Non tutti abbiamo il carattere o la prontezza di spirito di ridere di cose del genere, quando colpiscono noi.

    Anch’io sono stata recensita, ma datosi che io mi ritengo superiore alle derisioni scontate (la mia storia era una demenziale, quindi più che critiche mi sono sembrate riflessioni ovvie.), non me la sono presa assolutamente, ed anzi ho riso come una pazza.

    Quello che mi scandalizza è, appunto il fatto che su questo sito si giudica, ma non si danno consigli su come migliorare.

    Quindi andiamo avanti, gattina dell’abissinia.

    “Ci si limita a dare un “parere”.”

    Ci sono modi e modi di dare un parere, io recensisco alcune storie su EFP, eppure non sento il bisogno di riderne con qualcuno quando ne incontro una particolarmente infantile o piena di errori.

    Se commento, lo faccio nell’apposito spazio (che se esiste ci sarà anche un motivo, no?).

    Capisco che c’è chi preferisce leggere commenti qui piuttosto che su una storia, ma il tutto si risolve nelle risate.

    Alle spalle di qualcuno che probabilmente si è sentito così umiliato da non voler più toccare una penna. E ne conosco qualcuno.

    Cara pulcina, io giudico perchè ho giudizio, come già scritto altrove.

    Ma non ho mai insultato nessuno. E comunque questo sito è fatto apposta per giudicare, non te n’eri accorta?

    “Mi sfugge, poi, il tuo concetto di “offensivo”.”

    Guarda caso a me sfugge il tuo.

    Dire che “un personaggio avrebbe fatto meglio a non procreare, quella notte” è come dire “potevi anche risparmiarti di scrivere tanto i tuoi personaggi sono cretini”.

    Del fatto che voi non facciate parte dello staff di EFP, posso solo ringraziare Merlino.

    Mia cara, io non distorco proprio niente, e quando parlo rifletto sempre su ciò che dico.

    Io non offendo la tua intelligenza (altrimenti non ti starei rispondendo) quindi per favore, tu non offendere la mia.

    Alla prossima.

    XxX.Lexxy.XxX

  33. Una specificazione… le Vestali del Tempio non sono i recensori di questo blog bensì le amikette scrittrici di ficcy di Efp. Correggetemi se sbaglio.

    Secondo… il motivo per cui Lei666 è il peggior recensore di Fastidious non ha nulla a che fare con il fatto che la critica alla tua storia è stata fatta proprio da lei, vero?
    Così… Tanto per dire…
    E in ogni caso criticare la storia o i personaggi non è criticare l’autrice in persona. C’è una differenza bella e buona! E l’autrice stessa di questa storia se ne è perfettamente resa conto.
    Quindi il senso di continuare? Imbastire una crociata personale contro Lei666?
    Non ci fai una bella figura, proprio no.
    Anzi l’esatto contrario.
    E spero che tu te ne accorga.

    Meissa, sempre più stanca di coloro che non sanno accettare le critiche e incolpano i blog di critica. (Scusatemi il gioco di parole su critica XD)

  34. Lexxy, ti rispondo solo per dirti che io scrivo su questo blog da molto prima di te, e che conosco le persone che vi scrivono da molto tempo prima di te.
    Quindi quella che si sta affezionando sei tu!

    Dai, continua che su MSN ci stiamo spanciando 😄

    Sei davvero meravigliosa: vedere come ti accanisci contro chi ti ha recensita fa di te uno dei troll più belli che siano capitati in questo blog.
    Dai, ancora!
    Non fermarti adesso, stai andando alla grande!

    Lei666 ha scritto parecchie recensioni: ce la puoi fare a sputare veleno su tutte, solo perché è l’ardita che ha osato lasciare una recensione, dimostrando al mondo quanto tu sia superiore 😄

    Forza, siamo tutte con te: pregheremo il God of Sex – la nostra personale divinità – affinché ti dia la forza di arrivare in fondo.

  35. Hai dato degli idioti ai due personaggi della storia. Non si dice, è offensivo, ed è come se avessi detto “idiota” all’autrice.
    non direi.
    Se dico “secondo me Severus dovrebbe lavarsi più spesso i capelli” non mi riferisco alle abitudini igieniche della Rowling, ma a quelle di un personaggio da lei descritto.

    Sì, e perchè è nato un solo Leonardo Da Vinci? E perchè è stata dipinta una sola Cappella Sistina? E perchè non abbattiamo la muraglia cinese, visto che siamo in tema di cose dette senza riflettere? Ma che domanda sarebbe la tua?

    Non credo tu abbia capito il senso di ciò che Odio diceva.
    Lei è infatti partiva dal presupposto che ogni personaggio sia figlio del proprio tempo: Wilde è Wilde proprio perchè è nato in una determinata società.
    Se, cone tu affermavi, l’età Vittoriana ed il Medioevo sono così simili, a rigor di logica anche nel trecento ci sarebbero stati personaggi simili a Wilde.

    BellaLestrange

  36. Solo una cosa: il prato all’inglese esisteva da BEN PRIMA che inventassero l’erba finta o i metodi di coltivazione moderna.

    Per cui l’erba, in Inghilterra, esiste.
    E non sto parlando dell’erba di Camden Town, sia chiaro 😄

    In Inghilterra non esiste SOLO la brughiera come, del resto, in Italia non esiste SOLO la macchia mediterranea.

    Se ho mai visto prati inglesi con l’erba alta trenta centimetri?
    Mah, sinceramente non li ho controllati uno per uno…
    In ogni caso non esistono solo sterpaglie, o difficilmente porterebbero avanti allevamento e agricoltura.

    E ricordiamoci che l’Inghilterra è piuttosto estesa, quindi non è tutta uguale.
    La “verde Irlanda” – che fa sempre parte delle Isole Britanniche – non è verde per via della brughiera.

  37. “Per l’autrice del commento, e tutti quelli che le hanno mandato ragione: avete mai fatto l’amore con qualcuno che amate? No? Provatelo e ci sapremo ridire. Sì? Allora vi siete dimenticate cosa si prova.”
    Qui, mi pare tu abbia palesato chiaramente la sensibilità che ti spinge a commentare.
    Ora, possiamo sederci in cerchio e raccontarci le nostre esperienze sessuali o possiamo guardare in faccia alla realtà.
    Opto per la seconda: sei qui a rompere a Lei666?
    Buon lavoro.

  38. No, Selenya perché? Ti sembra così? 😄
    Ha solo voglia di esprimere la sua opinione… guarda caso sulle recensioni di Lei666. Io son curiosa di vedere come si concluderà questa sua crociata.

  39. La “verde Irlanda” – che fa sempre parte delle Isole Britanniche – non è verde per via della brughiera.
    Per Priapo, Gil, ti ringrazio! Il “fa sempre parte delle Isole Britanniche” non mi rende troppo felice, ma grazie per aver reso giustizia. Mi stavo per soffocare con il tea… ops, ok, tè… leggendo quanto sopra.

  40. Sono la solita maligna zietta.
    Certo, le sue sono argomentazioni valide (su MSN le ponderiamo).
    Io invocherei il Santo Samuel Winchester…

  41. Ah, lo dico per Lexxy: Somethingelse è Irlandese e ha vissuto in Scozia e in Inghilterra.
    Magari non avrà misurato i fili d’erba uno per uno, ma SUPPONGO che sappia se le Isole Britanniche sono solo brughiera oppure no.

    Ed, scusa, non volevo farti andare il tè di traverso 😄
    Su, omo, ripigliati! Le “Isole Britanniche” sono una realtà geografica; non ho detto “Regno Unito”, sennò avresti avuto tutto il diritto di uccidermi :p

  42. Regno Unito ¬_¬ Mamma mia, Gil, non farmi ‘sti scherzi.
    No, non ho contato i fili d’erba uno per uno, ma sottoscrivo che non è solo brughiera.
    Ma non dico cosa stava andandomi per traverso quando ho letto le cosine simpatiche su Chaucer e Wilde. Guarda, lasciamo stare che è meglio.

  43. Ciao, non sono tra le autrici che avete commentato e non ho mai lasciato messaggi su questo sito, ho dato un’occhiata ai vari post di Lexxy ed alle vostre risposte, sinceramente mi sembrate voi ad accanirvi più che lei; molte delle cose che ha detto trovo abbiano senso mentre voi le deridete soltanto. Va beh, lasciando perdere questo litigio vorrei solo dirvi una cosa: ho letto diverse cose che avete scritto, in effetti prima ho guardato le ff vere e poi la vostra recensione su di esse, devo dire che non capisco. Io metto l’anima in ciò che scrivo, magari alcuni non lo fanno ma altri nonostante la storia venga fuori male, stupida, ci sono stati sopra giorni ed hanno messo loro stessi. Capisco che voi possiate pensare “è un commento per ridere non una crocifissione” ma per alcuni può essere così. Io leggendo ciò che avete detto sono stata male per le autrici, trovo giusto dirlo quando una storia è brutta ma come fate è esagerato, può ferire. Amo scrivere, tento di farlo sempre in modo serio con un italiano corretto ma se mi capita di leggere qualcosa con errori o con poco senso non inizio a riderci sopra perché porto comunque grande rispetto per chiunque decida di prendere penna o tastiera ed inizi a scrivere. Scrivete queste recensione per vendicarvi delle moltissime storie scritte da persone che se ne fregano e che decidono di inserire personaggi amati in mondi fantastici che nulla centrano con ciò che sono o addirittura nel mondo reale con una trama assurda? Pensate che queste storie siano sciocche? Una rovina? Ma questo sito a cosa serve se non a mortificare le persone? Non crediate che ogni autrice venga qui, legga ciò che avete scritto e dica “Salazar, grazie mi hanno illuminata, da domani sarò una vera scrittrice” A me sembra solo che creiate sofferenza a chi nella storia ci ha creduto e non dite che le autrici che avete umiliato voi non hanno sofferto, non lo sapete, certo non posso saperlo io, ma da persona esterna già mi sento male io, figuriamoci loro. Spero di non creare un’ulteriore lite vorrei davvero solo sapere l’utilità di una cosa del genere.
    Monica

  44. Oh! Ma che carine che siete! Vi siete strette a cerchio ed avete fatto muraglia! Sento già il profumo della Cina!

    Ora scusatemi se non cito le varie invettive, ma non mi va in questo momento di perdere tempo più di tanto, perciò leggete le frasi, e capite da sole a chi sto rispondendo.

    Spero sia scritto in maniera abbastanza chiara per tutti.

    Io non sono affatto accanita contro Lei666, e che ci crediate o meno è la verità. Semplicemente, all’inizio non sapevo neanche come si chiamasse perchè poco pratica del sito.

    Semplicemente le sue recensioni sono le prime che mi sono capitate davanti, e sinceramente pensavo ogni parola scritta nei miei commenti.

    Io ho (fortunatamente) un’indole bonaria, per cui mi risulta difficile arrabbiarmi con qualcuno solo perchè ha commentato con dubbie argomentazioni una mia storia…

    Storia che tra l’altro non ho ocntinuato appunto perchè demenziale, e difficile da portare avanti. Quindi da parte mia non c’è nessuna antipatia per la persona di Lei666.

    Chiarito questo punto, andiamo avanti.

    Nelle isole britanniche non c’è brughiera. Certamente.

    Secondo i libri, della vita di Geoffrey Chaucer non si sa quasi nulla, ma si suppone sia nato e vissuto a Londra.

    Si può comodamente leggere anche che

    “Gran parte del territorio del Regno Unito è occupato da brughiere, terre dai suoli poveri dove i forti venti consentono solo la crescita di una vegetazione arbustiva costituita in prevalenza da eriche e ginestre”

    Permettetemi di pensare che i territori meno aridi del paese vengano utilizzati per l’agricoltura, e non per abitarci.

    Chi siano le Vestali non lo so e come si disse in Via col vento, “francamente me ne infischio”.

    Se ho detto che Lei666 è la peggiore che abbia letto finora, lo penso realmente, per il semplice fatto che nella maggior parte dei casi, non mi ha fatto ridere per niente.

    Ho commentato anche OdiolaRow, ma lei è di gran lunga migliore.

    La mia crociata personale non è contro Lei666, ma contro la politica del blog in generale.

    A proposito del non fare bella figura, io penso lo stesso di voi, ma questo è un altro discorso.

    Io mi sto affezionando a questo sito perchè mi fa divertire. E non parlo delle autrici di commenti, ma di voi che mi rispondete. Siete davvero carine! E non è una presa in giro, lo penso davvero!

    Sono felice che vi stiate… ahem… “spanciando” su MSN. Trovo che “spanciarsi” sia una cosa molto bella, specie se in compagnia, ed alle mie spalle.

    Io sarei un troll? Non me lo aveva mai detto nessuno, terrò ben stretto questo nuovo appellativo. è davvero molto simpatico!

    Se Lei666 volesse, potrebbe commentare tutte le mie storie. Ma mi raccomando! A patto che siano commenti DAVVERO spiritosi, non come questi altri.

    La Rowling ha dato quell’apparenza al suo personaggio di sua volontà. Non credo che la scrittrice della ff in questione avesse voluto far apparire i suoi personaggi stupidi.

    Il tuo discorso non ha senso per me. Figlio del suo tempo o no, Wilde era un genio, e degno di essere imitato. Quindi se l’autrice ha descritto un gesto da lui proposto a suo tempo, non va denigrata per questo.

    E poi ho già detto che non stavo citando la collocazione temporale dei due artisti.

    Ho vissuto anch’io in quei luoghi, permettimi di dire la mia.

    XxX.Lexxy.XxX

  45. Sulla politica di Fastidious lascio rispondere le altre, in quanto il blog non è mio e io mi limito a commentare le recensioni.

    Quanto a “Lexxy”, però, permettimi di dire che non ci siamo accanite contro di lei.
    Anzi, guardiamo la situazione.

    Lei666 l’ha recensita.
    Lexxy è arrivata qui e ha cominciato a dire, a tutte noi, quello che secondo lei siamo (come ci vestiamo, cosa pensiamo e così via: su che basi non si sa!) solo per aver interpretato male alcuni commenti.
    Quindi ha preso le recensioni di Lei666 e ha cominciato a contestarle – legittimo – dicendole che è la peggiore qui dentro, che in sostanza non capisce quello che legge, che è un’ignorante e così via.
    E l’ha fatto ripetutamente.

    A chi le ha risposto a replicato in modo un tantino acido, rivolgendosi a me – mai vista e conosciuta, quindi mi chiedo secondo quale principio – con epiteti quali “pinguinetta” e simili, che non vedo quale scopo abbiano se non quello di provocare.

    A questo punto lo staff e i lettori del blog le hanno risposto.
    Dovevamo lasciarla fare senza replicare?
    Nessuno l’ha bannata o ha cancellato i suoi messaggi, ma non mi pare che si possa pensare di andare su un blog, trolleggiare allegramente, e poi non aspettarsi nemmeno una replica.

    Io credo che siamo state fin troppo gentili; lei ha risposto alla recensione che le hanno lasciato e ne aveva tutto il diritto. Ha detto la sua anche altrove, e ne aveva tutto il diritto.
    Ma non è stata poi così educata…

    La prossima volta, se non vuole che la gente faccia muro contro di lei, agisca di astuzia: contesti pure, ma senza provocare o dimostrare – perché è palese – di avere il dentino molto avvelenato.
    Forse otterrà qualcosa di più.

  46. Sulla questione brughiera:

    In Inghilterra non esiste SOLO la brughiera come, del resto, in Italia non esiste SOLO la macchia mediterranea.

    Lexxy, “sturati gli occhi”, come dice tua madre.

  47. A chi le ha risposto a replicato in modo un tantino acido

    Scusate: HA replicato.
    E’ l’ora tarda che si fa sentire…

    Comunque, Lexxy, di nuovo permittimi di dubitare che i territori meno aridi dell’Inghilterra siano tutti adibiti all’agricoltura.
    Io mi fido, molto, di Ed… e non se l’unica che è stata in Inghilterra.

    Nessuno dice che non ci sia la brughiera, semplicemente che non c’è SOLO la brughiera.

    Davvero, stai sfiorando le vette del ridicolo. Ma da tempo, ormai.

  48. Addirittura tre commenti uno dopo l’altro!

    Non mi pare coerente da una persona che si è permessa di dire “Resta il fatto che dal suo profilo si comprende molto 😄
    Vi consiglio di darci un’occhiata” ed altre cose, si possa permettere di dire che io giudico.

    Ripeto ancora: io giudico perchè ho giudizio, e datosi che hai esclamato di non appartenere alla categoria dei “pariolini”, ancora non capisco cosa batti a fare sempre sugli stessi punti.

    Le vette del ridicolo non le sto sfiorando affatto. Allora mettiamola così. Ti faccio contenta.

    Secondo me i due personaggi della storia stavano seduti sulla BRUGHIERA, mentre per te stavano seduti… bah per quel che me ne importa potevano anche stare sull’orlo di un vulcano.

    Non avevo intenzione di provocarti, sebbene tu abbia interpretato come provocazione ogni parola da me scritta, anche quando non ti riguardava affatto.

    Non ho mai chiesto che mi lasciaste fare un bel niente, anzi il mio scopo era proprio quello di far leggere ciò che ho scritto a più persone possibili, in modo da costruire un dialogo e spiegare le mie ragioni.

    Io non provoco, ma sostengo l’ipotesi che questo blog è, secondo le parole di Monica che mi ha dato ragione, un sito che non serve ad altro che a mortificare le persone.

    Il muro alzato contro di me non mi squote minimamente.

    Penso che questa “lite” sia diventata ridicola, visto che c’è un continuo, reciproco, travisare di intenzioni e commenti.

    Ho già detto e per l’ultima volta lo ripeto: non ce l’ho assolutamente con Lei666, ed anzi mi scuso con lei per aver preso di mira proprio le sue recensioni.

    Non era intenzionale, potevano benissimo essere di qualcun altro.

    Alla prossima,

    XxX.Lexxy.XxX

  49. Forse il muro alzato contro di te non si scuote minimamente perché tu prendi le parole altrui e le ignori, tutte, dalla prima all’ultima.

    Vedo che nessuno oltre a me ti risponde più; di conseguenza suppongo si sia passati alla politica: “Non date da mangiare al Troll” e mi attengo.

    Però volevo dire due paroline sul fatto che un Wilde potesse nascere nell’epoca di Chaucer e viceversa?

    Che cosa è occorso, nel mezzo, dopotutto?
    Solo – in ordine sparso – la scoperta dell’America, l’avvento della borghesia, Shakespeare, la riforma protestante, Elizabeth I, le guerre con la Francia, le guerre con Scozia e Irlanda, l’invenzione della stampa e il passaggio da Middle a Modern English, la dichiarazione di indipendenza, la Rivoluzione Francese, la Rivoluzione Inglese, la Rivoluzione Industriale, il positivismo, il darwinismo… no, ma in effetti che effetti può avere tutto questo sulla forma mentis della società?
    Ma nessuna!

    Poi, insomma, un po’ tutti si rotolavano nei prati ai tempi di Chaucer, specie se omosessuali; dopotutto Dante, nel quattordicesimo secolo, li chiama solo “sodomiti” e li sbatteva all’inferno… ma perché erano benvoluti!
    E anche lo stesso Wilde, nel milleottocento, una volta scoperto omosessuale, venne costretto a fuggire in Francia e i suoi figli cambiarono nome! Ma perché erano benvoluti, anche lì!
    Era logico, ovvio, sensato essere omosessuali e sbandierarlo… sì, sì, sì.

  50. Bwahwahwah, fantastica XDXD! Fantastica la recensione ed il flame, mi sembra ovvio :zizizi:

    Comunque, se lui lo vuole, lui può restare incinto! Capittto? èOé
    (XDXDXD)

    Splendida la recensione, per leggere la storia ho dovuto lavare con il sapone i miei innocenti occhi da pulzella, pensavano volessi dar fuoco alla televisione e mi hanno mandato alla gogna.
    Alla prossima vita, con tanto di cappello (XD)!

    See yah, Uchi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...