Tematiche serie trattate con leggerezza.

Ospedale San Mungo per ferite e malattie magiche

Recensisco dal mio letto, Pirati Nobili e Mangiamorte, in attesa che la sala operatoria sia pronta per la mia operazione.

Prima che mi cavino le ovaie per un’imperizia medica, voglio proporvi questa storia di Stateira.

L’autrice ci premette che la fanfiction, sebbene non consona ai suoi standard è però NECESSARIA. Io mi chiedo a cosa, se non ad instaurare inutili paure ad adolescenti non informate.

Il contenuto è forte, perché tratta una tematica reale. Reale sto paio di ovaie, mi verrebbe da dire, considerato che di reale non ho trovato molto.

Premetto che l’idea dell’autrice sarebbe quella di esprimere i sentimenti di una donna a cui viene diagnosticata una malattia che la porterà ad essere sterile.

Tema delicato, per il quale ci vorrebbe una certa “preparazione”… Basta documentarsi, esiste internet.

In questo caso posso affermare che l’autrice non si è data pena di costare alcun documento su ciò che andava a scrivere.

Hermione ha la policistosi ovarica ( come una buona percentuale di donne, aggiungerei).

Non è nulla di grave, davvero, non c’è niente di complicato da capire, nessuna cura farmacologia da seguire, niente di niente. (…) senza soffrire nemmeno un dolorino, senza renderti conto che dentro di te c’è qualcosa che non va.

Perdonatemi il francesismo: vaccata. Che non sempre le cure siano efficienti è un conto, ma in caso di policistosi ovarica solitamente si procede per via farmacologica. Non sarà un elisir, ma può aiutare.

Irsutismo, ciclo mestruale alterato, problemi ormonali sono sintomi tangibili (specie l’irsutismo, che punzecchia).

Vedi, Hermione, la policistosi ovarica è la malattia dell’attesa, niente di più.

Funziona come un lento ed indolore conto alla rovescia, (…)

È questione di prudenza, solo di prudenza, te lo avevano già anticipato. Non ci sarebbe comunque nient’altro da fare, quindi è meglio evitare qualsiasi rischio futuro.

Non sapevo che la policistosi potesse far gonfiare le ovaie fino a farle scoppiare come palloncini, eppure…

Resterà ad aspettarti fuori, nella saletta di attesa, mentre tu subirai una piccola operazione, di non più di un’ora. Ti faranno un taglietto piccino così, e ti toglieranno le ovaie ormai compromesse. Il dittamo poi farà scomparire la cicatrice, e tu ti sveglierai con Ron accanto, e in meno di un giorno sarai dimessa.

Stateira, ma che stai dicendo?

Per questa patologia NON VIENE PRATICATA L’OVARIECTOMIA.

E lo scrivo bello grande, perché la disinformazione è un brutto male.

Comunque, continuiamo con la recensione partendo dal presupposto che ad Hermione dovranno asportare le ovaie:

Riprenderai la tua vita senza doverti preoccupare di nulla

Nulla, a parte una menopausa precoce con sbalzi ormonali, osteoporosi, gonfiori, depressione, vampate, aumento di peso, una più alta probabilità di infezioni vaginali, malattie cardiovascolari e tante altri problemi connessi.

E chi si preoccupa?

Ucciderà la tua speranza di avere una famiglia, ucciderà il tuo sogno di vederti, un giorno, con un pancione da accarezzare. E poco importa, allora, se Ron ti dirà che non devi starci male, che ci sono altre soluzioni, perché tu quella cicatrice che il dittamo ha cancellato te la sentirai dentro per sempre.

Ora si passa all’esagerazione: la policistosi ovarica può provocare infertilità, ma in una buona percentuale di casi questa è correggibile. Certo, se il tuo medico ti fa una ovariectomia per “curarti” la policistosi direi che le possibilità si riducono a zero!

Perché lo sai anche tu che non serve a niente sentirsi in colpa, una malattia non è mai una colpa, eppure non riesci a non pensare che è come se tu fossi un pochino meno te stessa, un pochino meno donna, persino.

Effettivamente, quando il baffetto compare a causa dell’irsutismo, ci si deprime un po’!

Perché sei viva, e viva resterai.

Sterile e viva.

Non avendo genitali esterni da grattare come scongiuro, mi gratterò metaforicamente le ovaie affette da policistosi.

Non ho parole per esprimere la rabbia che questa fanfiction mi provoca: posso capire il voler descrivere il dramma di una donna che scopre di non poter diventar madre, ma utilizzare a questo scopo la prima patologia riguardante l’apparato genitale femminile, dando notizie totalmente errate in merito, è decisamente un azione irresponsabile.

È solo una fanfiction? Certo, ma non ci voleva molto ad utilizzare una patologia differente! Qualcosa che preveda effettivamente la sterilità, che preveda veramente una ovariectomia!

Perché inventarsi notizie che potrebbero portare inutilmente ragazze disinformate alla disperazione?

Per avere decine di recensioni di persone che nemmeno sanno di cosa stanno parlando, che esprimono una pietà immotivata per questa “malattia gravissima” di cui non conoscevano nemmeno l’esistenza prima di leggerne in questa ficcy?

Se questi sono i risultati, Stateira, ti consiglio di tornare a scrivere fanfictions più “nei tuoi standard”, qualsiasi cosa voglia dire.

Advertisements

23 risposte a “Tematiche serie trattate con leggerezza.

  1. Non ho parole, tranne: San Google veglia su tutte noi; aiutiamolo ad aiutarci.

  2. Dal tasso d’ indignazione, direi che BellaLeStange è nel settore medicina…o sbaglio?^^ Comunque, patologia errata o no, quello che non sopporto di fanfictions del genere è l’ utilizzo di personaggi e situazioni che non c’entrano una mazza con il tema trattato…ma davvero, che diavolo significa una storia su Ron ed Hermione (Il mondo della Rowling, ricordate? Hogwarts, magie, burrobirra, cruciatus e via dicendo) incentrata sulla policisti ovarica ?!?
    Una roba del genere, se proprio devi, rifilala al Doctor House -che GoS lo benedica- o a Grace’s Anatomy…

    Chris, sinuosa Mary Sue che a questo punto non si stupirebbe nemmeno di una MemoleDolceMemole che affronta l’ aborto

  3. Dal tasso d’ indignazione, direi che BellaLeStange è nel settore medicina…o sbaglio?^^

    No, ma sono nel settore policistosi ovarica.
    Ho comunque chiesto alla Civetta un consulto per evitare di scrivere cazzate pure io: dicono siano contagiose!

  4. O_O” scrivere una fanfiction che parli di una malattia non è mai facile. Bisogna passare settimane su google o sui dizionari medici, per avere QUALCOSA su cui lavorare.
    Davvero…questa ff non era più necessaria di un’ennesima D/H.

  5. Abigale.

  6. Illo tempore ho lasciato una recensione su efp. Ovviamente è stata l’unica nota discordante tra tanti beeeelaaaati. Datemi una malattia “inguaribile”, datemi l’impossibilità di metter su famiglia, datemi un tema di morte e abbandono che permei tutta la storia e datemi i personaggi di Harry Potter. Le commosse grida di approvazione da parte di Vestali che stringono nel pugno un fazzoletto bagnato di defunte lacrime non tarderanno ad arrivare. Pianto e tragedia vanno di moda, sciocchine, non lo sapevate? Ora scusate, vado a fare testamento: grattandomi mi è venuta una crosticina ad un morso di zanzara.

  7. Un’ultima cosa, prima di andare a travasare bile altrove: l’UNICO organo NECESSARIO E SUFFICIENTE per instaurare una gravidanza è l’UTERO. Grazie alla fecondazione assistita, donne prive sia di ovaie che di tube sono riuscite ad avere figli sani, come qualsiasi persona normale. L’organo della gestazione è SOLO l’UTERO. E no, la policistosi uterina non esiste. Qualche Vestale vuole rilanciare con qualche altra malattia?

  8. Dunque…
    A-Mi dispiace per Bella, che ha visto prendere per il culo (perchè questo E’ prendere per il culo) un malattia, magari non melodrammatica e tragica come vorrebbe l’autrice ma pur sempre una malattia. E come tale bisogna parlarne sapendo, conoscendo cosa vuol dire avere questa malattia.
    B-Necessario? Cosa sarebbe necessario? Informare una masnada di mocciose che manco ce l’hanno, il ciclo, che per una malattia possono perdere le ovaie? Ma dico, chi ti credi di essere? Non penso proprio che questa situazione tocchi l’autrice. (Al massimo un suo conoscente.) Persino un paguro avrebbe fatto di meglio. Con rispetto per i paguri.
    Ti sei auto-eletta Profeta, un profeta di quart’ordine, ma pur sempre un profeta. (Camilleri docet)
    E’ ipocrisia allo stato puro e mi da fastidio, perchè ci sono passata anche io. Diamoci un taglio.
    B-Informarsi no, drammatizzare si.. Ma perchè? Volevi sentire le amichette che urlavano aggrappate alla scrivania come ragazzine al concerto di Paolo Meneguzzi? Ci sei riuscita, bene. E cosa hai guadagnato? Un ventaglio di critiche a tuo favore? Ancora bene allora! Ma c’è stato qualcuno, forse, che leggendo la tua storia si è sentito chiamato in causa (chissà perchè) e si è infuriato per il modo in cui il suo dolore (non proprio il suo, però..)o qualsiasi cosa fosse veniva utilizzato per ottenere + recensioni.
    Ma che amychetta simpatica.
    Penso che a nome di tutte quelle come Bella un grande “Ma VAFF..” ci stia bene, eh.

    Lilith, sempre + giù

  9. Chiamare necessario questo mi sembre…fatemi pensare. RIDICOLO. IPOCRITA. SUPERFICIALE. Complimenti a quest’autrice per il suo ottimo lavoro. Grazie, perchè mi fai capire che la gente è sempre più senza speranza. Grazie.
    Ladyhawke

  10. MA CHE BELLA COSA LA CULTURA!!!!
    emm emm, scusate se dico 1 stronzata..( mi pare di aver letto da qualche parte che le cazzate possono essere contaggiose XD) ma anche ammettendo per assurdo che tale malattia necessiti effettivamente di tale operazione, ma oggidì i comuni babbani utilizzano la fecondazione artificiale..Hermione teoricamente dovrebbe essere 1 strega, vuoi vedere che la sanità magica è più arretrata della nostra??? questi so problemi…

  11. Scusate, io ho l’ovaio policistico.
    Sto seguendo una dieta e sto portando avanti la cura con la pillola.

    Dato che non sono in una situazione tale da dovermi operare – e quanto ti operano è perché le tue ovaie sono davvero messe male, non perché hai qualche follicolo! – la mia endocrinologa mi ha già rassicurato che assai probabilmente non sono sterile.

    Sua sorella aveva l’ovaio policistico e ora ha quattro figli.

    Assai probabilmente lo aveva anche mia madre, considerato l’irsutismo dei tempi… eppure io sono qui.

    E quindi?

    Perché sparare cazzate random senza informarsi?
    Oltretutto l’ovaio policistico non è una cosa così fuori del comune; c’è gente che non sa di averlo, non lo cura e ha comunque figli.

  12. Avete notato che siamo state linkate da un commento alla ficcy? Prevedo bufera, yuhuuu!

  13. Il primo pensiero che mi è venuto è stato “Che gran vaccata!”
    Il secondo “Che immensa vaccata!”
    Ma wikipedia e google che ci stanno a fare?

    sku

  14. Perchè Doctor House non c’è mai quando serve?
    Un po’ di informazione, qualche lettura veloce su google o dove ti pare e si faceva una figura più degna.
    Chissà come mai, poi, si è andati a scegliere proprio Harry Potter per scrivere di questa cosa. (Una vocina mi suggerisce: “Per le recensioni, ovvio!”)
    Belli i personaggi già preconfezionati, eh?

  15. Da persona malata di policistosi ovarica, sono decisamente INORRIDITA.
    Le mie ovaie pullulano di cisti malefiche, ma sono ancora lì. So bene cosa significa avere questo tipo di sindrome, e i rischi che corro, soprattutto senza le cure adeguate.
    So cosa significa avere un corpo gonfio e per certi versi “deformato”, la faccia che è una grattugia e i capelli che diminuiscono giorno dopo giorno. Non è una malattia grave, vero: ma dal punto di vista psicologico può portarti a non accettare il tuo stesso corpo, senza trascurare i rischi futuri (come appunto menopausa precoce, osteoporosi – anche se ho le ossa parecchio dense e speriam non accada nulla – e diabete – quello sono a rischio assai, ho l’insulina a mille).
    Per favore, non scriviamo ca**ate senza saper nulla prima. Anche un po’ di rispetto per coloro che hanno questa malattia.

    Scusate questo discorsetto un po’ emo, ma già vorrei strozzare gli allevatori di vacche degli anni ’70-’80, ora ci si mettono anche le scrittrici di fyccine a rigirare il coltello nella piaga…

    ST: Master of Puppets – Metallica.

  16. dal punto di vista psicologico può portarti a non accettare il tuo stesso corpo, senza trascurare i rischi futuri
    Quoto in pieno: ho la fortuna di non aver gravi problemi legati alla policistosi, ma è una malattia che massacra parecchio l’autostima.

  17. Per mia fortuna gli unici “effetti collaterali” che mi dà sono il sovrappeso e l’irsutismo; entrambi rimediabili (il secondo sta migliorando; al primo devo lavorare, ma vedo che se seguo la dieta il peso diminuisce).
    E comunque nemmeno io apprezzo molto il mio corpo.

    In ogni caso qui, lo ribadisco, stiamo esagerando.
    La mia endocrinologa, parlando in generale, mi disse che se ti operano è perché proprio hai una ciste “brutta”.
    Incidono, rimuovono, richiudono. Non ti asportano le ovaie, in ogni caso. Perché dovrebbero?

    Per cui perché sparare cavolate?
    Oltretutto un medico che non sia folle, nel caso in cui tu non voglia figli sul momento, prova a curarti col DIANE o ormoni; se, invece, figli ne vuoi nell’imminente porta avanti dei trattamenti per stimolare l’ovulazione e, dunque, la fertilità. Non capisco perché dovrebbe rimuovere tutto: dov’è il senso?

    Le ho anche lasciato una recensione:

    Anch’io ho i brividi, specie perché IO l’ovaio politicistico ce l’ho DAVVERO.
    E stai sparando, permettimi di dirtelo, un mare di cavolate.

    All’intervento chirurgico si ricorre nei casi GRAVi e, in ogni caso, non si portano via le ovaie, ma le cisti più grosse. Si incide, si asporta la ciste, si richiude.
    E le ovaie restano lì dove devono restare.

    In secondo luogo “Ovaio policistico = Infertilità certa” è una cavolata che ti sei inventata tu.
    Perché dipende, innanzitutto, dalla gravità della patologia; in secondo luogo perché ci sono dei metodi per aumentare la fertilità nella donna che abbia dei problemi.
    Non so se l’hai sentito, ma ci sono donne che hanno partorito anche a sessant’anni, a menopausa ormai raggiunta; questo grazie a trattamenti (anche invasivi) di cura dell’infertilità.

    Che l’ovaio policistico possa dare problemi a concepire è vero; che questi problemi siano assolutamente irriversibili te lo sei inventato tu.
    Se trovi un medico che per un ovaio policistico ti propone l’intervento chirurgico con rimozione delle ovaie, per favore, denuncialo perché assai probabilmente la sua laurea è falsa.

    Lo sai che cura mi ha dato l’endocrinologa, per l’ovaio policistico? DIANE (pillola), dieta e movimento. E mi ha anche fatto notare che sua sorella, nonostante avesse il mio stesso problema, ora ha quattro figli.
    Per cui, perché prima di scrivere non ti informi? Ti piace il patetismo? D’accordo, ma almeno cerca di informarti. Ed evita di dare informazioni false alle tue lettrici: la malattia non è poi così fuori del comunque, non far disperare qualcuno per niente.

  18. Io sono senza parole. Non c’è limite all’ignoranza umana! Sono indignata, e molto inc****.
    Scusate il mio linguaggio volgare, ma ci sono cose che mi fanno perdere il controllo. Spero che l’autrice di questa mirabile ficcyna sprofondi per la vergogna dopo aver letto QUESTE recensioni. E spero che da ora in poi si documenti prima di scrivere qualcosa “fuori dai suoi standard”. Che rabbia!!

  19. Oltre a ciò che è già stato detto prima di me, trattandosi di una fanfiction del mondo di Harry Potter, bisognerebbe tenere conto di un’altra cosa: nel caso che nel “nostro mondo” non ci fossero cure e l’unica cosa da fare fosse aspettare di diventare sterile (cosa che, comunque, a detta di chi si trova in questa situazione e sa di cosa sta parlando non è vera), possibile che con la magia non si possa fare nulla? L’autrice ha giustificato con una frasetta: […]funziona che non ci sono cure, che non ci sono magie, né pozioni, nè niente[…], che secondo me non basta.Insomma, se con la magia si possono far scomparire e ricrescere intere ossa, dividere in pezzetti la propria anima ecc. trovo sia necessario inventarsi (perché è di questo che si tratta, visto che informazioni del genere non credo si possano trovare da nessuna parte) una scusa plausibile per giustificare come, in questo caso, la magia non possa fare nulla. Altrimenti il tutto risulta davvero poco credibile.Questa storia, tralasciando il fatto che contiene informazioni sbagliate, dovrebbe essere una originale, visto che tranne i nomi “Hermione” e “Ron” e la frase che ho citato prima, di Harry Potter non ha proprio nulla.

  20. Ragazze, vittoria!

    Ho segnalato la storia a Erika, spiegandole come stessero le cose, e lei ha tolto la storia dicendo all’autrice, sostanzialmente, che non è giusto parlare di una malattia senza saperne niente.
    Parli pure di sterilità, ma senza dare informazioni – FALSE – sulla policistosi ovarica e sul fatto che comporti l’asportazione delle ovaie.

  21. Giustizia è stata fatta!

  22. “Se non ti piace non leggere!”. E se sei ignorante non scrivere.[..] Molti di coloro che difendono le fanfiction scritte coi piedi sostengono che scrivere sia solo un divertimento, quindi non importa come lo si fa: tutto sommato perché prendersela per un hobby? Forse perché un hobby, per essere tale, prev [..]

  23. L’ultimo messaggio NON l’ho scritto io!
    Mi sa che mi hanno fregato la password, quindi l’ho prontamente cambiata ^^;;;

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...