Archivi del mese: marzo 2007

Chi comincia bene è a metà dell’opera.

E Pisola 81, con il suo Harry Potter e l’amore impossibile, è pure a tre quarti.

La cosa che mi ha colpito di questa fyccina, e stavolta giuro che sono seria, è che è stata letteralmente sommersa di recensioni negative. Insomma, niente amikette… sarà per il rating NC17? Ma da quando in qua le amikette si pongono problemi di rating? Le migliori orge non sono forse uscite dalla mano di Vestali under-17? E la recensione tipo non è “blxxm qst fyccy! qnd kntn? M e piac tntxx qnd harry a prs draco x le kiappette sode! E qnd(nome della Mary Sue di turno) si e ritrv nuda nl letto!”?

E non è forse degno di una Vestale questo erudito scambio di battute tra i negozi di Diagon Alley:

 cosa sono questi Harry?” domandò Hermione (…)

“Hermione sono pre….” Disse Ron  (…)

Harry tranquillo mise di nuovo la scatola in tasca e disse:

“è l’ultimo anno e… insomma sapete ormai gli ormoni… insomma che ne sapete che non trovo quella giusta per….

Dicevamo?

Prima di recarsi a Diagon Alley, dunque, il Bambino Sopravvissuto si è fermato in una farmacia babbana per comprare dei preservativi. Perché per lui sopravvivere a Voldemort è stato uno scherzo. È la gonorrea ad essere antipatica…

Ma io mi domando e chiedo: perché in una farmacia babbana?

I maghi non usano precauzioni?

O c’è un incantesimo anticoncezionale?

E, se sì, ci sono bacchette obiettrici di coscienza?

Oppure i signori maghi usano il domopak e risolvono la faccenda artigianalmente?

Ma manteniamoci sullo scabroso, mie fedeli compagne di setta. Sì, perché la descrizione della Mary Sue del giorno ha dell’agghiacciante: una ragazza non molto alta ma bella, aveva i capelli lunghi, mossi e rossi. La Rita Hayworth de noantri? Portava un paio di occhiali da sole rosa una maglietta molto attillata (non trovate che sia strano che una Mary Sue porti una maglietta attillata? Corbezzoli, non era mai successo!) e una gonna cortissima con un paio di stivali col tacco bianchi. Mi sa che la signorina ha sbagliato quartiere: Puttan Alley è qualche isolato più avanti. Aveva delle curve da lasciare a bocca aperta chiunque. A me le uniche curve che lasciano a bocca aperta sono quelle dei tornanti di montagna, quando mi fanno vomitare l’anima! E al suo seguito un’elfa domestica. I ragazzi non avevano mai visto un’elfa trattata bene il quel modo e  così curata, anche l’elfa aveva un vestitino carino. Infatti, se l’elfa avesse avuto un vestitino carino nei libri della Rowling, sarebbe stata libera. Ma è giusto che la padroncina Mary Sue abbia anche l’elfa Mary Sue.

E, tornato alla Tana, Harry commenta: appena l’ho vista il mio corpo ha fatto scintille. MA-CHE-SCHIFO!!

 

Arriva il momento dello smistamento (possibile che finora non sia riuscita a beccare una fyccina senza sto cacchio di smistamento?).

La preside McGranitt che, per non far rimpiangere troppo Silente, ha dimenticato tutte le regole della grammatica elementare, annuncia: ragazzi quest’hanno lo smistamento non è finito ancora una persona deve essere smistata. Siccome il regolamento dice che si può entrare solo al primo anno,  quest’hanno abbiamo deciso insieme al ministero di accettare un nuovo alunno che ha superato un difficile esame a pieni voti…

Compito a casa: trovate i sette piccoli errori in questa frase e indovinate chi è il nuovo alunno.

Qualcuno ha detto Mary Sue? Benissimo. Se mi dice che nome spunta sulla carta di identità gli metto pure la lode. Non è difficile: mettete il nome più usato del mondo della fyccina con il cognome del Signore Oscuro.

Viene fuori Elizabeth Riddle. E, giusto per confermare la mia teoria che il Cappello Parlante ha bisogno di una crociera alle Antille per riprendersi, viene smistata a Grifondoro. *o*

Per un motivo sconosciuto, la preside convoca Isy ed Harry nel suo studio. Il ragazzo dalla cicatrice a saetta sulla fronte sta per entrare, ma si bloccò all’udire di un pianto.

“smetti adesso Malfoy non è colpa tua” diceva la Mc Granitt *o*

“no Silente è morto per colpa mia” urlava disperato Draco *O*

Draco che piange per la perdita di Silente? Voglio pensare che lo stia facendo solo perché non ha trovato un altro pusher.

Draco disperato e piangente si accasciò in ginocchio davanti a Harry chiedendo perdono e urlando: “HA UCCISO I MIEI GENITORI, HARRY AIUTAMI, MI HA MALEDETTO E MI HA FATTO UCCIDERE MIA MADRE.”

“e ha ucciso mia madre”  disse la ragazza che era seduta con le mani in volto e piangeva, ma Harry la riconobbe era Elizabeth.

Leggendo queste cose, sono sempre più felice che i miei genitori siano vivi e in salute.

Indi scopriamo che il compito di Harry è di fare da tutore ad Isy.

E che Draco sarà affidato alle cure di Ginny.

Doppia coppia, signore.

Peeloo, subito un catino! Per raccogliere le lacrime, che pensavate cattivone!

 

Ora la scena si sposta in sala comune, dove Harry comunica alla sua protetta che di proteggerla non ne vuole manco per le palle, ma che intanto deve farlo perché l’hanno costretto. Isy cerca di trattenerlo prendendolo per la camicia, che si lacera lasciandolo a torso nudo.

Perché Harry Potter indossa una camicia di carta igienica? Ovviamente per creare la deliziosa atmosfera di porno amatoriale al quale noi Mangiamorte siamo tanto abituate:

I ragazzi iniziarono un tira e molla con la camicia e Isy perse l’equilibrio e cadde sopra a Harry che a sua volta perse l’equilibrio e cadde sul tappeto davanti al camino. E che è? Stiamo giocando a Domino?? La cosa tragica è che la gonna di Isy si impiglio nella caduta in un ferro che sporgeva e la sua gonna si strappò lasciandola in perizoma a cavalcioni su Harry. Oh. Ma che tragedia!

Harry nonostante la rabbia, si eccitò al solo pensiero della posizione che avevano assunto cadendo, e si malediceva di fare quei pensieri perché aveva una sua nemica sopra di lui. Maschi. Miliardi di neuroni persi ad ogni eiaculazione!

Harry non riusciva a resistere, stava per scoppiare il suo membro era diventato duro come roccia e sperava che la ragazza non se ne accorgesse. Visto il suo Q.I., Isy potrebbe anche non accorgersene, Harry caro.

Ci uno scoppio di sensi (sì, in effetti anche a me a furia di leggere sta scoppiando un po’ la vista, e il tatto a furia di scrivere…), Harry continuava a scendere e Isy godeva senza più cercare di reprimere la sensazione (…) In un attimo Harry lo strappò (il perizoma, ndio) e si ritrovò a leccare quello che lui aveva definito il vaso di Pandora, quel vaso che una volta aperto è impossibile non aprire altre mille e mille volte.

Calma. Calma calma calma.

Pandora il vaso l’ha aperto una volta, ed è successo il BORDELLO. Se l’avesse aperto una seconda volta, la Speranza se ne sarebbe scappata con uno di Brindisi, e per il genere umano sarebbe stata la fine.

Quindi, se proprio si vuole un elegante sinonimo, si usi qualcosa tipo:

Acquasantiera

Gabbia del pipino

Ingresso principale

Marianna la va in campagna

Sancta sanctorum

Ma torniamo al nostro amatoriale:

Lei era sopra di lui ora a leccare il collo e scendendo sempre più a valle. Con le mani sbottonava i pantaloni del ragazzo e con foga estrema glieli toglieva. In un attimo gli tolse anche i boxer. Ora era lei che stava provocando un piacere estremo al più timido dei Grifondoro. Non voglio immaginare cosa sarebbe in grado di fare al povero Neville, allora. Andarono avanti per un po’ fino a un po’ con questi giochi fino a quando lei non si mise sopra di lui e lui la penetrò. (…) Provarono una, due, tre, avevano perso il conto delle posizioni fino ad accasciarsi uno affianco all’altro dopo aver provato il piacere.

E, dopo aver provato il piacere, i nostri piccioncini non possono fare a meno di scambiarsi dolci parole d’amore.

“non ti sopporto” disse lui

“sei un bastardo” disse lei

“vai al diavolo”

fottiti Harry”

“scema”

“stronzo”

Come sono teneri!

 

Dal momento che Harry ha avuto il buongusto di insonorizzare la sala comune (con nastro fonosilenziatore in polietilene reticolato, presumo), nessuno sospetta della relazione con la sua donzella… almeno finché Ron non gli chiede un pre… (evidentemente nella fic i tre puntini dopo pre- fungono da censura) per sollazzarsi con la neo fidanzata Hermione.

 dai Harry li hai portati?”

si Ron tranquillo”

Ma sono preservativi o partite di eroina?

 “Harry ma la scatoletta non era da sei?” (…)“ma… ma se me ne dai uno vuol dire che da quelli che vedo te ne sono rimasti 4. quindi ne manca uno.”

Immaginate se alle elementari per imparare le quattro operazioni le maestre usassero preservativi anziché caramelle… non ci sarebbero più tanti caproni in matematica!

Ma proseguiamo. Appena arrivati in aula, i due piccioncini non possono fare a meno di beccarsi a vicenda; di conseguenza, la McGranitt li condanna alla più classica delle punizione di Hogwarts: pulire tutti i trofei della sala dei trofei. Senza magia. Da soli.

Ci spostiamo quindi sul secondo set del nostro bel filmino a luci rosse.

Nulla di nuovo sotto il sole, dunque: camicia strappata… tavolo… leccate furiose…

Harry le baciò i capezzoli e con forza le strappo il perizoma. (il secondo in 2 giorni) Poco dopo si ritrovò a leccarla tutta.

Mi sto un po’ disgustando. Peeloo? Catino!

Harry aveva girato la ragazza e continuato il suo lavoro in un’altra posizione. La cosa che eccitava di più era che proprio di fronte a loro si trovava un grande specchio. Così i due potevano vedere anche in quella posizione l‘eccitazione dell’altro.

Peeloo, dannazione!

 

L’indomani, a colazione, un eccitatissimo Ron rivela di aver sentito, dietro una porta, due che ci davano giù di brutto. A quelle parole tutti (e dico tutti perché Malfoy si trova al tavolo dei Grifondoro, visto che ormai Ginny è la sua ombra) iniziano a chiedersi CHI mai potrebbe essere la coppia felice.

Evidentemente nessuno si ricorda della punizione della McGranitt.

Evidentemente nessuno ha notato che i letti dei due erano vuoti.

E, per fugare ogni dubbio residuo:

 “devo andare in bagno” disse Harry.

“aspetta vengo con te così mi fai vedere dove sono” disse Isy seguendolo.

E i loro compagni si chiedono ancora chi ci fosse dietro quella porta…

Il bagno, dunque, è la terza location dell’amplesso tra i due nemici-amici.

Mi chiedo perché la fyccina si intitoli “amore impossibile” se qui tutti la danno via che è un piacere.

Isy diretta aveva poggiato la mano sul membro duro di Harry e con rapidità slacciò i bottoni dei pantaloni e diresse la sua mano dentro ai boxer del ragazzo iniziando a massaggiare a pelle il suo organo duro.

Gran brutta bestia la ninfomania.

 “ Harry… io….. mi sento…..”

La ragazza tolse la mano se la appoggiò sulla testa (oddio, che schifoooooo!!) e cadde a terra svenuta. Ma di solito non è il maschio a cadere in catalessi? Harry si ricompose e urlò con quanto fiato aveva il gola la parola aiuto. Ma prima si ricompone. Si vede che a lei ci tiene!

Ma la cosa che lo preoccupò era che dai suoi bei capelli rossi spuntavano dei capelli color argento che non aveva mai visto.

Anemia perniciosa o ipotiroidismo (nd Gregory House)?

Ma la diagnosi di Madama Chips è “probabilmente reminescenze di un tempo passato”.

E il professor R. J. Lupin, che evidentemente passava di lì per caso, racconta: Molto tempo fa circa 19 anni fa io………………………………..

Oh, evidentemente dobbiamo completare la frase! Su, tutte a riempire i puntini!

Isy: io non sapevo… non mi aveva mai detto il nome…. Allora tu sei…. Cioè io sono parte di te.

McGranitt: vedo che Remus ti ha raccontato tutto vero?

Lupin: si Minerva l’ho fatto non potevo sopportare di vederla sola, volevo che contasse su di me, infondo è anche…. Figlia mia….

Fatemi capire: LUPIN E’ LA MADRE DI ISY?? E CHE HA FATTO 19 ANNI FA? UN VIAGGETTO A CASABLANCA??

Ma proseguiamo a gustarci questa chiusa di capitolo.

Isy: perché i miei capelli stanno diventando argentati?

McGranitt: perché tuo padre, prima di concepirti insieme a tua madre (non vedo con chi altri potesse concepirla) aveva bevuto sangue di unicorno e gli è rimasto nel sangue. Così te lo ha trasmesso. Probabilmente l’effetto stà (è il 7695° stà con l’accento sulla à, nb) finendo e tu ne stai risentendo (…) ti sei mai chiesta perché riesci a fare magie anche senza bacchetta? Hai più sangue magico tu che qualsiasi altro mago.

Rispondo io! Perché è una Mary Sue!

Annunci

Non ci posso credere

Ho riflettuto a lungo, prima d’iniziare questa recensione: non volevo annoiarvi con un monologo moralista, ho cercato di commentare con la consueta ironia, spero comunque che la presenza di codeste “gemme” possa farvi riflettere un po’.

I Malfoy come mai l’abbiamo visti: sereni. Non voglio che stappiate lo champagne, perché il divin pargolo ha dei seri problemi, che analizzeremo in questa sede.
All’ apparenza, Malfoy Manor ospita una normale ed armoniosa famiglia di maghi: Narcissa è una madre dolce e premurosa, oltre che bella; Lucius è un uomo severo ma affezionato all’unico figlio.
Una coppia tranquilla, insomma. Hanno pochi ma fidati amici, come Severus Piton.
Il piccolo Draco è allevato con amore, conosce la disciplina, ma i genitori lo accontentano in tutto ed è quindi viziato.
Questo lo sapevamo da circa sei libri.
Ignoravamo che Malfoy fosse più diligente di Hermione (nessuno può esserlo, per Bowie!), che Draco oziasse su un materasso ad acqua e che trangugiasse bevande in stile anni’80.
Nelle nuvole in cielo, Draco scorge Dobby, Lucius “io ci vedo un gelato servito in noci di cocco corretto abbondantemente con Pigña Colada!”.
Un vero tocco di classe, non trovate ?
I Malfoy non toccherebbero un liquido così cafone e babbano neppure se rischiassero di morire di sete. Disidratati, ma puri.
Il God of Sex non si smentisce mai, il carisma divino si palesa in piccoli dettagli: “Alzando un sopracciglio, l’uomo trasformò l’amaca in un comodo divanetto stile Medioevo, con varie intarsiature.”
L’amaca a Malfoy Manor farebbe venire la febbre a Cissy, mentre il divano in stile Medioevo con varie intarsiatore non voglio neppure immaginarlo.
Cosa succede in codesta storiella, pulcini?
Draco bacia il padre. No, non è un casto bacio d’amore filiare, un comune gesto fra parenti, no. Il bacio di Draco è un bacio diverso, così viene descritto e percepito dal genitore.
“quegli occhi grigi fecero capolino tra i petali di pesco che li racchiudevano.”
*o*
Lucius riapre gli occhi, volevo rendervi condividere la descrizione.
L’uomo è ovviamente frastornato dal gesto del ragazzino, ma non vuole indagare, o meglio, fa domande assurde.
Domanda perché non cerchi simili attenzioni in Severus o nella stessa madre, ovvero la tipica reazione di padre preoccupato. Un comportamento assurdo, che non so spiegare.
Le risposte di Draco sono altrettanto illogiche: la madre è una splendida Dea e Severus non è esteticamente gradevole.
Il piccolo è attratto sessualmente dal padre; una notizia simile farebbe saltare le coronarie a chiunque.
Se il tipico padre si chiuderebbe in una cupa riflessione sul proprio ruolo educativo e su eventuali errori compiuti, ricordando ogni singolo momento trascorso con la prole; Lucius scrolla le spalle e rimanda la questione a quando Draco sarà più grande.
Malfoy, in uno dei libri, sarebbe andato al San Mungo spendendo una fortuna per curare Draco. Ed è giusto che sia così: è suo padre.
Draco ha evidentemente qualche problema nel relazionarsi con la realtà.
Narcissa, povera donna, si sarebbe fatta forza per la terapia di famiglia.
Bellatrix cruciava il cognato: per essere sicura…
Qui, non accade nulla di ciò: Lucius acconsente e Draco lo bacia una seconda volta.
La storia è già di per sé imperdonabile, ma vediamo cosa ne pensa il volgo:
Bar Sport: “Draco è veramente dolcissimo, e Lucius…beh se avessi un padre così anch’io ci farei un pensierino!!!!”
Un’acuta recensione: la storia è stata sviscerata perché il significato assumesse una valenza sociale. Sono commossa.
“Draco e Lucius? Non ci avevo mai pensato!!!”
Siamo in due.

Vi lascio credere che sia stata cancellata?
No, eccovi il link:
Gothika85 racconta.

Choco-Draco

Cosa non si fa pur di non studiare, mie care, a cosa non si arriva..
Stavo giusto per immergermi nei Sotterranei dell’Opèra Populaire e raggungere il mio Maestro nella sua somma Concentrazione (leggasi: Latino richiede la mia presenza..) quando un pensiero birichino mi ha attraversato la mente.
Ma perchè non dilettarci con una delle Perle offerte gentilemente dal Tempio?
Mi è bastato varcare appena la Sacra Soglia per trovare questo gustoso cioccolatino.
L’autrice ci informa gentilemente che le è venuto in mente di scrivere questa flashy mentre mangiava un Lintdor.
Uh, momento di vero godimento..
Ah no, scusate, quello era il Mars! Beh, sempre di cioccolato si parla, no?
Bene, tralasciando che non si capisce chi sia il Lui che parla di un Lui, si può tuttavia intuire..
"Questa è la prima ff slash che scrivo, venuta in mente mentre mangiavo un lindor è molto corta, ma un cioccolatino come sapete non dura in eterno. Spero vi piaccia e che lascierete un commentino grazie"
..che è una Slash *ò*
Tra l’amato figliolo del GoS e Potty, ovviamente, ne dubitavate?
Perchè nessuno scrive mai una Seamus/Neville (oh no, magari esiste..GoS prega per noi!)
Emh, dicevamo?
Ah già, si parlava della storia..no, forse chiamarla tale è un po’ troppo.
La trama è colma di suspence, pathos, colpi di scena!
Il tutto gira attorno ad una singola cosa: un cioccolatino.
Già, mie Care, io sto rimandando i miei Oneri, mentre la soave Voce del Maestro mi richiama giù nei Sotterranei (Angel of Musiiiiic *ò*), per recensire la storia di un Cioccolatino.
Il vero protagonista, alle ortiche i giri di parole, è lui!
Il succulento concentrato di cacao deve assistere impotente alla zuccherosa scena di qualcuno che guarda qualcun altro..
Ora, come già detto, non si comprende bene chi guardi chi, ma facciamo delle Ipotesi:
"Prendendo il cioccolatino non posso fare a meno di pensare che tu sei come lui, duro all’esterno ma morbido e dolce all’interno, mentre addento il piccolo dolce, mi affiora nella testa immagini di noi, e penso proprio che tu sia come un cioccolatino, una corazza dura e impermeabile alle cattiverie, perché tu sei il principe delle cattiverie per eccellenza, sopratutto nei miei confronti quando stai con gli altri;"
Bene, chi è il Principe delle Cattiverie?
Ah-ah, giù quelle mani, mie care, lo sappiamo tutte!
Draco Satine Lucius Malfoy, ma è ovvio..
Ho sentito un urlo, credo che Choco-Draco abbia espresso la sua disperazione; o il suo disappunto, se l’imprecazione che ho sentito era davvero tale..
Ma andiamo avanti, mentre Potter sta praticamente raggiungendo l’estasi azzannando un cioccolatino:
"Ed eccomi al ripieno, morbido e dolce, proprio come sai essere tu quando siamo da soli, gia [già] solo e soltanto quando siamo da soli, e mi chiedi scusa per essere stato cosi cattivo e io che ti bacio dolcemente mentre ti dico non importa, va bene così, è la tua natura, perché se solo gli altri sapessero di noi…sarebbe veramente la fine di tutto, di questo splendido amore che purtroppo è clandestino."
Che tragedia, che Amore, che passione!
Le urla continuano, là dietro..
Ricapitolando, Lintdor-Malfoy è duro fuori e tenero dentro.
Non lo trovate assolutamente *ò*?
Ma arriviamo alla fine, mie care, di queste righe di puro piacere sensoriale..
"Quindi rimango qui all’ombra di quest’albero ormai alla fine di questo dolcissimo cioccolatino e non posso far altro che pensare che tu sia come lui [per la serie, Amore alle Ripetizioni?] duro all’esterno ma dolce all’interno mentre ti osservo camminare e mi appresto a mangiarne un altro e un’altro ancora [Potter ha letteralmente svaligiato Mielandia..] pensando e ripesando a quanto ti amo ma sopratutto a quanto mi ami. [*ò*]"
Bene, non avete forse raggiunto una calma e un piacere interiore?
Non sentite forse anche voi la voglia di addentare un cioccolatino e pensare al vostro amato *ò*?
Se Latino e il Maestro non richiedessero la mia immediata presenza, subito!
Leggetevi queste 21 righe e con Choco-Draco la vita vi sorriderà.
Spledido splendente, non ti passa mai di mente, un pensiero avvolgente..
Caliente, suadente..
Ti accarezza dolcemente!

Ah no, sbagliato di nuovo..quello era il Mòn Cherì.