Dies Irae. Dies illa.

La Domenica s’avvicina, mio amato pubblico, dobbiamo mondare il nostro animo sozzo dei peccati della settimana.
Velatevi il capo, sgualdrine !
La stella che brilla sul fondo dell’ Inferno di Non Anonimo.
Inginocchiatevi innanzi all’ effige della Somma e tuffatevi con me nella purezza del primo Cross – over fra “La Bibbia” e “La Divina Commedia”.
“E’ più o meno il seguito di Colui che ama.
Gesù va nell’Inferno per portare gli uomini in Paradiso, e li ha un breve dialogo con Lucifero.
Probabilmente è uno strano Cross-Over tra la Bibbia, La Divina Commedia(ma poco) e la mia mente malata….
So che come introduzione non è un granchè…”
No, è l’introduzione più *o* che abbia mai letto.
Sono in estasi, pulcinotti !
Partiamo con l’idea che la Trinità abbia una coscienza completamente scissa, non unita ma parte d’un’ unica mente, bensì tre menti sparse per il Paradiso.
Le discussioni millenarie su Dio sono liquidate in quattro righe, leggere per credere.
Il protagonista, che sarebbe Gesù, si domanda perché i romani ed il popolo ebraico non abbiano compreso il Suo Messaggio e se devo essere sincera, è una domanda che assilla noi mortali da parecchio tempo.
Gesù scopre che nel Paradiso gli Uomini non sono ancora stati accettati (è un po’ la storia di quei club esclusivi dove aspetti tre ore per bere una birra analcolica), come sappiamo i Giusti erano relegati in una sorta di Limbo all’Inferno.
Non era il Limbo, era una sorta di Limbo.
Ora, come il Figlio di Dio (unigenito nato dal Padre prima di tutti i secoli) non sappia chi stia in Paradiso e perché è un Mistero della Fede.
La solitudine l’opprime, pur essendo Uno e Trino, Gesù vorrebbe tornare a ridere, a scherzare ed a rimorchiare con i suoi dodici amici e con le bellissime ragazze che gli servivano la cena, senza contare la mamma…
Armato di santa pazienza, Gesù si reca nello scantinato di Lucifero.
Lì ci sono “Ombre rosse” il famoso film western che ha ispirato una generazione e demoni.
Il nostro Redentore sente una grande affinità con la crew di Lucifero: gli Angeli (oltre a non avere sesso) sono dannatamente (oops) noiosi. Gesù ama il Padre Suo ma è con Lucifero che ha scoperto un altro tipo di sentimento.
Dio ovviamente non è onnisciente e quindi conscio delle più leggere sfumature dell’ animo umano, animale, vegetale e divino, no. Gesù come Harry Potter scopre l’imbarazzo della pubertà dopo l’essersi disfatto della condizione umana.
Le Legioni Infernali sono ovviamente intimorite dal rampollo Celeste e così Gesù si mette colloquiare con Lucifero.
San Giuseppe è esposto ai tormenti; una piccola inesattezza: egli come i profeti prima di lui erano in una stazione intermedia fra la Terra ed il Paradiso, non erano fra la marmaglia berciante dell’ Inferno.
Non importa, Gesù pensa che suo padre è San Giuseppe e Dio il suo burattinaio. Il fatto che Lui sia parte di Dio non lo sfiora.
(sta cosa mi ricorda “I Griffin” quando fanno arguta satira sull’ignoranza religiosa).
Lucifero elenca allora i peccati dei discepoli: Giuda l’ Iscariota sappiamo cosa ha fatto, San Pietro si grattava il sedere in pubblico e… La Maddalena (Maria di Magdala suppongo) lo amava come uomo.
Ricordiamo tutti la struggente “I love him” infatti.
Gesù mercanteggia la liberazione di San Giuseppe e di Giuda. Non punito in quanto traditore e suicida ma perché pazzamente attratto sessualmente da Gesù e pare ricambiato.
Il bacio gay non lascia dubbi, miei cari.
Il Figlio dell’ Uomo se ne va senza salutare e sono sicura che Maria sia scandalizzata: immagino che la sua educazione fosse stata squisita e non da cafone di periferia.
Ritorna ai cancelli dorati dove ancora non sono arrivati Bonolis e Laurenti e lì trova i Giusti che passeggiano fra i Putti basiti.
Appoggiato al cancello c’è lui: Giuda.
Gesù e Giuda iniziano a chiacchierare di calcio e di “Lost”.

Amen.

P.S. E chiediamoci perché si tolleri certo pattume.

Annunci

19 risposte a “Dies Irae. Dies illa.

  1. Avrebbero potuto inserire pure Dream degli Eterni. E Cristopher Walken in versione Gabriel (da slashare con Simon… )

  2. Allora pure Loki-Matt Damon e Alan Rickman con le ali da “Dogma”.
    Intanto io mi figuro Giuda che canta “Jesus Christ Superstar” fra i Putti celesti…

  3. Zietta, se ci fosse stato Loki forse mi sarei anche accostata a leggere ‘sta storia, ma sinceramente non mi va di farlo perchè mi è stato insegnato a non maltrattare le persone, e finirei per farlo con l’autrice di tale scempio, se provassi a cimentarmi nella lettura, e non voglio peccare (mò ci vuole) prima di andare a Messa. Perchè è lì che andrò fra un’ora, nel tentativo di scoprire se sono io che non ho mai capito niente o se è l’autrice che ha bisogno di un corso di catechesi avanzato. E se dovesse continuare con la sua ignoranza, allo credo che finirebbe anche lei nella sorta di Limbo, ad ubriacarsi durante gli orgia-party con Lucifero e con Alan Rickman. E, a questo punto, gradirei mi portasse un autografo di quest’ultimo, una volta di ritorno.
    Bella, Gabriel e Simon hanno tentato di uccidere l’autrice nel sonno, per cui lei si è poi rifiutata di dar loro un lavoro. Credo ci abbiano guadagnato.

  4. Già… Anche se immagino che Simon abbia tentennato…
    Ma ancora nessuno in Italia ha scritto slash su The Prophecy? Ci sarebbe materiale per un’intera saga!

    Vero, mi ero dimenticata Dogma. Vergogna su di me: come si può dimenticare di citare Dogma!?!
    Alan… Portatemelo intero: sono nell’AR_Italia, e l’anno scorso non ho fatto regali di Natale alle ragazze.

    Bellatrix

  5. Eheh! La vostra recensione è divertente è mette in ruisalto tuti i punti deboli della ff, ma ho già fatto il mea culpa un numero infinito di volte
    (sia nella ff stessa che qui: http://freeforumzone.leonardo.it/viewmessaggi.aspx?f=4642&idd=6752 )
    quindi mi prendo la libertà di metter su una piccola difesa.
    Prima di tuto io non ho mai avuto un’educazione cristiana e per quanto lo desiderassi non i è stato possibile seguire nessun corso di escatologia trascendentale, a differenza di molte altre persone, e si, in effetti sono ignorante, ma dopotutto c’è un sacco di gente che scrive ff ambientate in paesi stranieri senza considerare gli usi e costumi locali, etc…
    In pratica so di aver considerato la bibbia solo come un libro qualunque, quindi accetto critiche solo se vengono fatte partendo da questo e non su valori di fede.
    Ci sono un sacco di filosofi che hanno discusso sull’onniscenza di Dio, e molti di questi cristiani, quindi ho preso un po’ di qua e un po’ di la e ho creato una storia.
    Per la colpa o meno degli uomini e sul modo in cui sono destinati al paradiso lo spunto è venuto da S.Agostino. Altre parti si rifanno al corano.
    E’ in effetti molto sbrigativa, e di questo me ne faccio carico perchè non ho scusanti.
    Su ff.net c’è un piccolo archivio di storie JJ (GesùGiuda)., sia sotto JCS che sotto la Bibbia.
    Sfortunatamente in Italia è difficile trovarle e come inizio non ho saputo fare di meglio, ma almeno ci ho provato.
    Dogma…Dogma non sarebbe centrato poer niente e poi, non centra niente, come materiale ff non mi piace tantissimo, dato che le coppie canon sono BartlebyDio non ricambiato e mi sembra quasi impossibile mettere una BartlebyLoki partendo da queste premesse (sempre se non fosse anche loki a non essere ricambiato).
    Gli eterni c’entrano ancora meno, ma tenterò di rimediare (però death non dream) XD.
    Se vi interessa ho scritto il terzo capitolo, che è solo poco più di una drabble, se volete criticare fate pure, è sempre di aiuto.. solo una cosa: non nominatemi “Sex and the city” o “lost” perchè io non li vedo e non so a cosa si riferiva la battuta su samantha (o chi si costei)….
    PS: Giuda e Gesù si sono messi a parlare del prezzo del pesce e dell’ultimo pettegolezzo su S.Pietro, alla fine!
    Ciao!
    PS2: Augurare l’inferno a qiualcuno (non parlo di me, io se esiste dovrò andarci per motivi tecnici, quantomeno; ma di Alan Rickman) è veramente un comportamento da ottimi cristiani, forse potresti farmi tu un po’ di catechismo!

  6. io ti ho augurato la *sorta di limbo*, non l’inferno…La mia battuta nasceva da una domanda: se il Limbo è una caratteristica dell’Inferno cristiano, perchè nel caso della tua storia occorre parlare di *sorta* di Limbo? Comunque, da quello che dici non hai intenzione di avere rapporto alcuno con Alan Rickman, quindi devo dire addio al suo autografo…vabbè, magari lo chiederò a qualche autrice di storie su Severus Piton, a questo punto. Ora, voglio fare una domanda che non c’entra con questa recensione. Dov’è finito il falso-capitolo della storia (o meglio dire *scempio*?) su Jack Sparrow dal sorriso ammaliante e la giovane modella di biancheria intima?

  7. Era una “sorta” di limbo, proprio perchè so di non aver ricreato un ambiente realistico ^^
    No, sfortunatmente Alan Rickman è fuori dalla mia portata, anche se non mi veniva proprio in mente come Snape ma come Metatron(è per questo che non vedevo che centrasse con l’inferno…) XD
    Ehi! incominciava a far ridere anche a me la storia della milionaria fra i pirati (ops, sto passando da vittima a carnefice uhahah!), è a quella che ti riferisci, vero?

  8. Credo che qua nessuno augurerebbe seriamente l’inferno a Rickman: almeno da parte mia sono una devota ammiratrice.

    Parlando di Dogma e gli Eterni, la mia era una battuta: dato che entrambi “centravano” come tematiche sarebbero apparsi come delle guest star interessanti.

    Non credo che gli angeli potrebbero amare “carnalmente” qualcuno: vedere alla voce “tecnicamente come un bambolotto” di Dogma.
    Inoltre credo che rischierebbero la dannazione.
    Le uniche coppie fattibili a questo punto sarebbero o con Dio o tra angeli “spennati”. Ovvero nei pochi attimi in cui sia Bartleby che Loki sono umani: alla faccia della sveltina!

    XD

    Lauretta, il falso capitolo della fanfic su POTC è finito al suo posto: cancellato.

    Tra le altre, ho notato che è segnata come crossover: tra cosa? tra POTC e le Bratz?

    Bellatrix

  9. Io nel leggere e soprattutto nello scrivere una Fanfiction parto da un banale presupposto: la materia trattata è conosciuta dal suo autore e lettore.
    In altre parole, se scrivo una storia su “Il Signore degli Anelli” devo aver letto e compreso l’ opera di Tolkien, se scrivo una storia su “Sandman” ho una vasta conoscenza delle graphic novels di Neail Gaiman. Altrimenti è inutile e superficiale utilizzare i personaggi come fantocci per le proprie fantasie.
    E ritengo uno sfoggio di personalità narcisistica e priva del senso del ridicolo, pubblicare un lavoro mediocre nella struttura narrativa, povero dal punto di vista lessicale ed ignorante nella materia che vuole rielaborare.
    Date queste premesse, comprenderai perché la tua replica non mi paia adeguata alle critiche qui poste.
    La cultura italiana e gran parte di quella occidentale è impregnata di Cristianesimo (non tirate in ballo i crocefissi nelle scuole ed altre sciocchezze inutili tal risma, vi prego), sarebbe da fazioso asserire che l’eco di duemila anni di dottrina religiosa a sua volta fusi con i culti pagani e la civiltà romana/ellenica non abbiano influito sulla nostra formazione culturale e sociale.
    Ragion per cui un libro come la Bibbia assume una grande importanza, perché testimonianza dell’ educazione ebraica del loro culto, della loro mitologia e della loro storia attraverso i secoli, indi per cui il Nuovo Testamento è un documento di primaria importanza per capire lo sviluppo sociale della nostra civiltà.
    Le opere da me citate e le tante altre che esistono sul tema della divinità monoteistica cristiano/giudaica sono il prodotto di una profonda riflessione sul tema (“Dogma” a mio giudizio vale de “Il Codice Da Vinci” sotto ogni punto di vista), non sono estemporanee storie con nomi noti.
    “Il tanto per…” ai miei occhi non è mai una giustificazione. Non ho sbirciato nel tuo quaderno, chiedendoti perché scrivi di Giuda, Gesù e Maddalene non meglio precisare (Maria di Magdala, l’ adultera, la meretrice, la sorella di Lazzaro ?), ho aperto una pagina pubblica, in un sito pubblico ed ho ragionato sul tuo scritto.
    Non mi hai spiegato da cosa hai desunto che la Trinità Cristiana sia stata scissa in tre menti, né se Gesù abbia perso o conservato la sua umanità e se sì in quale misura essa è presente nella percezione della divinità.
    Se Gesù non è in realtà il Figlio dell’ Uomo, allora la sua conoscenza di Lucifero è limitata a qualche apparizione terrena, dove Gesù rifiutava ciò che l’altro gli offriva.
    La questione di Giuda poi è risolta in maniera semplicistica: lui come mezzo necessario alla salvezza del genere umano è un discorso più maturo di un’attrazione d’altra matrice e pure più innovativa.
    Capisco che in Italia sia difficile trattare di certi argomenti, ma se desideri farlo dovresti ampliare la tua gamma d’argomentazioni e dare ai lettori qualcosa che non può essere contestato aspramente dal punto contenutistico se non da estremisti cattolici (che ci sono sempre).

    P.S. Era un discorso di citazioni, io di mio la gente la mando a Quel Paese, al limite.
    “Dogma” lo fanno su Canale 5 alla 1,55 di notte…
    Son discussioni da forum, no ?

  10. Infatti non mi sembra di non accettare le critiche, anzi..
    Solo che non cancellerò la ff, se è questo che volete, probabilmente è un comportamento egocentrico ma… no, non lo è affatto. C’è a chi è piaciuta a chi ha fatto schifo, chi la criticata senza averla letta, chi l’ha apprezzata solo perchè pensava che fosse “trasgressiva” (ed invece non lo è perchè gioca più su visioni stereotipate dei personaggi e delle ideologie che su una riflessione seria, cosa che di solito faccio in altr sedi). E’ una storia che prende spunto da personaggi biblici senza pretese. Se avessi voluto mostrare verità di fede sarebbe stato un comportamento idiota e narcisistico, scrivere una favola con spunti presi da basi già esistenti è il concetto base di fan fiction e non devono esserci differenze solo per il soggetto trattato.
    Ammetto che con la prima sullo stesso argomento è la ff più brutta (a pari merito con un’altra) fra quelle che ho scritto, e che ognuno può ricordarmelo, ma ho visto di peggio. Può non essere una scusante, ma come avete fatto notare tutte, è un argomento difficile su cui non si accetta un “poco più di niente” che era la mia ff.
    Dogma è uno dei miei film preferiti, ma si porta dietro una visione “americana” del cattolicesimo, mentre il codice ha come hanno fatto nbotare in molti negli ultimi tempi, delle voragini storiche e culturali. Ed entrambi sono lavori sensati, che vogliono trasmettere qualcosa. Una favoletta di due pagine non centra niente, ma grazie del paragone ;D
    Il presupposto da cui parto io per scrivere una ff è: hai lettovisto qualcosa e quella ti ha ispirato.
    Forse non si notava, ma l’avviso AU e OOC c’era sempre, ed esistono per un senso.
    Lo dirò un’ultima volta: OOC!
    Siete cristiani? Perdonatemi! (di chi era questa battuta?)
    A parte gli scherzi.. ho rotto abbastanza, ma mi piacciono le discussioni, e devo dire che la tua critica era migliore di quella fatta da Selenya, forse perchè non cercava di risultare “simpatica”(senza offesa, selenya, mi è piaciuto il tuo post solo che…non stai criticando ragionevolmente, ma prendendo in giro per far colpo e spronare le altre)
    ok, ora smento di asfissiarvi, ho parlato anche troppo..
    Ciao e Buon lavoro!

  11. “Siete cristiani? Perdonatemi! (di chi era questa battuta?)”

    La battuta (di Daniele Luttazzi) è in realtà la seconda parte di una battuta più lunga. Luttazzi diceva qualcosa sul Cristianesimo e si immaginava la risposta del pubblico: “Ehi, noi siamo cattolici, ci sentiamo offesi!”.
    E allora lui rispondeva: “Siete cattolici? Mi dispiace! Non per avervi offeso, perchè siete cattolici!”.
    Fine precisazione.

    Detto ciò, non credo proprio sia nell’intento di Selenya far sì che la tua storia non venga cancellata. Questo blog (e non solo questo) si è prefisso lo scopo di “raddrizzare” il mondo delle fanfiction italiano, dato che ormai nei siti proliferano abomini scritti da gente che non sa che cosa sia la grammatica (non mi sto riferendo alla tua storia, che non mi permetto di giudicare non avendola letta. Il mio è un discorso generale).
    Tu stesso (spero di aver azzeccato il tuo sesso) affermi che questa tua storia è la più brutta fra quelle che hai scritto; bene, lo scopo del blog è proprio questo: portarti a ragionare sul fatto che la tua storia ha qualcosa che non va. Intestardirsi e pestare i piedini come fatto da due autrici qualche post più sotto non porta a nulla di buono.
    Riguardare la propria storia, cercare di migliorarla, contattare un betareader perchè dia un parere su grammatica e contenuto… Ecco, questo invece può davvero portare a qualcosa di buono: una storia scritta bene, piacevole da leggere e che magari faccia anche riflettere.
    E con questo, chiudo.

    Dk86 (che come al solito non ha voglia di loggarsi in Splinder)

  12. Il fenomeno continua a proliferare? Nella mia ingenuità pensavo che fosse una moda che, per la sua assurda morbosità, si fosse esaurita molto in fretta, facendo poche vittime.
    Sì, è vero, in rete c’è di peggio. Ho trovato alcune storie mille volte più oscene di questa. Ma lo ribadisco anch’io, questa non è una scusante.
    Al di là dello stile, quello che non capisco – sul serio – è come ci si possa permettere di utilizzare certo materiale con così tanta superficialità, come se la Bibbia fosse paragonabile ad un romanzetto rosa venduto nell’edicola della stazione.
    E francamente mi dispiace vedere che, in tutti i casi a cui ho assistito, a monte di certe fanfiction ci sia sempre una persona che ammette di non avere molto a che fare col cristianesimo. Come se questo fosse un argomento. Come se il fatto di non essere cristiani o cattolici rendesse lecito l’utilizzo del materiale che per altri è sacro a soddisfare le proprie fantasie.
    Io sono atea, e se non rispetto certe posizioni della Chiesa cattolica (perché credo che in certi casi sia la prima a non rispettare), rispetto invece il suo credo fondamentale. Non lo condivido, e lo critico, ma non mi sogno di desacralizzarlo in assoluto solo perché io non ci credo. Cosa che invece certa gente si permette di fare, e la cosa mi dispiace e mi infastidisce, perché così dà continuamente adito al pregiudizio per cui l’ateo è – sostanzialmente – religiosamente stronzo. Secondo me si dovrebbe smettere di pensare solo a ciò che potrebbe offendere noi stessi, e pensare più in largo, coinvolgendo anche gli altri. L’omosessualità di Cristo non offende ME, in quanto non cristiana, ma non ha il minimo motivo di essere ipotizzata, nella tua storia non giustifichi in nessun modo questo cambiamento, e in un caso in cui l’OOC va usato con le pinze.
    Studiare un po’ l’argomento e chiedersi se valga davvero la pena di scriverci: due buone abitudini che non sarebbe male iniziare ad adottare.

  13. (Se non erro la canzone di JCS è “I don’t know how to love him)

    Io non so cosa dire, se non che mi meraviglio che qualcuno ritenga di poter scrivere certe cavolate impunemente.
    E mi meraviglio anche di non gliele fa cancellare due secondi dopo averle messe on-line.

    Non sono una persona religiosa, anzi, ma in certi casi do quasi (QUASI) ragione a Ratzinger…

  14. Il commento 13 è mio. Non so perché ha fatto logout senza che glielo chiedessi >>

  15. Tutti questi commenti mi fanno riflettere: se non è delicato scrivere fanfiction sulla Bibbia perchè potrebbero offendere ebrei/cattolici/cristiani ed altro, ha un senso che poi vengano tranquillamente scritte e lette fanfictions su libri/manga/film che prendon come punto di partenza la Bibbia?
    Tipo che so, Dogma, The Prophecy, Sandman o Angel Sanctuary?
    E chi da a Kevin Smith, piuttosto che a Kaori Yuki l’autorizzazione ad utilizzare materiale che per alcuni è sacro nelle loro opere?

    Bellatrix (travestita da Marzullo)

  16. >Siete cristiani? Perdonatemi! (di chi era questa battuta?)
    L’ha citata il divino Daniele Luttazzi, ma su YouTube circola un monologo dove è un comico americano a pronunciarla, in verità ignoro chi l’abbia detta, ma chiunque sia, io lo amo.

    Le persone citate da te, Bella, lo fanno a scopo di lucro e non agiscono da soli ma con un gruppo di persone, inoltre c’è sempre una documentazione sotto, non dico sia “perfetta” ma è seria, perché appunto sopra si giocano la carriera.
    Le critiche non sono loro risparmiate, mi pare.

    Traccia 13: “I’ don’t know how to love him” Mary Magdalane/Yvonne Elliman.
    Credo che non troverò pace dopo questo errore osceno: io sono cresciuta su queste canzoni !

  17. Che noia, ancora fyccyne edite a punzecchiare i cattolici…
    Adesso è di moda dare addosso a questa piccola minoranza (perché, diciamocelo, in Italia non crede quasi più nessuno), non c’è più gusto leggere fanfy come questa.

    Ragazze mie, se volete provare qualcosa di *veramente* trasgressivo, provate a slashare su un *altro* libro…

  18. Sono d’accordo con Frida: per trattare certi argomenti bisogna saperlo fare. Se no si risulta volgare e insultanti. Poi è chiaro che l’argomento “pesante” potrà causare critiche. Ma saranno critiche diverse da quelle che si riserbano a una persona che, per pigrizia, non si degna di approfondire l’argomento, e che parte in quarta come con uno schiacciasassi su certi libri.
    Si è citato Luttazzi. Luttazzi spara di quelle battute sulla Chiesa e sulla religione che sono veramente pesanti. Viene ovviamente contestato, ma perché Luttazzi mi piace e questa storia no? Perché Luttazzi fa satira e la sa fare molto bene.

  19. Io sono agnostica, per cui non parlo per Fede.

    Film come “Dogma”, “JCS” e così via sono stati pensati da gente che si è assunta le proprie responsabilità. Non a caso Dogma difficilmente passerà in prima serata e JCS fece scandalo.
    (Io AMO JCS)

    Esempio che esula un po’ dall’argomento: Lolita.
    Lolita è un libro/film che tratta un argomento controverso (l’amore tra un uomo e una bambina), ma sia Nabokov che Kubrick si sono presi tutta la responsabilità del tema portato davanti al pubblico.
    Diverso è se lo fa una ragazzina all’acqua di rose, tanto perché è trasgressivo, figo ecc.

    Se si vuole prendere un tema “grosso” bisogna farlo con le pinze, non tanto perché scrivono tutti e scrivo anch’io.
    Qui stiamo parlando di un Libro Sacro (che si creda o no, la Bibbia rimane un Libro Sacro), in cui credono milioni di persone.
    O ti prendi le tue responsabilità, scrivendovi su (Brian di Nazareth, in Italia, è uscito con 20 anni di ritardo!) oppure lasci perdere.

    Non puoi scrivere su un tema così delicato senza nemmeno documentarti.
    Se lo fai sei un pazzo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...